-
Eventi Internazionali

Queen's, trionfa Lopez: non è un tennis per giovani

Batte Simon al tiebreak del terzo e annuncia di sposarsi. Lo spagnolo e Federer, campione a Halle, sono i più anziani a vincere un titolo ATP dal 1977

di Alessandro Mastroluca | 23 giugno 2019

Dopo due anni, Feliciano Lopez torna a vincere un titolo ATP. Nell'anno dell'annunciato ritiro, nel luogo dell'ultimo trionfo, al Queen's, batte Gilles Simon 62 67 76. Festeggia il settimo titolo in carriera, il quarto sull'erba, nella settimana della Old Gen al potere. Vince Federer a Halle, vince Lopez, che è più giovane di un mese, al Queen's: sono i due campioni più anziani nel circuito ATP dai tempi di Ken Rosewall a Hong Kong nel 1977. 

Lopez vince da direttore del torneo di Madrid e ringrazia il suo omologo del Queen's che gli ha concesso una wild card. "Sto imparando molte cose che vorremmo riproporre a Madrid. Questo è il torneo più bello da giocare" ha detto durante la premiazione. E commosso annuncia: si sposa. "Quando la mia futura moglie e io ci siamo conosciuti, lei non sapeva niente di tennis, e io continuavo a perdere. Ora finalmente posso farle vedere che sono un bravo giocatore". Lui sorride, lei non trattiene lacrime di gioia.

Lopez, con 6 vincenti e 6 errori, domina 6-2 il primo set. Simon mette in campo il 59% di prime e con la seconda vince un punto su tre. Lopez, che all'inizio della settimana diceva di sentirsi un po' più britannico, chiude il parziale con un ace. 

Lo spagnolo deve tornare in campo per la finale di doppio con Andy Murray, per la gioia di mamma Judy. Simon però non ha alcuna intenzione di accorciare la sua fatica. Nel primo turno di battuta del secondo set, lo spagnolo perde il servizio per la terza volta nel torneo, complice anche il secondo doppio fallo della sua partita. 
Simon non difende il vantaggio ma riesce comunque a spostare la finale alle sue condizioni, a trasformarla in una lotta di nervi, di scambi lunghi e geometrie complesse. Il francese trascina il set al tiebreak, perde i primi due punti al servizio, si tiene su con l'ace per il 3-2 e inizia a mettere dubbi nella mente di Lopez. Lo costringe a rete e lo passa, lo induce a sbagliare un dritto compodo che gli vale due set point e alla fine chiude 7-4. E' solo il secondo set che riesce a vincere negli scontri diretti sull'erba.

Simon vince il quarto tiebreak della settimana, tanti quanti ne aveva conquistati su 12 giocati dall'inizio dell'anno prima di questo torneo. Lopez, che ieri ha giocato due partite e mezza di fila, alza il livello nel terzo set. Sul 4-4 15-30 estrae un capolavoro di memoria muscolare a rete, ringrazia Hawk-Eye che certifica un ace per questione di millimetri e salva il turno di battuta più importante del set e della partita. Il francese allunga ancora al tiebreak ma si incarta nel primo doppio fallo del match e favorisce l'allungo sul 4-2. 

Lopez, terza wild-card a imporsi al Queen's, primo dopo Pete Sampras nel 1999, non perde più un punto. Il tennis su erba non è uno sport per giovani.
 
bf5049c6-a32a-4245-b658-84d25b91bb90
Play