-
Eventi Internazionali

Clijsters ko. Konta: "Un privilegio sfidarla"

La numero 1 britannica ha sconfitto Kim Clijsters 6-3 7-5 e ottenuto la sua prima vittoria dallo US Open del 2019. "Non pensavo che avrei mai giocato contro di lei" ha detto. La belga ammette: "Devo migliorare in molti aspetti"

di | 04 marzo 2020

Nel suo secondo match dopo il ritiro nel 2012, come nel primo contro Garbine Muguruza a Dubai, Clijsters ha cercato di accorciare gli scambi, ha mostrato che da ferma sa ancora come si colpisce forte e sulle righe. Ha anche sorpreso Konta, testa di serie numero 2, con almeno un paio di palle corte estratte da un repertorio di campionessa di razza. Ma la fatica negli spostamenti è riemersa ogni volta che la britannica ha stretto le traiettorie, ha giocato negli angoli. Di frequente, nel secondo set, Clijsters nemmeno accennava ad andare sulla palla quando succedeva. "E' stato difficile, Kim colpisce benissimo" ha concesso la numero 1 di Gran Bretagna, "e quel che fa con la palla l'ha resa più volte campionessa Slam. E' per questa abilità che può tornare dopo sette anni e giocare a questo livello, non capira certo tutti i giorni".
Sorride Konta, che ha dovuto interrompere la scorsa stagione dopo la semifinale a Parigi e i quarti a Wimbledon e Flushing Meadows per un infortunio al ginocchio. Sorride dopo aver iniziato il 2020 con tre sconfitte di fila, contro Barbora Strycova a Brisbane, la futura quarto-finalista Ons Jabeur a Melbourne, contro Oceane Dodin a San Pietroburgo.

La numero 16 del mondo ha continuato a far muovere Clijsters, affannata eppur potente in un secondo set che procede senza break fino al 6-5. La belga serve per allungare al tiebreak, Konta risponde aggressiva e al secondo match point la costringe all'ultimo errore della partita.

"Sto migliorando" ha detto Clijsters dopo il match, "anche se per molte cose devo migliorare ancora molto. Ecco perché è importante giocare partite. A Dubai, all'inizio mi sentivo sopraffatta, oggi ho cominciato e servito molto meglio. Queste sono alcune delle cose in cui avverto progressi rispetto a Dubai. Sulle altre, lavorerò duro per arrivare meglio alle prossime partite. Al punto in cui sono, voglio concentrarmi su quello che faccio io, sul mio tennis, e iniziare a capire le mie avversarie. Mi fido di questo processo, devo andare step by step, un passo alla volta, anche se mi piacerebbe farne di lunghi".

Konta affronterà un'altra mamma-tennista, Tatiana Maria, che ha spento al primo turno le ambizioni di Heather Watson, fresca di titolo ad Acapulco, il suo primo dal 2016.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi