-
Eventi Internazionali

Fabbiano esce al 3° turno: ora tocca a Berrettini e Fognini

Per il secondo anno di fila Thomas si è fermato al terzo turno di Wimbledon: a stoppare il pugliese è stato lo spagnolo Verdasco. Sabato torneranno in campo gli altri due azzurri in corsa, Fabio Fognini e Matteo Berrettini

di Tiziana Tricarico | 05 luglio 2019

Per il secondo anno di fila Thomas Fabbiano si ferma al terzo turno di Wimbledon, terzo Slam della stagione in corso sui campi in erba dell'All England Lawn Tennis Club. Sabato torneranno in campo - sempre per il terzo turno - Fabio Fognini e Matteo Berrettini. 

THOMAS CEDE A VERDASCO - E’ finita al terzo turno la corsa di Fabbiano a Wimbledon. Il 30enne di San Giorgio Ionico, numero 89 del ranking mondiale, ha ceduto per 64 76(1) 64, in due ore e 19 minuti di partita, allo spagnolo Fernando Verdasco, numero 37 Atp, alla 17esima presenza sui court di Church Road dove nel 2013 ha raggiunto i quarti. Il 35enne mancino madrileno ha così confermato l’esito dell’unico precedente, disputato a febbraio al primo turno sul cemento di Dubai. La cronaca. Nel primo parziale Thomas ha pagato a caro prezzo il break a zero subito a freddo. Il pugliese è riuscito ad evitare il bis nel terzo gioco ma nonostante ben otto palle per il contro-break - tre nel quarto gioco, tre nel sesto e due nel decimo - non è riuscito ad impedire che il set finisse nelle mani dello spagnolo. Fabbiano ha evitato il break in avvio di seconda frazione e poi è stato lui a strappare per la prima volta nel match la battuta a Verdasco salendo 4-2. Il vantaggio dell’azzurro, però, è durato poco perché il madrileno ha messo a segno subito il contro-break riagganciandolo sul 4 pari. A decidere il set è stato il tie-break: il 30enne di San Giorgio Ionico ha vinto il primo punto ma il 35enne madrileno si è aggiudicato i sette successivi archiviandolo per 7-1 (Fabbiano ha perso tutti e quattro i tie-break disputati nel torneo). Il pugliese ancora in difficoltà nel secondo gioco del terzo parziale ma con un diritto vincente ha cancellato la palla-break e con un altro diritto definitivo ha raggiunto lo spagnolo sull’1-1. Nel settimo game tre errori consecutivi di Verdasco hanno portato Fabbiano a palla-break ma lo spagnolo l’ha annullata buttando fuori dal campo l’azzurro con il servizio mancino e chiudendo poi con il diritto incrociato. Nel gioco successivo Verdasco, con un micidiale diritto lungo-linea che ha sfiorato il nastro ed è atterrato all’incrocio delle righe, ha brekkato Fabbiano salendo 5-3. Il pugliese però ha reagito immediatamente contro-brekkando il suo avversario ma nel game successivo è andato sotto 0-40, ha annullato con coraggio i primi due match-point ma sul terzo ha commesso un crudele doppio fallo. Resta comunque l’ottimo torneo disputato dal pugliese, che con la semifinale raggiunta la scorsa settimana ad Eastbourne aveva dimostrato di avere trovato il feeling giusto con il tennis sui prati. Allo Slam british lo ha confermato imponendosi in cinque set prima sul greco Stefanos Tsitsipas, numero 6 del ranking e 7 del seeding, e poi sul croato Ivo Karlovic, numero 80 Atp (al gigante di Zagabria non sono bastati 38 ace). 

Sabato tornano in campo per il terzo turno per Fognini e Berrettini.

FABIO IL MARATONETA - Il ligure, numero 10 Atp e 12esima testa di serie, dopo aver superato all’esordio in cinque set Tiafoe, ha dovuto “correre” un’altra maratona prima di riuscire ad avere la meglio per 67(6) 64 76(3) 26 63, in tre ore e 37 minuti, sull’ungherese Marton Fucsovics, numero 51 Atp, alla quarta partecipazione ai The Championships dove aveva vinto finalmente il suo primo match. Fabio, all'undicesima apparizione sui prati di Church Road, dunque eguagliato il suo miglior risultato, il terzo turno appunto, raggiunto per la quinta volta (2010, 2014, 2017 e 2018 le precedenti): sabato proverà dunque a migliorarsi e per farlo dovrà battere lo statunitense Tennys Sandgren, numero 94 del ranking mondiale, alla seconda partecipazione allo Slam british dove per la prima volta è riuscito a vincere un match (anzi due). Fognini si è aggiudicato entrambi i precedenti con il 27enne di Gallatin, nel Tennessee, sempre sulla terra.

MATTEO SEMPRE PIU’ “ERBIVORO” - E’ toccato proprio a Berrettini mettere la parola fine alla carriera di Marcos Baghdatis, che nei giorni scorsi aveva annunciato che Wimbledon - dove partecipava per la 14esima volta e dove aveva raggiunto una straordinaria semifinale nel 2006 - sarebbe stato il suo ultimo torneo. Il 23enne romano, numero 20 del ranking mondiale e 17esima testa di serie, alla seconda presenza sui prati londinesi (dodici mesi fa superò Sock prima di cedere a Simon), si è imposto per 61 76(4) 63, in poco meno di un’ora e tre quarti di gioco, sul 34enne di Limassol, numero 135 Atp, in gara grazie ad una wild card. Sabato, nella sua prima volta al terzo turno a Wimbledon, Matteo - che in questa stagione sui prati ha vinto il titolo a Stoccarda ed è stato semifinalista ad Halle - troverà l’argentino Diego Schwartzman, numero 2 Atp e 24esima testa di serie, che alla quinta partecipazione è approdato anche lui per la prima volta al terzo turno. Il 26enne di Buenos Aires ha vinto in due set l’unico precedente, disputato quest’anno negli ottavi sulla terra di Roma.
---------------------------------------------------------

RISULTATI
“The Championships”
Grand Slam
Wimbledon (Londra), Gran Bretagna
1 - 14 luglio, 2019
£38.000.000 - erba

SINGOLARE
Primo turno
(q) Marcel Granollers (ESP) b. Lorenzo Sonego (ITA) 76(4) 64 64
(11) Daniil Medvedev (RUS) b. Paolo Lorenzi (ITA) 63 76(2) 76(2)
Ivo Karlovic (CRO) b. (q) Andrea Arnaboldi (ITA) 64 64 76(4)
Thomas Fabbiano (ITA) b. (7) Stefanos Tsitsipas (GRE) 64 36 64 67(8) 63
Andreas Seppi (ITA) b. Nicolas Jarry (CHI) 63 67(8) 61 62
(20) Gilles Simon (FRA) b. (q) Salvatore Caruso (ITA) 76(7) 63 62
(12) Fabio Fognini (ITA) b. Frances Tiafoe (USA) 57 64 63 46 64
(25) Alex De Minaur (AUS) b. Marco Cecchinato (ITA) 60 64 76(5)
(17) Matteo Berrettini (ITA) b. Aljaz Bedene (SLO) 36 63 62 76(3)

Secondo turno
Thomas Fabbiano (ITA) b. Ivo Karlovic (CRO) 63 67(6) 63 67(4) 64
(26) Guido Pella (ARG) b. Andreas Seppi (ITA) 64 46 46 75 61
(12) Fabio Fognini (ITA) b. Marton Fucsovics (HUN) 67(6) 64 76(3) 26 63
(17) Matteo Berrettini (ITA) b. (wc) Marcos Baghdatis (CYP) 61 76(4) 63

Terzo turno
Fernando Verdasco (ESP) b. Thomas Fabbiano (ITA) 64 76(1) 64
(12) Fabio Fognini (ITA) c. Tennys Sandgren (USA)
(17) Matteo Berrettini (ITA) c. (24) Diego Schwartzman (ARG)

DOPPIO
Primo turno
(5) Jean-Julien Rojer/Hpria Tecau (NED/ROU) b. Marco Cecchinato/Andreas Seppi (ITA) 64 63 61
Fabrice Martin/Hugo Nys (FRA/MON) b. Lorenzo Sonego/Roberto Carballes Baena (ITA/ESP) 63 64 63

QUALIFICAZIONI
Primo turno
Andrea Arnaboldi (ITA) b. (wc) Ryan Peniston (GBR) 61 57 86
Mats Moraing (GER) b. Federico Gaio (ITA) 62 75
Blaz Rola (SLO) b. (5) Stefano Travaglia (ITA) 67(9) 62 64
(6) Thiago Monteiro (BRA) b. Roberto Marcora (ITA) 76(5) 76(3)
Christopher Eubanks (USA) b. Luca Vanni (ITA) 76(9) 36 63
Go Soeda (JPN) b. Filippo Baldi (ITA) 64 36 61
(7) Jiri Vesely (CZE) b. Simone Bolelli (ITA) 64 62
(18) Salvatore Caruso (ITA) b. Ze Zhang (CHN) 46 75 61
(22) Gianluca Mager (ITA) b. Aleksandr Nedovyesov (KAZ) 63 57 64
Yannick Hanfmann (GER) b. Alessandro Giannessi (ITA) 75 75
Alex Bolt (AUS) b. Jannik Sinner (ITA) 26 75 12-10
Stefano Napolitano (ITA) b. (15) Matthias Bachinger (GER) 75 16 64
Daniel Elhai Galan (COL) b. (32) Lorenzo Giustino (ITA) 76(2) 63

Secondo turno
Andrea Arnaboldi (ITA) b. Hiroki Moriya (JPN) 67(0) 64 62
(18) Salvatore Caruso (ITA) b. John-Patrick Smith (AUS) 36 63 64
Enzo Couacaud (FRA) b. (22) Gianluca Mager (ITA) 63 64
Yuichi Sugita (JPN) b. Stefano Napolitano (ITA) 46 63 64

Terzo turno
Andrea Arnaboldi (ITA) b. Evgeny Karlovskiy (RUS) 64 63 36 46 63
(18) Salvatore Caruso (ITA) b. (8) Brayden Schnur (CAN) 63 62 61

 

SINGOLARE MASCHILE

QUALIFICAZIONI MASCHILI