-
L' Intervista

Lorenzo il Magnifico

A tu per tu con Musetti, tra la vittoria dell'Australian Open Under 18 e le prime esperienze nei Challenger. Con un grazie a Fognini e un occhio a Torino.

di Alessandro Nizegorodcew | 06 maggio 2019

“Sarebbe magnifico giocare le Atp Finals. Tra il 2021 e il 2025 dovrei avere l’età giusta per poter partecipare”. Lorenzo Musetti sogna in grande, senza però mancare di umiltà e capacità di analisi. “Dopo il ‘boom’ della vittoria agli Australian Open Juniores ho avuto un po’ di confusione in testa – ha ammesso il giovanissimo azzurro – che mi ha portato a rimediare qualche sconfitta nei primi turni. La prima vittoria ottenuta in un torneo challenger a Sophia Antipolis mi ha permesso di sbloccarmi, aumentando considerevolmente il mio livello di gioco”. Numero 455 dell’ultimo ranking Atp, il diciassettenne Musetti ha passato due turni sia a Barletta, sia a Francavilla al Mare, mostrando evidenti progressi sotto tutti gli aspetti. “Adesso sto giocando bene e sono soddisfatto del mio tennis. Spero di continuare così, vincere partite e conquistare punti importanti per salire nel ranking mondiale”.

Tra giovani e pro

Quali sono le differenze tra tornei giovanili e challenger?
“È tutta questione di esperienza, allenamento e continuità. I tennisti abituati ai Challenger riescono a mantenere un livello costante per 2-3 ore, mentre noi ragazzi più giovani abbiamo picchi più alti, ma anche evidenti cali di rendimento. In questo periodo, però, i 'Next Gen' italiani si stanno facendo valere e ne sono davvero felice. Giulio Zeppieri e Jannik Sinner stanno crescendo in fretta così come Jacopo Berrettini e tanti altri”.

La pressione su Gianluigi Quinzi fu piuttosto forte dopo il successo a Wimbledon Under 18. Oggi voi giovani avete la possibilità di dividervi equamente le aspettative. Può essere un vantaggio?
“Dopo la vittoria a Londra, in effetti, Gianluigi era considerato la grande promessa del tennis italiano. Il nostro movimento ora è notevolmente cresciuto e vivere il tour insieme, condividendo momenti sia positivi che negativi, è bellissimo. Ogni settimana ci sproniamo affinché si possa arrivare in fondo ai tornei, come è riuscito a fare Jannik Sinner recentemente. Sicuramente spartire le pressioni può essere un aiuto in questa fase della nostra carriera”.
Fognini mi ha aiutato molto nel mio successo a Melbourne

Torino, il sogno Atp Finals

Uno sprone importante è arrivato anche dalla fantastica vittoria di Fognini a Montecarlo.
“Sono felicissimo per Fabio, che considero un grande giocatore ma anche una persona simpatica e sempre aperta al dialogo. In Australia ci siamo allenati insieme e devo dire che mi ha dato parecchi consigli utili. Tecnicamente Fognini non si può discutere, anche se non è mai stato continuo. Oggi merita, senza alcun dubbio, di entrare nella Top 10. Le sue vittorie sono uno stimolo ulteriore per tutti noi”.

Capitolo Atp Finals a Torino. Contento della notizia?
“Una notizia fantastica per il tennis italiano, giunta grazie al grande lavoro della Federazione Italiana Tennis. È un momento memorabile per il nostro movimento, come testimoniato dai risultati di tanti ragazzi in giro per l’Europa e per il mondo. Partecipare alle Atp Finals è un sogno che spero un giorno possa avverarsi, magari proprio a Torino”.

Tra Barletta e Francavilla hai messo in fila quattro buone vittorie, grazie anche al supporto del pubblico ‘amico’.
“A Barletta sono riuscito a sconfiggere un ex top-60 Atp come Gastao Elias, giocando davvero un buon match. Sono migliorato in campo, ma devo dire che è l’approccio all’allenamento che ora fa la differenza. Il pubblico è stato un fattore importante in queste settimane, da Sophia Antipolis sino alla Puglia, per finire con i 1500 spettatori di Francavilla al Mare. Spero di continuare così e di far entusiasmare i tifosi azzurri anche in futuro”.

LA SCHEDA

  • Nome e Cognome: Lorenzo Musetti
  • Luogo e data di nascita: Massa Carrara, 03/03/2002 (17 anni)
  • Altezza: 183 cm
  • Peso: 75 kg
  • Coach: Simone Tartarini
  • Ranking: 455 Atp
  • Ranking Under 18: 2