-
Eventi Internazionali

Pliskova e Kerber già in modalità Wimbledon

La ceca e la tedesca, numero 3 e 5 del ranking mondiale, di slancio nei quarti di finale del Wta Premier sull’erba di Eastbourne. Avanti anche Halep e Sabalenka, che annulla 1 match point a Wozniacki campionessa in carica e ora sfida Bertens

26 giugno 2019

PLISKOVA DI SLANCIO NEI QUARTI AD EASTBOURNE – Ha definito l’allineamento ai quarti di finale il "Nature Valley International", torneo Wta Premier dotato di un montepremi di 684.080 euro in corso sui prati di Eastbourne, in Gran Bretagna (combined con un ATP 250), ultimo appuntamento utile per rifinire la preparazione in vista di Wimbledon. Chi pare pronta per il terzo Slam stagionale è la ceca Karolina Pliskova, numero 3 del ranking mondiale e seconda testa di serie, vincitrice due anni fa di questo torneo dove è diventata la principale favorita a seguito del forfait dell’australiana Ashleigh Barty, da lunedì nuova regina del circuito in rosa. La 27enne di Louny ha dominato il primo incrocio in carriera con la belga Elise Mertens, numero 21 Wta: 61 62 il punteggio, in meno di un’ora, in favore della Pliskova,  che ha messo subito le cose in chiaro con un parziale iniziale di 12 punti a 1 che le ha spianato la strada verso i quarti di finale per il quarto anno consecutivo su questi campi. Prossima avversaria per la ceca sarà la russa Ekaterina Alexandrova, numero 52 Wta, che sul 63 2-1 in suo favore ha avuto via libera per il ritiro della lettone Jelena Ostapenko, numero 35 del ranking: Pliskova, in maggio campionessa degli Internazionali BNL d’Italia a Roma, ha vinto l’unico precedente, al 2° turno del Roland Garros 2017, con la 24enne di Chelyabinsk, che ha scelto Praga come suo quartier generale.

 

KERBER CRESCE IN VISTA DI WIMBLEDON – In crescendo di condizione in vista dei Championships, dove sarà chiamata a difendere il titolo del 2018, è anche la tedesca Angelique Kerber, numero 5 del ranking e quarta testa di serie, in gara con una wild card: la 31enne mancina di Brema ha regolato per 76(4) 60, in un’ora e 17 minuti, la svedese Rebecca Peterson, numero 66 Wta, bissando il risultato nel 2015 al primo turno di Norimberga, sulla terra.

 

HALEP DOMA IN TRE SET HERCOG – Un po’ più sofferta l’affermazione della rumena Simona Halep, numero 7 della classifica mondiale e sesta favorita del seeding, pure lei in tabellone con una wild card, che ha dovuto fare ricorso al terzo set per domare la slovena Polona Hercog, numero 60 Wta, proveniente dalle qualificazioni e che al secondo turno aveva annullato un match point nel tie-break decisivo alla francese Pauline Parmentier, numero 82 del ranking, ripescata come lucky loser. La 27enne di Costanza, che tre mesi fa a Miami, al secondo turno, aveva impiegato quasi tre ore per spuntarla per  57 76 62, si è imposta per 61 46 63 sulla 28enne di Maribor, che l’aveva battuta peraltro nel 2009 a Sofia, al 1° turno, sempre in tre set. Sarà proprio Halep a contendere alla Kerber un posto in semifinale: si tratta dell’undicesima sfida tra le due, con la rumena in vantaggio per 6 a 4.

 

BERTENS  SPEDITA, SABALENKA ANNULLA 1 MATCH POINT A WOZNIACKI – Ha guadagnato agevolmente un posto nei quarti anche l’olandese Kiki Bertens, numero 4 Wta e terza favorita del seeding, sbarazzandosi con un doppio 63 della tedesca Anna-Lena Friedsam, numero 356 Wta. La 27enne di Wateringen troverà ora sulla sua strada la bielorussa Aryna Sabalenka, numero 10 Wta e ottava favorita del seeding, che in rimonta dodici mesi dopo la finale 2018 è riuscita a prendersi la rivincita sulla danese Caroline Wozniacki, numero 14 del ranking e 11esima testa di serie. Non ha infatti tradito le aspettative l’incontro più atteso di giornata, nel quale la 29enne di Odense, campionessa in carica e vincitrice del titolo ad Eastbourne anche nel 2009, è partita a spron battuto, incamerando il primo set ma sul 2-1 in suo favore del secondo ha incassato un parziale negativo di 16 punti a 1 (13 punti consecutivi) che hanno consentito alla 21enne di Minsk di pareggiare i conti. Nel terzo però Wozniacki è salita 5-2, ha mancato 1 match point sul 5-3 commettendo un sanguinoso doppio fallo e con un altro doppio fallo ha regalato il break, Sabalenka ha completato la rimonta (5-5) e poi nel tie-break ha fatto valere la potenza dei suoi colpi, chiudendo per 7 punti a 5, sulla falsariga di quanto avvenuto l’agosto scorso a Montreal: 26 64 76(5) in questo caso il punteggio dopo due ore e 21 minuti di lotta. Bertens si è aggiudicata i tre precedenti confronti con la ragazzona di Minsk.

 

JABEUR STENDE KONTA: TROVERA’ CORNET - Definito intanto il quarto della parte alta del tabellone, quella “orfana” di Ashleigh Barty, che ha dato forfait a draw già compilato:  a contendersi un ambito posto in semifinale saranno venerdì la tunisina Ons Jabeur, numero 62 Wta, che ha dato un dispiacere ai tifosi british sbarrando la strada per 63 62 alla beniamina di casa Johanna Konta (risiede proprio ad Eastbourne), numero 19 del ranking e 14esima testa di serie, e la francese Alizè Cornet, numero 55 Wta, che dopo aver sgambettato l’ucraina Elina Svitolina, numero 8 Wta e quinta favorita del torneo, ha superato la prova del nove con il doppio 62 inflitto alla cinese Shuai Zhang, numero 51 Wta. Tra la 29enne di Nizza e la 24enne Jabeur non ci sono precedenti.

 

RISULTATI MERCOLEDI’ – Terzo turno: Jabeur (TUN) b. (14) Konta (GBR) 63 62, Cornet (FRA) b. S.Zhang (CHN) 62 62, (4) Kerber (GER) b. Peterson (SWE) 76(4) 60, (6) Halep (ROU) b. (q) Hercog (SLO) 61 46 63, (8) Sabalenka (BLR) b. (11) Wozniacki (DEN) 26 64 76(5), (3) Bertens (NED) b. Friedsam (GER) 63 63, Alexandrova (RUS) b. Ostapenko (LAT) 63 2-1 rit., (2) Ka. Pliskova (CZE) b. Mertens (BEL) 61 62.

 

"SuperTennis", la tv della Fit, trasmette in diretta ed in esclusiva il torneo WTA Premier di Eastbourne. Questa la programmazione:

giovedì 27 giugno - differita alle ore 23.00

venerdì 28 giugno - LIVE alle ore 12.00 ed alle ore 14.00 (semifinali)

sabato 29 giugno - LIVE alle ore 13.30 (finale)