-
Eventi Internazionali

Montecarlo: terra rosso fuoco

Il "Rolex Monte-Carlo Masters" apre la stagione sulla terra rossa europea. Sui campi del Country Club di Montecarlo, nel Principato di Monaco, in gara sei top-ten. Il "padrone di casa" Rafa Nadal deve guardarsi soprattutto da Djokovic e Thiem.

di Tiziana Tricarico | 17 aprile 2019

SI APRE LA STAGIONE EUROPEA SUL ROSSO - Con buona pace di Marrakech e Houston, e dello swing sudamericano di febbraio, è a Montecarlo che si apre la “vera” stagione sul “rosso”. Il "Rolex Monte-Carlo Masters", terzo torneo Atp Masters 1000 stagionale, il primo dei tre sulla terra (tutti in Europa), dotato di un montepremi di 5.207.405 euro che si disputa sulla terra rossa del Country Club di Montecarlo, nel Principato di Monaco. Al via ci sono 6 top-ten: gli assenti sono Federer, Anderson, Del Potro ed Isner, con gli ultimi tre costretti al forfait per infortunio. A guidare il seeding è il numero uno del mondo Novak Djokovic, vincitore nel 2013 2 nel 2015, davanti a Rafael Nadal (n.2 Atp), recordman con 11 successi (2005-2012 e 2016-2018), Alexander Zverev (n.3 Atp), Dominic Thiem (n.5 Atp), Kei Nishikori (n.6 Atp - finalista dodici mesi fa), Stefanos Tsitsipas (n. 8 Atp), Marin Cilic (n.11 Atp) e Karen Kachanov (n.12 Atp): le prime otto teste di serie entreranno in gara direttamente al secondo turno. Tra i “past champion” anche lo svizzero Stan Wawrinka, a segno nel 2014.

NUMERI DA “SIGNORE DELLA TERRA” - A Montecarlo il 32enne mancino di Manacor ha vinto 11 trofei (i primi otto consecutivi, 2005-2012, e poi ancora dal 2016 al 2018), ha giocato anche un’altra finale, quella del 2013 persa contro Djokovic, ed è in seroe positiva da 15 incontri. Il maiorchino è talmente popolare da queste parti che l’esclusivo Montecarlo Bay Hotel & Resort gli ha intitolato addirittura una suite, la numero 1029, dove è solito soggiornare. Nelle ultime due stagioni sulla terra Rafa ha perso soltanto due match, e sempre contro Dominic Thiem: nei quarti degli Internazionali BNL d’Italia nel 2017 ed a Madrid nel 2018. Nella passata stagione lo spagnolo ha vinto 26 - compresi i due di Davis - dei 27 match giocati sul “rosso” e soprattutto ha firmato ben tre “undecime”: Montecarlo, Barcellona e Roland Garros (record). Numeri che fanno davvero impressione quelli di Nadal: 57 trofei conquistati sulla terra (record) degli 80 complessivi, 415 incontri vinti a fronte di 36 sconfitte su una superficie sulla quale ha vinto 111 dei 113 match giocati al meglio dei cinque set (gli unici due ko proprio a Parigi negli ottavi del 2009 contro Robin Soderling e nei quarti del 2015 contro Novak Djokovic). Per Nadal - chiamato a difendere da qui alla prima settimana di giugno la bellezza di 4.680 punti - esordio contro il vincente del match tra lo spagnolo Roberto Bautista Agut (n. 23 Atp) e l’australiano John Milmann (n. 40 Atp).

L’AVVERSARIO PIU’ PERICOLOSO - E’ Novak Djokovic, e non perché è il numero uno del mondo o perché è in vantaggio per 28 a 25 nel computo dei precedenti con lo spagnolo ma perché è l’unico che lo abbia battuto due volte sulla terra monegasca: nella finale del 2013 e nelle semifinale del 2015. Per non parlare del fatto che da luglio dello scorso anno il 31enne di Belgrado sembra essersi ritrovato come testimoniano gli ultimi tre Slam vinti di fila (ed a Melbourne in finale ha “distrutto” proprio Rafa). Per Nole primo impegno con il vincente del match tra il tedesco Philipp Kohlscreiber (n. 41 Atp) e l’australiano Thanasi Kokkinakis (n.186 Atp), in gara grazie ad una wild card. Il 23enne di Adelaide proprio un anno fa a Montecarlo, contro Khachanov, si procurò l’ennesimo infortunio della sua carriera inciampando in uno dei cuscinetti posti di fronte ai giudici di linea e cadendo rovinosamente. Dalla parte del serbo sono finiti Thiem, Tsitsipas e Khachanov, mentre nella parte bassa sono stati sorteggiati “Sascha” Zverev, Nishikori e Cilic ma anche Wawrinka (con “Stan the man” sorteggiato al primo turno contro Pouille).

QUARTI IPOTETICI - (1) Djokovic-(6) Tsitsipas, (4) Thiem-(8) Kachanov, (3) A.Zverev-(5) Nishikori, (7) Cilic-(2) Nadal.