-
Eventi nazionali

I Fighters che conquistarono il Foro

Il racconto di un'avventura unica, quella che hanno vissuto i circa 200 protagonisti delle Finals del Circuito Gazzetta Fit-Tpra Challenge, a pochi passi dai campioni

di Claudia Pagani | 22 maggio 2019

Negli stessi giorni in cui si assegnavano i titoli degli Internazionali BNL d’Italia, si è svolta la fase nazionale del Gazzetta Fit-Tpra Challenge, ossia i Campionati amatoriali della Fit, iniziati a novembre 2018 con la scrematura delle competizioni provinciali e passati al vaglio dei master regionali nel marzo scorso. Un evento che ha coinvolto oltre 11.000 persone, amanti della racchetta scesi in campo per inseguire un sogno nelle circa 700 tappe organizzate in tutta Italia. Sono arrivati a Roma in 197, sfidando le insidie delle trasferte, delle lunghe attese e del maltempo pur di giocarsi la chance della vita. Al termine degli incontri svoltisi nei circoli più prestigiosi della città, in 20 (i finalisti di ogni specialità) sono riusciti a calcare la terra rossa del Foro italico e a vivere per un giorno le stesse emozioni dei professionisti, contendendosi il titolo più ambito di Campione Nazionale degli Amatori (guarda le foto dei vincitori e delle premiazioni). Tutto questo grazie al connubio tra la Gazzetta dello Sport, lo sponsor Enel Energia e la Federazione Italiana Tennis, che è riuscito a dare una visibilità agli amatori come mai prima d’ora. La presenza delle telecamere di SuperTennis Tv, già nei circoli che hanno ospitato i Master regionali, tinti di rosa e allestiti ad hoc come nei grandi eventi del tennis professionistico, ha aumentato ancora di più l’entusiasmo dei partecipanti, già alto per la soddisfazione di essere lì dopo aver superato la fase provinciale. Rappresentare la propria regione alla fase nazionale è la ciliegina sulla torta.

Brava mamma!

Far parte del Circuito Fit/Tpra è un’opportunità unica per vivere esperienze indimenticabili come questa. In realtà sono tutti vincitori, i fighters del circuito amatoriale della Fit giunti a Roma, che si affrontano durante l’anno nei diversi tornei organizzati nei circoli d’Italia: dall’impiegato alla casalinga, dall’imprenditore all’insegnante, già dal giovedì si sono organizzati, in molti casi chiedendo permessi di lavoro, per poter vivere un’esperienza di tennis e condivisione, in perfetto spirito Fit-Tpra. C’è chi ne ha approfittato per passare una settimana romantica a Roma con il proprio compagno, chi ha viaggiato di notte per le incombenze lavorative arrivando trafelato ai campi, chi si è mosso con l’intera famiglia portandosi il tifo da casa. Non è raro, infatti, sentire da bordo campo un “brava mamma” dopo la volèe decisiva. Difficoltà ce ne sono state, ma sono state superate brillantemente. Come quella di affrontare gli spostamenti nel traffico della Capitale per raggiungere i circoli dove gli organizzatori avevano spostato gli incontri del PlayPisana (che inizialmente era l’unica struttura prevista), ossia Rome Tennis Academy e Tennis Eschilo 2. Ha prevalso, su tutto, la voglia di esserci e di stare insieme. Ed è così che una sconfitta si cancella velocemente, seduti al tavolo a brindare all’avversario che si giocherà la finale al Foro. Con un pizzico di invidia forse, ma con la soddisfazione di averci provato fino all’ultimo.

Come i professionisti

La domenica, rimane comunque per tutti l’opportunità di accedere al ground per osservare da vicino i professionisti, o semplicemente passeggiare all’ombra dei pini, tra le statue, sognando di emulare le performance dei propri idoli. Sedersi sulle gradinate a tifare e aspettare di conoscere il nome del vincitore. Solo i migliori sono arrivati in fondo e ora si preparano all’atto conclusivo. L’atmosfera magica del Foro Italico fa letteralmente girare la testa a tutti i finalisti, che fanno i salti di gioia anche solo per aver condiviso con i campioni il passaggio negli stessi corridoi. Tutte le finali si giocano sul campo 3, con tanto di raccattapalle e bevande fresche nel frigorifero dietro la panchina, alla presenza del giudice di sedia che scandisce nome dei giocatori e risultato. Come se questo non bastasse a trasformare le gambe in tronchi di legno, ad aumentare ancor di più la tensione emotiva ci si mettono le telecamere di Supertennis Tv e della Gazzetta dello Sport, le foto e le interviste.
Il Gazzetta Fit-Tpra Challenge, alla sua prima edizione, ha dunque premiato i migliori amatori di ogni categoria, tennisti appassionati che provengono da tutte le parti d’Italia e che si affrontano con grande voglia di vincere ma anche di divertirsi e stare insieme. L’appuntamento è per il prossimo anno: fighters, il Foro vi aspetta!

Tutti i vincitori

1° Gazzetta Fit-Tpra Challenge: i risultati delle finali
Limit 45: Marco Albani b. Stefano Gnech 9-8
Limit 65: Domenico Savasta b. Simone Perretta 9-7
Open Maschile: Gherardo Maccolini b. Fabio Filippazzo 9-1
Open Femminile: Cecilia Giordano b. Valentina Monti 9-5
Doppio Maschile: Dario Cirmena/Lorenzo Aruta b. Massimo Chiadroni/Marco Barnabucci 9-8
Doppio Femminile: Marcella Cinà/Angela Pisciotta b. Stefania Strozzi/Elisa Lipparini 9-8
Doppio Misto: Sara Sontacchi/Luca Dal Balcon b. Umberto Querci/Clara Santanni 9-1