-
Eventi Internazionali

Madrid: Halep nei quarti in 44'!

Una Simona formato de luxe rimanda a casa in "bicicletta" la slovacca Kuzmova: la rumena dimostra di trovarsi a proprio agio sulla terra spagnola dove ha già trionfato due volte. Centrano i quarti senza problemi anche la numero uno del mondo Naomi Osaka e la campionessa in carica Petra Kvitova.

di Tiziana Tricarico | 08 maggio 2019

Poco più di un allenamento, e magari pure meno faticoso. In appena 44 minuti Simona Halep ha staccato il pass per i quarti di finale del “Mutua Madrid Open”, Wta Premier Mandatory dotato di un montepremi di 7.021.128 euro che si disputa sulla terra rossa della Caja Magica di Madrid, in Spagna (combined con un Masters 1000 Atp). La rumena, numero tre del ranking e del seeding, due volte campionessa del torneo (2016-2017), è stata in campo meno di tre quarti d’ora per rispedire a casa in “bicicletta” (60 60) la slovacca Viktoria Kuzmova, 20 anni, numero 46 Wta, che pure aveva eliminato all’esordio la tedesca Julia Goerges, 16esima testa di serie, e poi si era ripetuta contro la “padrona di casa” Carla Suarez Navarro. Per la 27enne di Costanta è stato solo il secondo “doppio bagel” messo a segno in carriera in un match di main draw del circuito maggiore. Prossima avversaria per Simona - giovedì - l’australiana Ashleigh Barty, numero 9 del ranking e del seeding, che ha concesso un set di vantaggio alla kazaka Yulia Putintseva, numero 43 Wta, prima di rimettere le cose a posto (46 61 62). La Halep è avanti per 2-1 nei precedenti con la Barty (nessuno sul “rosso”) ma l’aussie si è aggiudicata proprio l’ultimo, disputato negli ottavi a Sydney lo scorso gennaio.

Passaggio del turno agevole anche per Naomi Osaka: la giapponese numero uno del mondo, per la prima volta così avanti a Madrid (prima di quest’anno non aveva mai vinto un match di main draw sulla terra spagnola), pare aver archiviato il problema agli addominali che un paio di settimane fa le aveva impedito di scendere in campo per le semifinali a Stoccarda. Dopo due vittorie non troppo convincenti la 21enne di Osaka si è sbarazzata per 62 63, in un’ora e 23 minuti di gioco, della bielorussa Aliaksandra Sasnovich, numero 33 del ranking mondiale, superata per la terza volta in altrettante sfide, che all’esordio aveva eliminato la finalista di Stoccarda Anett Kontaveit. Prossimo ostacolo per Naomi la svizzera Belinda Bencic, 22enne di Flawil, numero 18 del ranking mondiale (ma già top ten tre anni fa), che ha “asfaltato” per 60 62 l’ucraina Kateryna Kozlova, 25enne di Nikolayev, numero 85 Wta, proveniente dalle qualificazioni, che martedì aveva firmato l’impresa di giornata eliminando in tre set la quinta favorita del tabellone, la ceca Karolina Pliskova, numero 5 Wta. Uno pari il bilancio dei precedenti tra Osaka e Bencic con quest’ultima che ha concesso appena quattro game alla regina del ranking negli ottavi di Indian Wells a marzo.

Decisamente più complicata la qualificazione ai quarti di Sloane Stephens: la statunitense, numero 8 del ranking e del seeding, ha battuto in rimonta dopo oltre due ore di lotta per 36 63 62 la cinese Saisai Zheng, numero 49 Wta, già sconfitta in due set al secondo turno di Pechino lo scorso anno. Sloane si giocherà un posto nelle semifinali con la croata Petra Martic, numero 36 Wta, vincitrice un paio di settimane fa ad Istanbul del suo primo titolo Wta, che ha superato la connazionale Donna Vekic, numero 24 Wta (ritiratasi sul punteggio di 46 63 3-0). La 26enne di Plantation si è aggiudicata entrambe le sfide precedenti con la 28enne di Split, tutte e due molto combattute (la più recente quest’anno al terzo turno degli Australian Open).

In chiusura di programma Petra Kvitova ha inanellato il suo settimo match vinto consecutivamente: la ceca, numero due del ranking e del seeding, campionessa in carica e vincitrice anche delle edizioni del 2011 e del 2015, reduce dal Successo a Stoccarda, si è imposta per 63 63 sulla francese Caroline Garcia, numero 22 Wta. La 29enne mancina di Bilovec troverà nei quarti l’olandese Kiki Bertens, numero 7 del ranking e del seeding, finalista dodici mesi fa, che ha lasciato appena tre giochi alla lettone Anastasia Sevastova, numero 13 Wta e dodicesima testa di serie. Petra è in vantaggio per 3-2 nei precedenti dopo la vittoria in semifinale a Stoccarda un paio di settimane fa.

RISULTATI MERCOLEDI’ - terzo turno (ottavi): (3) Halep (ROU) b. Kuzmova (SVK) 60 60, (7) Bertens (NED) b. (12) Sevastova (LAT) 61 62, (1) Osaka (JPN) Sasnovich (BLR) 62 63, (9) Barty (AUS) b. Putintseva (KAZ) 46 61 62, Bencic (SUI) b. Kozlova (UKR) 60 62, Martic (CRO) b. Vekic (CRO) 46 63 3-0 rit, (8) Stephens (USA) b. Zheng (CHN) 36 63 62, (2) Kvitova (CZE) b. Garcia 63 63.