-
Eventi Internazionali

A fil di rete - Un Denis poco Felix?

Il primo turno di Madrid ha messo di fronte i due giovani fenomeni canadesi, Shapovalov, 20 anni, e Auger Aliassime, 18. Ha vinto il più giovane che adesso però si deve sciroppare un certo... Nadal. Chi sarà più contento?

di Enzo Anderloni | 07 maggio 2019

Di sicuro, al momento di cominciare non gli ha detto: “Batti Lei”. Denis Shapovalov è il suo migliore amico. Due anni più grande, già una star del circuito dei grandi, per Felix Auger Aliassime è di sicuro un punto di riferimento.
Felix ha diciotto anni ed è numero 30 del mondo, Denis ne ha venti… ed è n.20. Tutti e due canadesi, tutti e due originari di altre parti del mondo. Il papà di Felix viene dal Togo, quello di Denis dalla Russia.

La sfortuna, che ci vede benissimo, li ha messi uno contro l’altro al primo turno del Masters 1000 di Madrid. Il premio per il vincente è un secondo turno contro un certo Rafael Nadal. Se l’è aggiudicato Auger Aliassime (6-2 7-6, 9-7 il tie-break).

Cavoli suoi, avrà pensato Shapovalov, che ha già battuto una volta il mitico Rafa. Sul cemento canadese però. Intanto comincerà a preparare le valigie per venire a Roma, dove lo aspettano i gridolini di miriadi di fans.

Così per un attimo le strade dei due amici si dividono. Uno prosegue, l’altro saluta la Caja Magica. Vederli stringersi la mano ci dà giusto l’occasione di ricordare che, di nuovo insieme, ci aspettano in novembre per il primo turno delle inedite finali di Coppa Davis. A Madrid. Cavoli vostri, penseranno questi due sfrontati. Calmini, noi siamo pronti.