-
Eventi nazionali

Le stelle del Bonfiglio brillano col sole

Basta col maltempo, a Milano e sugli Internazionali d'Italia juniores splende il sole: 5 azzurrini promossi (quattro ragazzi e una ragazza). Fuori la testa di serie numero 1 Clara Tauson. Big match al 2° turno tra Nava e Alcaraz Garfia

21 maggio 2019

Le stelle del Trofeo Bonfiglio brillano con un sole finalmente pieno. La primavera non è ancora esplosa sul Tennis Club Milano Alberto Bonacossa ma il bel tempo ha finalmente soppiantato grigiore e pioggia. È in questa cornice che gli Internazionali d'Italia Juniores, giunti alla 60esima edizione milanese, hanno promosso al 2° turno un bel quintetto d'azzurri che, da favoriti o meno, hanno scaldato una giornata rinfrescata dal vento e dai residui d'umidità del maltempo dei giorni scorsi. A festeggiare sono stati, tra i ragazzi, Matteo Arnaldi, Filippo Moroni, Marco Furlanetto e Flavio Cobolli; tra le ragazze, la sola Lisa Pigato. Arnaldi, ligure di Sanremo e milanese di base (si allena alla Milano Tennis Academy), ha chiuso definitivamente il match cominciato ieri e poi sospeso per pioggia contro il francese Martin Breysach. Tornato ai box in vantaggio di un parziale, il sanremese l'ha spuntata dominando il terzo set (6-4 4-6 6-1). Doppio 6-4 invece in favore del torinese Filippo Moroni, capace di sopravanzare il filiforme serbo Goran Zivotic e reduce dal bel successo nel torneo Itf di grado 2 di Firenze. In fiducia è anche il toscano di Massa Carrara Marco Furlanetto, l'unico azzurro ad aver superato le qualificazioni qui a Milano sul veloce indoor. Ebbene la sua striscia positiva continua anche adesso che si gioca finalmente sul rosso: al 1° turno s'è reso protagonista dell'eliminazione della testa di serie n.3 del torneo, il finlandese Otto Virtanen, dopo una bella rimonta conclusa per 2-6 6-4 7-5. Promosso anche il romano Flavio Cobolli, ex promessa del calcio nel settore giovanile della Roma e figlio dell'ex pro Atp Stefano: 6-2 7-5 lo score con cui si è liberato del croato Admir Kalender.

Pigato sì, Tauson no

Nel tabellone femminile, l'unico successo italiano porta la firma della non ancora 16enne Lisa Pigato (li compie il 21 giugno prossimo). Anche lei come Arnaldi si allena alla Milano Tennis Academy con il papà-coach Ugo e oggi ha superato il 1° turno in due set col punteggio di 6-2 6-4 ai danni della 'colored' tedesca Noma Noha Akugue e mercoledì se la vedrà con la statunitense Emma Navarro, n.3 del seeding e Top 15 del ranking Itf. La seconda giornata di gara è anche stata subito fatale alla stellina danese Clara Tauson, giunta in semifinale lo scorso anno, ora in vetta al ranking mondiale juniores femminile e destinataria di una wild card da parte dell'organizzazione per ovviare a un suo errore (aveva dichiarato di essersi cancellata per sbaglio). Oggi, a mettere d'accordo tutti, ci ha pensato la francese Carole Monnet, molto abile nel variare ritmi e rotazioni e nel disinnescare il tennis pum-pum della biondissima Clara. Che ha racimolato solo 4 game e pure qualche lacrima d'isteria. Per una stella cadente, altre due sono pronte alla 'collisione'.

Il big match

Sì, perché l'andamento è stato molto più lineare nel tabellone maschile, che ha apparecchiato il campo alla super-sfida di secondo turno (mercoledì, secondo match a seguire delle 9 sul campo 8) tra la testa di serie n.1 del torneo, lo statunitense Emilio Nava e Carlos Alcaraz Garfia, il pupillo spagnolo di Juan Carlos Ferrero. L'iberico ha superato sul campo n.6 la wild card azzurra Giacomo Dambrosi, che si allena a Bordighera con il team di Riccardo Piatti e che è seguito a Milano da Andrea Volpini, una settimana fa nel box dell'altoatesino Jannik Sinner al Masters 1000 di Roma. Sarà una sfida da gustare fino in fondo, perché da una parte c'è 'Carlito', che in molti considerano il nuovo Nadal (ha guadagnato i primi punti Atp più precocemente di Rafa) e dall'altra il finalista degli Australian Open 2019 (quando fu battuto da Lorenzo Musetti). Il programma parte alle 9.00, 32 i singolari in cartello.