-
Eventi Internazionali

Pioggia a Parigi: finali a rischio rinvio

In attesa del tetto del prossimo anno al Roland Garros è emergenza maltempo. Secondo le previsione meteo pioverà anche domani

di Angelo Mancuso - da Parigi | 06 giugno 2019

PARIGI - Il prossimo anno anche il Roland Garros avrà il suo centrale con il tetto, il nuovo Philippe Chatrier. Intanto però c'è da gestire, e non sarà semplice, l'emergenza maltempo dei prossimi giorni. Oggi la pioggia, che ieri ha fatto cancellare l'intera giornata (dal 1928 in 91 anni è la quarta volta che accade), dovrebbe dare una tregua: si comincia alle 12 con Halep-Anisimova sullo Chatrier e Keys-Barty sul Lenglen. Non prima delle 14.30 i due quarti maschili della parte alta, Djokovic-Zverev sullo Chatrier e Thiem-Khachanov sul Lenglen. Parigi ci riprova con lo stesso programma del giorno precedente con l'inizio anticipato di due ore. Fanno eccezione gli junior ancora fermi agli ottavi: per loro (ci sono anche Musetti e Cobolli) oggi doppio turno, ottavi e quarti con inizio alle 10.30.
La giornata di giovedì tradizionalmente è dedicata alle semifinali femminili, ma Konta e Vondrousova dovranno attendere domani per giocare insieme all'altra sfida che deve ancora definirsi.

DOMANI TORNA LA PIOGGIA

Il problema è che secondo le previsioni meteo la pioggia dovrebbe tornare copiosa nella giornata di domani. Il direttore del Roland Garros, Guy Forget, in una conferenza stampa organizzata qualche minuto dopo la decisione di cancellare tutti i match di ieri, ha spiegato che per salvaguardare la regolarità del torneo domani le due semifinali femminili, nonostante le tv non facciano salti di gioia, si giocheranno contemporaneamente sul Suzanne Lenglen e sul Simonne Mathieu. Il Philippe Chatrier verrà invece riservato alle due semifinali maschili. Il tutto tempo permettendo. L'obiettivo è concludere nella giornata di domani almeno le semifinali donne per poterle mettere in campo poi sabato (non dovrebbe piovere) nella finale. Sempre sabato ci sarebbe lo spazio per giocare l'eventuale prosecuzione delle semifinali maschili se domani, cosa abbastanza probabile stando alle pessime previsioni meteo, non dovessero finire.

FINALE DONNE DOMENICA?

Nella peggiore delle ipotesi, dovesse piovere tutto il giorno o per gran parte anche domani, la finale femminile potrebbe essere spostata a domenica, nello stesso giorno di quella maschile. "Se non avremo altra scelta, lo faremo - ha ammesso Forget - ma non è quello che ci auguriamo. Faremo il possibile affinché entrambe le finali si disputino secondo i piani". Comunque vada il maltempo rischia di incidere in modo pesante sul torneo. Chi uscirà vincitore dai quarti Djokovic-Zverev e Thiem-Khachanov dovrà rinunciare al giorno di riposo tra quarti di finale e semifinale, sebbene ne abbia ricevuto in dote uno in più del previsto tra ottavi e quarti. Intanto Federer e Nadal potranno ricaricare tranquillamente le batterie per quasi 48 ore prima di sfidarsi. Un guazzabuglio che non ha soluzioni. Anzi ce n'è una sola: il tetto che verrà.