-
Next Gen

Sorteggio a Milano: Sinner ritrova subito Tiafoe (martedì sera)

L'azzurro è nel girone B delle Next Gen Atp Finals  insieme all'americano, n.46 del mondo, che ha battuto ad Anversa. E lo affronta nel secondo match serale della prima giornata, martedì 5 novembre. Gli altri del gruppo B sono lo svedese Mikael Ymer e il francese Ugo Humbert. Nel gruppo A, con Alex De Minaur, ci sono Ruud, Kecmanovic e Davidovich Fokina.

05 novembre 2019

Nel gruppo A l'australiano Alex De Minaur, n.18 del mondo finalista lo scorso anno, il norvegese Casper Ruud (n.63), il serbo Miomir Kecmanovic (n.55) e lo spagnolo Alejandro Davidovich Fokina (n.82). Nel gruppo B l'americano Frances Tiafoe (n.46), il francese Ugo Humbert (n.56), lo svedese Mikael Ymer (n.73) e l'azzurro Jannik Sinner (n.93).
Questo l'esito del sorteggio andato in scena alla Flagship Lavazza di Piazza San Fedele, primo atto ufficiale delle Next Gen Atp Finals 2019 che prenderanno il via martedì 5 novembre all'Allianz Cloud di Piazza Stuparich a Milano. E , secondo match del programma serale della prima giornata, sarà proprio la sfida tra Tiafoe e Sinner, riproposizione del confronto tra i due, recentemente vinto dall'azzurrino ad Anversa.

ORDINE DI GIOCO martedì 5 novembre

NEXT GEN ATP FINALS - Gironi

GUARDA LE FOTO DEL SORTEGGIO

Piatti accompagna Sinner

La terza edizione del torneo che mette in vetrina i campioni di domani punta forte proprio su Sinner, e lui non si tira affatto indietro, con la calma e la serenità di quelli forti per davvero. “La stagione non è ancora finita – dice Jannik serio abbastanza da mettere paura agli avversari – perché c'è ancora questo torneo a cui tengo molto”. Ad accompagnarlo coach Piatti, che lo ha scoperto e lo sta accompagnando – insieme ad Andrea Volpini – verso le zone alte del ranking: “Jannik sa bene cosa deve fare – spiega l'allenatore comasco – e sa che a noi interessa la prestazione. Tanto che ero più soddisfatto dopo averlo visto perdere da Monfils, rispetto alla vittoria di pochi giorni prima. Nel secondo match, entrambi avevano alzato il livello".

il 'Cappuccino Jannik'

Per Jannik c'è persino un cappuccino personalizzato, per gli altri un'esperienza da barman dietro al bancone, in attesa di esibirsi all'Allianz Cloud, a partire da martedì. “Non vedo l'ora di cominciare – spiega Frances Tiafoe, il più in alto in classifica in assenza di Alex De Minaur – e conto di restare fino alla fine”. Meno scherzoso il tono degli altri, che capiscono bene l'importanza della manifestazione vinta non a caso, negli anni scorsi, da Chung e Tsitsipas.

“Sono curioso di sperimentare queste nuove regole – dice Ugo Humbert, francese dal tennis d'altri tempi – perché finora ne ho solo sentito parlare. Sarà divertente provarle in gara”. Mentre tra gli altri il buonumore del party dedicato al sorteggio lascia piano piano spazio agli obiettivi di carriera: “Superare il numero 39 di mio padre – racconta Casper Ruud – che è ancora il mio primo allenatore e a cui sono ovviamente legatissimo”. Fra tre giorni si comincia, il trofeo a forma di X è pronto per rivelare il futuro.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi