-
Campioni nazionali

Atp Awards 2019: in lizza Berrettini e Sinner

Ufficializzati i candidati ai premi di fine anno per il tour maschile: Matteo tra i 4 in nomination per il "Most Improved Player of the Year" (“Il giocatore dal più evidente miglioramento”) mentre Jannik è uno dei Next Gen in corsa per il “Newcomer of the Year” (“Volto nuovo”)

di Gianluca Strocchi | 27 novembre 2019

Ci sono anche due tennisti azzurri – si tratta di Matteo Berrettini e Jannik Sinner tra i candidati agli Atp Awards 2019, riconoscimenti di fine anno assegnati dall’Associazione Giocatori, assai significativi in quanto la “giuria” è composta dagli stessi protagonisti del circuito maschile.

Ebbene, il 23enne romano, arrivato fino all’ottava posizione della classifica mondiale grazie ad una stagione in continuo crescendo - esordio da protagonista in Coppa Davis a Calcutta, in India, due titoli Atp conquistati, a Budapest sulla terra rossa e a Stoccarda sull'erba, una storica semifinale Slam agli US Open e altre cinque nel circuito maggiore, tra cui quella al Masters 1000 di Shanghai, e un altrettanto storica qualificazione al Masters, dove diventa il primo azzurro a vincere un match battendo Thiem a Londra – è tra i quattro in nomination per il premio di "Most Improved Player of the Year" (“Il giocatore che ha fatto registrare il più evidente miglioramento dell'anno”) tenendo conto del ranking ATP significativamente più alto entro la fine del 2019 e del livello di prestazioni sempre migliore durante l'anno.
Di prim’ordine sono però i rivali di Berrettini, vale a dire il canadese Felix Auger-Aliassime, il russo Daniil Medvedev e il greco Stefanos Tsitsipas (vincitore in questa categoria però già lo scorso anno).

Sinner in lizza come “Volto nuovo”

Tra gli otto Next Gen in lizza per il premio “Newcomer of the Year” (il giovane che è entrato nella Top 100 per la prima volta nel 2019 e ha avuto il maggiore impatto sul tour in questa stagione) figura invece Jannik Sinner, letteralmente esploso quest’anno. Il 18enne di Sesto Pusteria, abbondantemente fuori dai primi 500 del ranking mondiale a inizio 2019, ha raggiunto la prima semifinale Atp ad Anversa, vinto il suo primo match in un Masters 1000 (agli Internazionali BNL d'Italia a Roma, contro lo statunitense Steve Johnson) e partecipato al suo primo main draw Slam (Us Open), superando le qualificazioni e cedendo poi in 4 set al primo turno a Stan Wawrinka, si è aggiudicato tre titoli challenger (a Bergamo in febbraio, Lexington in agosto e Ortisei un paio di settimane fa), meritandosi una wild card per le Next Gen ATP Finals di Milano, dove ha confermato tutte le sue doti firmando la terza edizione dell'appuntamento riservato ai migliori under 21 del circuito mondiale. Gli altri talenti emergenti candidati sono il canadese Felix Auger-Aliassime, lo spagnolo Alejandro Davidovich Fokina, il serbo Miomir Kecmanovic, il francese Corentin Moutet, l’australiano Alexei Popyrin, il norvegese Casper Ruud e lo svedese Mikael Ymer.

Gli altri premi votati dai giocatori

Ci sono poi altre tre categorie di Atp Awards votati dai giocatori. Per il premio "Comeback Player of the Year" (“Ritorno dell’Anno”, il giocatore che ha superato un grave infortunio e si è riaffermato come uno dei migliori del Tour) sono in ballo Andy Murray, Andrey Rublev, Jo-Wilfried Tsonga e Stan Wawrinka, mentre di quattro nomi è pure la rosa per lo "Stefan Edberg Award" per la sportività (al giocatore che, durante tutto l'anno, si è comportato al più alto livello di professionalità e integrità, che ha gareggiato con i colleghi con il massimo spirito di correttezza e che ha promosso il tennis attraverso le sue attività fuori dal campo): Roger Federer, Rafael Nadal (vincitore 2018), Diego Schwartzman e Dominic Thiem.

A dicembre i nomi dei vincitori

Sempre i tennisti si esprimeranno sul “Torneo dell’Anno”, divisi nelle categorie Masters 1000, "500" e “250”, mentre i tecnici si pronunceranno sull’“ATP Coach of the Year”.

 Il giudizio dei tifosi decide invece il premio come ‘giocatore più amato’, l'"ATPWorldTour.com Fans Favourite", mentre è l’Associazione che governa il tour maschile ad assegnare l'”Arthur Ashe Humanitarian Award” al personaggio più attento alle questioni umanitarie e il premio “Ron Bookman Media Excellence” a un giornalista per il suo contributo al gioco del tennis.

A dicembre – informa l’ATP - verranno ufficializzati i nomi dei vincitori.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi