-
Eventi Internazionali

Barty ha scoperto la terra

La Barty è l’unica giocatrice ad aver centrato i quarti in entrambi gli Slam disputati quest’anno: dopo aver “rotto il ghiaccio” a Melbourne la 23enne di Ipswich si è ripetuta anche a Parigi. Affronterà Madison Keys, tra le migliori otto al Roland Garros per il secondo anno di fila

di Tiziana Tricarico | 04 giugno 2019

MAI COSI' BENE A PARIGI - Nelle cinque precedenti partecipazioni nello Slam francese Ashleigh Barty non era mai andata oltre il secondo turno: quest’anno la 23enne di Ipswich si è invece improvvisamente riscoperta amante del “rosso”. Ha fatto le prove generali a Madrid, dove si è fermata nei quarti contro la Halep, mentre a Roma è incappata al secondo turno in una Mladenovic in giornata di grazia: poi un risentimento al braccio destro le ha fatto saggiamente decidere di rinunciare a giocare a Strasburgo. Risultato: all’ombra della Tour Eiffel sta giocando un tennis incredibile ed in quattro partite ha ceduto un solo set proprio negli ottavi contro la Kenin prima di infilare la 28esima vittoria di questo 2019 (è seconda nella speciale classifica insieme a Kvitova e Bencic, dietro solo a Pliskova, 29).

Kenin non si ripete

Contro Sofia Kenin, numero 35 Wta, battuta 63 36 60 in 90 minuti esatti, l’australiana numero 8 del ranking e del seeding, che ha iniziato la sfida tirando tre ace nel primo game di servizio (!), avrebbe potuto chiudere anche con un punteggio più netto. La ventenne statunitense (ma è nata a Mosca) non è riuscita infatti a ripetere la prestazione che le aveva permesso sabato di eliminare Serena Williams, pur cercando di essere sempre molto aggressiva soprattutto con la risposta. Sofia, che nelle due sfide precedenti non era mai riuscita a togliere un set alla Barty, stavolta ha approfittato di un break nel secondo gioco della seconda frazione per riuscire a fare almeno questo (anche se nell’ottavo game l’aussie non ha sfruttato due chance per rientrare): nella frazione decisiva, però, la Kenin è crollata, mostrando soprattutto difficoltà a gestire il rovescio in slice della Barty. Alla fine la ragazza di Pembroke Pines, Florida, ha chiuso sì con tre vincenti in più rispetto alla Barty (28 contro 25) ma anche con ben otto errori gratuiti in più (25 contro 17).

Tutto facile per Madison

Molto più semplice il compito di Madison Keys, che dopo la semifinale dello scorso anno (stoppata dalla Stephens, è di nuovo tra le migliori otto a Parigi. Tirando fuori dal cilindro il suo tennis migliore in questo Roland Garros la statunitense, numero 14 del ranking e del seeding, ha sconfitto per 62 64, in poco più di un’ora e mezza di partita, la ceca Katerina Siakova, numero 42 Wta, protagonista nel turno precedente dell’eliminazione della regina del tennis mondiale Naomi Osaka, vincitrice degli ultimi due Slam.

Obiettivo semifinale bis

La 24enne di Rock Island si dimostra ancora una volta estremamente consistente nei Major dove ha raggiunto i quarti negli ultimi sei giocati. Al contrario per la 23enne di Hradek Kralove si trattava di una prima volta assoluta negli ottavi di uno Slam. <i>”Sono molto soddisfatta di aver chiuso il match in due set: con condizioni difficili come quelle odierne non è affatto divertente andare al terzo”</i>, ha detto la Keys, protagonista nel bene e nel male: per le 26 vincenti ma anche altrettanti errori gratuiti (10 contro 18 il bilancio della ceca). L’americana, quest’anno a segno a Charleston (primo titolo per lei sulla terra, anche e verde), ha comunque perso il servizio in due occasioni ed ha dovuto fronteggiare palle-break in altri due giochi. Alla vigilia di Parigi aveva perso con la Cirstea nel primo turno di Madrid e con la Kenin al secondo turno di Roma. Ora però avrà la chance di raggiungere la sua seconda semifinale consecutiva al Roland Garros. Due pari il bilancio dei precedenti tra Barty e Keys, con Ashleigh che ha vinto l’ultimo, giocato quest’anno in Fed Cup, e Madison che si è però imposta nell’unica sfida disputata sulla terra battuta, proprio a Parigi, al primo turno del 2017.

CLICCA QUI PER IL TABELLONE FEMMINILE