-
Campioni nazionali

Barazzutti: "Fabio se lo merita"

Il capitano azzurro, che era stato l'ultimo azzurro ad entrare nell'élite mondiale, fa i complimenti a Fognini e lo spinge a guardare ancora più lontano. "Ha finalmente la continuità per raggiungere risultati importanti"

di Angelo Mancuso - da Parigi | 04 giugno 2019

PARIGI - In pochi conoscono bene Fabio Fognini quanto Barazzutti, capitano di Coppa Davis. Corrado è anche stato l'ultimo tennista italiano capace di entrare nella top ten nell'era open prima del ligure: correva il 1978 e salì fino alla settima posizione mondiale. Sono passati 41 anni e ora ecco Fognini. "Giusto così. Fabio strameritava di centrare questo traguardo. E ora non deve fermarsi qui perché può e deve fare ancora meglio. Cosa è cambiato? Dopo la vittoria a Monte Carlo ha preso consapevolezza di essere un giocatore che può ottenere grandi risultati, non solo qualche exploit - sottolinea Barazzutti - ed è sempre più convinto della propria forza, delle sue qualità. Non che prima non lo sapesse, ma un Masters 1000 non lo aveva mai vinto in passato. E' più forte caratterialmente, ora sa di poter vincere un grande torneo perché la qualità del suo tennis non si discute. Nei momenti in cui non tutto gira bene - aggiunge Corrado - Fabio è capace di vedere la parte positiva e non quella negativa come magari gli capitava in passato quando perdeva lucidità. Questo è un aspetto fondamentale perché ha la serenità di superare i momenti non buoni che durante una partita possono capitare. Ha finalmente la continuità necessaria per emergere, per raggiungere risultati importanti. Dopo Monte Carlo ha acquisito una dimensione positiva si sé stesso. Quando gioca come sa, non è secondo a nessuno, è tra i più forti del mondo. E questo non lo dico io, ma i suoi avversari".