-
Eventi nazionali

Minighini-Valente: doppietta azzurra a Pescara

Tantissimi giovani e due bandiere tricolore sul gradino più alto del podio. Si può riassumere così il successo del nuovo torneo Itf under 18 del Circolo Tennis Pescara, che dopo una settimana di ottimo tennista ha incoronato il laziale Daniele Minighini e la ligure Denise Valente.

di Viviano Vespignani | 01 novembre 2019

Il grande salto è compiuto. Il Circolo Tennis Pescara ha fatto il suo esordio nel Circuito internazionale ITF, portando a nove il numero dei nostri tornei nel calendario ITF e rendendo l’Italia in primo piano nel più qualificato dei circuiti giovanili.

Oltre che dalla presenza di contendenti di 14 nazioni straniere, il torneo è stato caratterizzato da un tasso di “giovinezza” da record, non solo nel tabellone femminile, ove l' età media delle otto ragazze in gara nei quarti di finale è risultata pari a 14,87, ma soprattutto in quello maschile, ove ad approdare alle semifinali sono stati tre quindicenni e un quattordicenne.

L’altra bella notizia dell’appuntamento abruzzese è che a salire sul più alto gradino del podio sono stati due azzurri, entrambi nati nel 2005 ed entrambi a segno anche in doppio: Daniele Minighini e Denise Valente, vincitori in finale sul francese Luca Van
Assche e sulla lettone Valerija Marija Kargina.

Daniele Minighini – allievo dell'Eur Sporting Club Roma così come il semifinalista Niccolò Ciavarella – è partito nelle vesti di settima testa di serie e ha compiuto un percorso netto, visto che nessuno è riuscito a strappargli un set, nemmeno l’avversario della finale: il primo favorito Van Assche, che vantava due successi pieni in Spagna e Moldavia eduna finale in Belgio.

Oltre al quindicenne Ciavarella, quest’anno ‘ìfinalista al Torneo Avvenire di Milano, a guadagnare le semifinali è stato l’ennesimo verdissimo talento che si è cimentato a Pescara, il quattordicenne serbo Branko Djuric, già numero uno under 14 della classifica europea.

Portacolori del Tennis Club Genova 1893, Denise Valente, che aveva alle spalle alcuni significativi piazzamenti raggiunti nei tornei ITF del Cairo, Skopje (Macedonia) e Bari, ha centrato a Pescara il suo primo successo pieno in campo under 18.

A contenderle il titolo, in un confronto molto serrato e incerto, è stata una ragazzina lettone che vanta un talento precocissimo e che già oggi è una professionista della racchetta, capace di disputare la bellezza di 23 tornei internazionali nei primi dieci mesi del 2019.

Si tratta di Valerija Kargina, nata nel febbraio del 2006, che quest' anno si era messa in evidenza anche in Italia vincendo l’appuntamento under 14 di Tennis Europe di Palermo.

Hanno completato il podio in gonnella due sedicenni: Sofia Pizzoni del Tennis Training Foligno e Camilla Gennaro (Sport Club Nuova Casale), che ha fatto onore alla wild card ricevuta per l’evento.

RISULTATI
Singolare maschile
Quarti di finale: Van Assche (Fra) b. Tomassetti (Ita) 6-1 6-1, Ciavarella (Ita) b. Di Perna (Ita) 6-2 6-2, Djuric (Srb) b. Hajek (Cze) 6-4 6-4, Minighini (Ita) b. Pampanin (Ita) 6-4 6-3. Semifinali: Van Assche (Fra) b. Ciavarella (Ita) 6-3 3-6 6-2, Minighini (Ita) b. Djuric (Srb) 7-5 6-2. Finale: Minighini (Ita) b. Van Assche (Fra) 6-4 6-3.

Singolare femminile
Quarti di finale: Kargina (Lat) b. Penne (Sui) 6-2 6-1, Gennaro (Ita) b. Urgesi (Ita) 7-6 6-4, Valente (Ita) b. Artimedi (Ita) 6-1 6-3, Pizzoni (Ita) b. Sensi (Ita) 7-5 6-2. Semifinali: Kargina (Lat) b. Gennaro (Ita) 6-1 6-4, Valente (Ita) b. Pizzoni (Ita) 6-1 6-4. Finale: Valente (Ita) b. Kargina (Lat) 7-5 7-5.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi