-
Tecnologie e accessori

Ai TIA Awards c’è qualcosa di mai visto

In Gran Bretagna gli industriali del tennis premiano chi inventa e sviluppa soluzioni per un’esperienza tennistica sempre più gratificante. Ha vinto una App, ma sono state segnalate anche molte nuove idee…

di | 27 dicembre 2019

Hanno scelto proprio l’annuale pranzo di Natale per annunciarlo: TIA UK, l’associazione degli industriali del tennis del Regno Unito ha assegnato i suoi riconoscimenti alla innovazione più interessante del biennio (il premio viene assegnato una volta ogni due anni), quella che più di altre è sembrata utile a offrire qualcosa in più alla qualità della vita dei tennisti.

La App vincitrice

Il premio è andato a un nuovo prodotto digitale, un app che si chiama Spin, è gratuita e aiuta a trovare compagni di gioco nei propri paraggi basandosi sul livello di gioco, la zona di residenza e la disponibilità oraria.

L’app trova il campo ed è in grado di organizzare direttamente delle “social tennis league” e piccoli tornei. Per il momento opera solo su Londra e dintorni.

Il suo ideatore – Ganesh Rao (premiato nella foto) – nel ringraziare per il riconoscimento ha spiegato che il successo dell’iniziativa è dovuto anche al fatto che un’app nata sostanzialmente per aiutare i singoli appassionati a trovare più facilmente qualcuno con cui giocare si è trasformata anche in uno strumento utile per i club per mantenere un forte legame con i loro soci.
Molto interessanti anche le segnalazioni che vengono dalla giuria della TIA, denominate Special Recognition Awards, anche queste molto mirate a progetti interessanti per il praticante medio, pensati per aiutarlo a giocare e divertirsi, di più e meglio.

La slinger bag

La prima è per la Slinger Bag, un inedito connubio tra un borsone da tennis e una macchina lanciapalle. Si tratta in pratica di una grande sacca trasportabile in spalla ma dotata di ruote e di maniglia estensibile come una classica valigia da viaggio, ospitante una macchina lanciapalle (e il suo serbatoio di palle). Con spazio anche per una borsa più piccola riservata alla propria attrezzatura, abbigliamento e scarpe.

In pratica dà la possibilità al tennista solitario di potersi portare dietro il proprio compagno di gioco virtuale, sempre disponibile a fornire la palla per allenamenti potenzialmente infiniti.

Lanciapalle ne avevamo viste tante, da decenni. Il tipo di portabilità della Slinger Bag ha il sapore della novità assoluta.

La manovella che "tira" la rete

Curiosa l’attenzione dei “giudici” della TIA UK per il secondo oggetto segnato: si tratta di un “Tennis Torque Limiter” prodotto e venduto dai mitici grandi magazzini di Harrod’s. In pratica è una manovella speciale, da sostituire a quella che viene fornita in dotazione con la rete e i suoi paletti.

Può essere regolata per fare in modo che la tensione della rete sia sempre quella ottimale. Un piccolo dettaglio, molto terra-terra, che però può condizionare, in meglio, la qualità della nostra ora di gioco.

Servizi e smash controsole

Più ricco di carica visionaria è invece il terzo progetto premiato, quello dei Sunclip, ovverosia un nuovo modello di occhiali da sole dotati di una sorta di particolarissima visiera sagomata che protegge gli occhi dall’abbagliamento anche quando ci si trova a servire (o a ‘smecciare’) in pieno sole a mezzogiorno.

Situazione non sempre agevole da gestire: chi gioca lo sa benissimo.

Osservando il disegno della protezione si può immaginare il lavoro non banale che Tony Messiou, l’ottico specialista appassionato di tennis che ha disegnato Sunclip, ha svolto per progettare e produrre i prototipi di questa sua invenzione. Purtroppo il crowdfunding che ha lanciato non è andato a buon fine. E per il momento di apprezzabile resta solo l’idea. Chissà che nel 2020…