-
Eventi Internazionali

ATP Cup: Goffin batte Nadal ma la Spagna e' in semifinale

La Spagna batte il Belgio solo al match tie-break del doppio. Rafa Nadal cede contro David Goffin ma trascina un ottimo Pablo Carreno Busta al successo su Gille e Vliegen. In semifinale, la Roja affronterà l'Australia, la Serbia incontrerà la Russia.

di | 10 gennaio 2020

La Spagna, unica nazionale con due singolaristi top 10, centra la semifinale di ATP Cup. Ma la sfida contro il Belgio si è trasformata in un campo minato per la "Roja". Rafa Nadal ha infatti perso per la prima volta in un singolare giocato in nazionale, Olimpiadi escluse, dal suo esordio in Coppa Davis. Dopo 29 successi, la serie si è interrotta contro Goffin, che l'ha sconfitto per la seconda volta in carriera. "Contro Nadal, devo colpire in anticipo per sfruttare la sua potenza e giocare veloce, farlo correre. Rafa non può giocare ora due o tre dritti di fila e far correre me, perciò appena può comanda il punto. E se inizio a difendere, sono finito" ha detto il belga, che ha chiuso 6-4 7-6(3). Non si è lasciato intimorire nemmeno quando Nadal ha recuperato un break di svantaggio nel settimo game del secondo set con una serie di colpi più alti in grado proprio di allontanare il belga dalla riga di fondo e dal centro del campo.

Nel primo singolare, Roberto Bautista Agut ha mantenuto il suo percorso netto, senza sconfitte, nella competizione grazie al 6-1 6-4 su Kimmer Coppejans che ha sostituito Steve Darcis. Così, la partita si è decisa al doppio. Nadal e un solidissimo Roberto Bautista Agut hanno superato 6-7 (7) 7-5 10-7 Sander Gille e Joran Vliegen che hanno chiuso con un doppio fallo sul match point.

La Spagna incontrerà dunque l'Australia in semifinale, mentre la Serbia affronterà la Russia.

 

Serbia v Russia

Per la Serbia, essere a Sydney è un po' come giocare in casa vista la quantità di tifosi e di bandiere che hanno scaldato l'atmosfera alla Ken Rosewall Arena nel quarto di finale contro il Canada. "Se hai buona parte del pubblico dalla tua parte, è più facile trovare forza e motivazioni, anche quando sei sotto nel punteggio" ha detto Novak Djokovic, ancora imbattuto in singolare come i rivali Daniil Medvedev e Karen Khachanov.

Sarà proprio Medvedev l'avversario di Djokovic nel secondo singolare della semifinale. Si rinnova così una delle principali rivalità che hanno segnato il 2019: sarà la loro terza sfida, la quarta dall'inizio dell'anno scorso. Il numero 2 del mondo è avanti 3-2.
322148a2-c18e-482d-8635-45a1870010ad
Play
Medvedev, battuto nettamente nei primi due incontri prima dell'anno scorso, ha  spinto il serbo a una battaglia di tenacia, con scambi da oltre 40 colpi, nell'ottavo di finale dell'Australian Open. Il russo ha perso in quattro set, pur avendo mancato tre palle break di fila per salire 3-1 nel terzo. Djokovic ha finito per dominare Rafa Nadal in finale, poi a Montecarlo ha incassato la prima sconfitta in carriera contro il russo che prima del torneo aveva vinto solo 2 partite su 11 sul rosso e una su 12 contro un top 10. Il suo primo successo su un numero 1 del mondo lo proietta alla prima semifinale in un Masters 1000. Il meglio, però, deve ancora venire. 

A Cincinnati, dove avrebbe poi vinto il suo primo 1000 nel cuore della sua striscia di sei finali consecutive, Medvedev ribalta la semifinale contro Djokovic. Va sotto 3-6 2-3 30-40 e inizia a servire praticamente due prime contro il serbo, secondo l'anno scorso per punti complessivi vinti in risposta e primo per palle break trasformate in percentuale (49%). Medvedev, finalista anche allo Us Open sconfitto da Nadal in uno dei match dell'anno, ha chiuso la stagione da numero 5 del mondo e con il record di partite vinte nel circuito ATP, 59. "Mi piace giocare contro Novak, sono sempre partite speciali" ha detto Medvedev, quinto nel 2019 nella classifica degli ace e terzo per punti vinti in risposta contro la seconda. 

Medvedev, battuto nettamente nei primi due incontri prima dell'anno scorso, ha  spinto il serbo a una battaglia di tenacia, con scambi da oltre 40 colpi, nell'ottavo di finale dell'Australian Open. Il russo ha perso in quattro set, pur avendo mancato tre palle break di fila per salire 3-1 nel terzo. Djokovic ha finito per dominare Rafa Nadal in finale, poi a Montecarlo ha incassato la prima sconfitta in carriera contro il russo che prima del torneo aveva vinto solo 2 partite su 11 sul rosso e una su 12 contro un top 10. Il suo primo successo su un numero 1 del mondo lo proietta alla prima semifinale in un Masters 1000. Il meglio, però, deve ancora venire. 

A Cincinnati, dove avrebbe poi vinto il suo primo 1000 nel cuore della sua striscia di sei finali consecutive, Medvedev ribalta la semifinale contro Djokovic. Va sotto 3-6 2-3 30-40 e inizia a servire praticamente due prime contro il serbo, secondo l'anno scorso per punti complessivi vinti in risposta e primo per palle break trasformate in percentuale (49%). Medvedev, finalista anche allo Us Open sconfitto da Nadal in uno dei match dell'anno, ha chiuso la stagione da numero 5 del mondo e con il record di partite vinte nel circuito ATP, 59. "Mi piace giocare contro Novak, sono sempre partite speciali" ha detto Medvedev, quinto nel 2019 nella classifica degli ace e terzo per punti vinti in risposta contro la seconda. 

Spagna v Australia

La Spagna non avrà certo una semifinale scontata contro l'Australia. Nick Kyrgios ha messo in mostra tutto il suo repertorio in ATP Cup, compresi vincenti spettacolari e servizi da sotto che hanno destabilizzato, da ultimo, il britannico Cameron Norrie. "Ogni volta che un avversario si concentra su questo e non su quel che deve fare lui, ho un vantaggio" ha detto l'australiano.

Kyrgios ha confermato di amare particolarmente le competizioni a squadre, e si vede. Se non ci saranno cambiamenti dell'ultim'ora, aprirà la sfida contro Roberto Bautista Agut: la tenacia regolare dello spagnolo contro la fulminea ispirazione creativa del'australiano che si è allenato con la canotta da basket dei San Antonio Spurs.

Nadal, che ha confessato di essere andato fisicamente in difficoltà contro Goffin dopo il trasferimento da Perth a Sydney con tre ore di fuso orario di differenza, incontrerà per la terza volta Alex De Minaur. Si sono sfidati due volte, sempre a livello Slam. L'australiano non ha vinto nemmeno un set, e solo due volte in sei parziali è arrivato a conquistare quattro game. "Alex è più che capace di fare grandi cose contro di lui" ha detto Kyrgios, "in questi giorni abbiamo avuto importanti indicazioni sul gioco di Rafa". 

d8ce7c7b-affb-4efa-9936-94422c77fb8b
Play

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi