-
Eventi Internazionali

Atp Finals a Torino: un coro di applausi

Tante reazioni positive dai campioni dopo l'annuncio. Federer: "Un eccitante nuovo capitolo". Rafa approva: "Scelta giusta, per tanti motivi". Fognini felice: "Il nostro Paese può arricchire l'appuntamento più importante del mondo". E i giovani Sonego e Musetti sognano ad occhi aperti

di Gianluca Strocchi | 27 aprile 2019

LE PAROLE DI DJOKOVIC, N.1 DEL MONDO E PRESIDENTE ATP PLAYER COUNCIL - L’annuncio che Torino è stata scelta dal Board ATP come sede per le ATP Finals dal 2021 al 2025 è stato accolto con commenti entusiastici da parte dei principali campioni del circuito. 
Se Novak Djokovic, numero 1 del ranking mondiale e presidente dell’ATP Player Council, nella dichiarazione inserita nel comunicato ufficiale ha sottolineato come si tratti di "un torneo che storicamente si è spostato in varie sedi e quindi sono molto felice di vederlo trasferirsi a Torino dal 2021. Mancano ancora alcuni anni, ma so che i giocatori saranno molto entusiasti di gareggiare lì, e spero anche di essere parte di quello che sarà un evento molto speciale" anche Roger Federer, Rafa Nadal, Kevin Anderson, Borna Coric e Fabio Fognini hanno subito espresso il loro sostegno alla scelta del Pala Alpitour per ospitare per cinque anni il prestigioso appuntamento di fine stagione.

IL SOSTEGNO DI FEDERER, LJUBICIC E NADAL

Un eccitante nuovo capitolo per l’ATP Tour”, il post di ‘King Roger su Facebook condividendo l’emozionante video che lancia il capoluogo piemontese come location per il Masters. 

Ancora più entusiasmo traspare nelle parole del coach del fuoriclasse di Basilea, Ivan Ljubicic, che l’Italia e in particolare Torino conosce bene: “Che notizia fantastica per il tennis in Italia!! Sarà emozionante vedere i migliori 8 a Torino!”.  

Compiacimento per la decisione è stato espresso anche da Rafael Nadal. “Credo che sia la scelta giusta, per vari motivi. Perché l’Italia ha una grande tradizione tennistica, ottimi giocatori anche giovani e che quindi potranno essere forse protagonisti del torneo negli anni che vanno dal 2021 al 2025. E perché Torino è una grande città ed è in Europa, al centro dell’Europa, quindi si inserisce benissimo nel calendario di fine anno di noi giocatori”, le parole del campione maiorchino intervistato da La Stampa.

I TWEET DI ANDERSON E CORIC

Dal canto suo Anderson, che nell’edizione 2018 ha raggiunto le semifinali al suo debutto, ha affidato a Twitter il suo pensiero: "Lo scorso anno è stato uno dei migliori momenti della mia carriera finora. Congratulazioni a Torino nella speranza che io possa giocarci in alcuni (o magari tutti) quegli anni"

Sintetico ma chiaro il messaggio del croato Borna Coric, numero 15 della classifica mondiale e al momento 16esimo nella Race to London: <i>“Spero di vedervi a Torino”</i>, facendo probabilmente il verso al claim utilizzato quando vennero lanciate le Next Gen ATP Finals di Milano.
909a669a-32f3-4f90-a8cc-e467854d4e55
Play

Fognini: "masters a torino? sara' incredibile"

Felicità anche da parte di Fabio Fognini, fresco conquistatore del primo “1000” in carriera a Montecarlo, che lo ha riportato ad essere il miglior azzurro nel ranking Atp, dove è 12esimo. "Sono contento, prima di tutto perché sono italiano ma anche perché è speciale ospitare nel proprio Paese il torneo più importante del circuito. Ho forse una chance di esserci e spero vivamente di riuscirci, sarebbe fantastico. Torino è una città davvero bella, ricca di storia e fascino. Sono sicuro che ha molte cose da  offrire per far sì che i giocatori siano accolti bene e si sentano come a casa", le parole di Fabio, convinto che a trarre vantaggio da questo prestigioso evento sportivo sia tutta la nazione. "Questo momento per il tennis italiano è davvero positivo. E ora abbiamo anche il torneo più importante dell’anno nel nostro Paese. Ho giocato le ATP Finals in doppio nel 2015 e tutti erano felici di parteciparvi e si godevano al massimo ogni aspetto. Sono orgoglioso che il nostro Paese abbia l’opportunità di contribuire a migliorare quello che è già il miglior torneo dell’anno”, ha concluso il ligure.

E' speciale ospitare nel proprio Paese il torneo più importante del circuito.

SONEGO: “FINALS A TORINO GRANDE STIMOLO”

"Che figata!". Lorenzo Sonego definisce così, in maniera spontanea, la notizia che le Atp Finals si giocheranno nella "sua" Torino dal 2021 al 2025, candidatura italiana preferita a quelle di Londra, Manchester, Tokyo e Singapore. "E' una notizia strepitosa per la città, per tutto l'ambiente italiano, ma anche uno stimolo per tutti i ragazzi che avranno la possibilità di vedere giocatori di grande livello. Anche per me è un grande stimolo, l'obiettivo è di entrare tra i primi 10 ed esserci”- spiega Sonego -. “Sarebbe un'esperienza incredibile, nella speranza che ci siano ancora Federer e Nadal in forma e pronti a lottare". Il 23enne piemontese è uno dei nuovi talenti italiani che stanno venendo fuori e scalando le classifiche. Dopo i quarti a Montecarlo Sonego è numero 66 Atp (un salto di 30 posizioni). "Con i risultati degli ultimi tempi il movimento giovanile sia a Torino che in Italia sta crescendo tantissimo, tanti circoli si stanno attrezzando molto bene e con gente molto valida, ci sono tanti ragazzi che hanno una gran voglia di far bene. Giocare un torneo come le Atp Finals in casa per me sarebbe incredibile, ma ancora è presto per pensarci, mi devo concentrare su altri obiettivi, magari entrare tra i primi 50 e fare esperienza ad alto livello, è un passaggio necessario per migliorare", ha aggiunto Lorenzo
66b265bc-7cf1-4b23-9f5f-f2f9f10913d2
Play

MUSETTI: “FANTASTICO, IL SOGNO E' GIOCARLE”

"Le Atp Finals a Torino? È una cosa fantastica per il tennis italiano e per il Paese intero". Lo dice il giovane talento azzurro Lorenzo Musetti, vincitore quest'anno degli Australian Open junior, commentando l'assegnazione al capoluogo piemontese del prestigioso torneo. "Spero di poterci giocare, si disputeranno fino al 2025, quindi gli anni per potercela fare ce li ho. Per me sarebbe una cosa magnifica, un sogno che si avvera", aggiunge Musetti, in questi giorni a Francavilla al Mare dove è impegnato negli Internazionali di tennis d'Abruzzo, torneo Challenger Atp.