-
Eventi nazionali

San Giorgio, Porto aperto al futuro

Lo storico Euro Trophy marchigiano, vinto in passato da gente come Ivanisevic o Auger Aliassime, lancia il coreano Chang Min Ryu e la russa Alina Korneeva. Il siciliano Federico Cinà finalista nel maschile, semifinalista Greta Petrillo tra le ragazze

di Viviano Vespignani | 01 luglio 2019

Il trentasettesimo Euro Trophy - creatura del Circolo Tennis Porto San Giorgio che mette in campo una delle maggiori e più interessanti rassegne mondiali riservate alla categoria under 12 - è stato centrato dal coreano Chang Min Ryu e dalla russa Alina Korneeva. I colori azzurri hanno avuto nel finalista Federico Cinà e nella semifinalista Greta Petrillo il loro punti di forza

Qui vinse anche Auger Aliassime - Sedici le nazioni straniere in lizza, con buona parte dei loro migliori esponenti, in questo torneo valido per il Circuito europeo che Goran Ivanisevic tenne a battesimo nel 1983 e che tra i vincitori annovera anche, per il 2012, il fenomenale canadese diciannovenne Felix Auger Aliassime. Reduce dal successo riportato la settimana antecedente a Trieste, “Pallino” Cinà è stato nettamente sopravanzato in finale da Chang Min Ryu a dispetto dello stop che aveva saputo imporre al coreano nei quarti di finale del Città di Trieste. Entrambi, comunque, si sono confermati nel novero dei migliori esponenti del tennis internazionale under 12 unitamente al russo Timofei Derepaskor (quest'anno autore di tre successi del circuito Tennis Europe) che è stato fermato in semifinale dalla stesso Cinà. Il terzo posto ha premiato anche il mancino bulgaro di Sofia Roben Gavani, uno dei più giovani in lizza (farà 12 anni a fine agosto) e un interessante quarto di finale ha sottolineato le prestazioni, iniziate nel tabellone di qualificazione, dell’allievo dello Sporting Club Martina Franca Pierluigi Basile.

Il resto d’Italia - Pochi giorni dopo aver festeggiato i dodici anni, Alina Korneeva, convincente speranza del tennis russo, ha fatto centro in singolare battendo la nostra Greta Petrillo al penultimo turno e nel big match l'ottima bulgara Yoana Konstantinova. Poi la russa si è ripetuta in doppio a fianco della connazionale Marija Mashanskaia. Azzurra in Winter Cup e campionessa nazionale under 11 in carica, Greta Petrillo è una ‘romanina’ di Gennazzano che difende i colori del locale Circolo Tennis La Signoretta; mentre un’altra, Greta Rizzetto, alessandrina del Dopolavoro Ferroviario, ha fatto il bis del quinto posto appena colto a Trieste, in ciò imitata da Arianna Silvi (Tennis Club Jesi) che ricordiamo terza a Maglie. Annotiamo per finire che si è di nuovo inserita nel novero delle prime protagoniste Woojeong Yang, ad ulteriore dimostrazione notevole stato di salute che contraddistingue il tennis più verde della Corea del Sud.

I risultati

Singolare maschile

Quarti: Timofei Derepasko (Rus) b. Duje Markovina (Cro) 36 62 63, Federico Cinà (Ita) b. Alexander Vasiliev (Bul) 67(1) 61 60, Chang Min Ryu (Kor) b. Pierluigi Basile (Ita) 62 62, Roben Gavani (Bul) b. Reda Bennani (Mar) 76(9) 26 64

Semifinali: Cinà b. Derepasko 76(4) 63, Ryu b. Gavani 61 62

Finale: Ryu b. Cinà 61 60

Singolare femminile

Quarti: Greta Petrillo (Ita) b. Biliana Michaeva 64 62, Alina Korneeva (Rus) b. Nahyeong Cho (Kor) 64 64, Yoana Konstandinova (Bul) b. Greta Rizzetto 61 60, Woojeong Yang (Kor) b. Arianna Silvi 62 61

Semifinali: Korneeva b. Petrillo 64 61, Konstantinova b. Yang 64 26 61

Finale: Korneeva b. Konstantinova 76(3) 61