-
Campioni internazionali

Gli Ace di Kyrgios e dell'ATP Cup per le vittime degli incendi

Nick Kyrgios donerà 200 dollari per ogni Ace realizzato nella stagione australiana in sostegno delle popolazioni colpite dai devastanti incendi che stanno martoriando il paese. Con lui De Minaur, Millman e Sam Stosur. Anche l'ATP Cup ha risposto all'appello. Spostato da Canberra a Bendigo il Challenger dove esordiranno Sinner e Seppi

di | 03 gennaio 2020

La drammatiche immagini degli incendi che da settimane continuano a devastare importanti aree dell'Australia stanno facendo il giro del mondo. Incalcolabili i danni subiti dall'ambiente, molto ingenti anche quelli patiti dalla popolazione, costretta a scappare dalle case lambite dalle fiamme per salvare la propria incolumità. 


I tennisti australiani, guidati da Nick Kyrgios, stamattina hanno promosso un'iniziativa in sostegno dei moltissimi connazionali colpiti duramente dagli incendi. Il talentuoso Nick ha lanciato per primo l'idea sul proprio profilo Twitter: “Sto dando il via al mio supporto per le persone colpite dagli incendi. Donerò 200 dollari per ogni Ace che realizzerò in tutti gli eventi a cui prenderò parte quest'estate”. Migliaia i retweet e commenti da parte degli appassionati, ma soprattutto è scattata la corsa dei colleghi australiani, felici di partecipare all'iniziativa.

 

Così Alex De Minaur: “Mi piace, io contribuirò con 250 $ per Ace, non credo che riuscirò a colpirne così tanti come te, amico mio...”. Immediata la risposta di John Millman: “Non sono ai vostri livelli ragazzi ma voglio esser coinvolto in questa idea. 100 $ per ogni Ace in tutta l'estate australiana”. Anche Sam Stosur ha risposto convinta all'appello: “Per ogni Ace che servirò in tutta l'estate australiana donerò 200 dollari per la riduzione degli incendi boschivi, per aiutare a raccogliere fondi per le famiglie, vigili del fuoco e animali colpiti da questo disastro. Per favore, unitevi a me in ogni modo possibile”.

Il treno lanciato da Kyrgios ha mosso anche l'ATP Cup, al via domani in Australia. Ogni Ace servito durante i 10 giorni del torneo nelle tre sedi di Perth, Brisbane e Sydney porterà 100 dollari di donazione per sostenere gli sforzi di soccorso e recupero da incendio boschivo della Croce Rossa australiana. Con oltre 1500 Ace attesi negli incontri di singolare e doppio che si svolgeranno tra i gironi e le Final Eight di Sydney, si stima un contributo che dovrebbe superare i 150.000 dollari. “Le comunità di tutto il paese sono state devastate dalla crisi degli incendi, e in questo periodo dell'anno, con i nostri eventi in piena attività, il tennis ha un'opportunità unica per sostenere gli sforzi di soccorso e recupero”, ha dichiarato il direttore della ATP Cup Tom Larner.

La situazione è molto grave nell'area di Canberra, dove lunedì scatterà un torneo Challenger a cui sono iscritti tra gli altri Andreas Seppi, Jannik Sinner e Lorenzo Giustino. Per colpa degli incendi, la qualità dell'aria in città è terribile: secondo il quotidiano Canberra Times, le rilevazioni hanno toccato dei livelli ben peggiori di quelli già al limite registrati in metropoli divorate dallo smog come Pechino o Nuova Delhi. Un allarme che ha spinto le autorità a chiudere gli edifici pubblici (uffici postali, banche, poste), l'università ed i parchi, sconsigliando alla popolazione di sostare a lungo all'aperto, in attesa che la situazione possa migliorare. Al momento non ci sono comunicazioni ufficiali, ma se le condizioni ambientali dovessero restare così critiche o addirittura peggiorare, anche il programma del torneo Challenger potrebbe subire variazioni.
Jannik Sinner sul social Instagram ha scritto: “Sono appena arrivato in Australia e già mi è chiara la gravità della situazione in questo momento. Voglio scrivere due parole per tutte le persone segnate da questi terribili incendi, i miei pensieri e le mie preghiere sono tutte voi, siate forti. Voglio anche ringraziare i vigili del fuoco per il loro incredibile coraggio e determinazione. Spero che tutto questo possa terminare il prima possibile”.

Commenti

Partecipa anche tu alla discussione, accedi