-
Beach tennis

Spiagge Mondiali: in mille a Terracina

Il centro laziale pronto per l'11esima edizione dei Mondiali, in programma dal 10 al 16 giugno: attesi 1.000 atleti da 25 nazioni, 27 i titoli in palio con tante coppie italiane in pole position...

di Fabio Bagatella | 10 giugno 2019

Il count down è terminato. Terracina è pronta a ospitare i Mondiali ITF di beach tennis 2019, edizione numero 11 della rassegna, e a diventare, per una settimana sino a domenica 16 giugno, la capitale internazionale del tennis sulla spiaggia: 25 nazioni partecipanti, 1.000 atleti in gara e qualcosa come 1.500 partite in programma.

Grande equilibrio

Il ranking ITF di beach tennis è da sempre un affare molto italiano e il trend continua a essere questo: attualmente ci sono sette azzurri e altrettante azzurre nella Top 10 internazionale. A Terracina le coppie italiane non possono dunque che collocarsi nelle primissime posizioni della griglia di partenza dei due tornei, il doppio maschile e il doppio femminile (categoria pro/ITF), che rappresentano gli allori principali di questi Mondiali. In campo maschile guidano il seeding il duo russo-italiano Nikita Burmakin e Tommaso Giovannini e i tandem azzurri formati da Alessandro Calbucci con Michele Cappelletti e Doriano Beccaccioli con Davide Benussi: i primi hanno trionfato a Rio de Janeiro all'inizio di maggio, i secondi a Castiglione della Pescaia lo scorso fine settimana, mentre i terzi sono i campioni italiani indoor 2019. Sul fronte femminile comandano i tandem italiani Sofia Cimatti con Giulia Gasparri e Flaminia Daina con Nicole Nobile: le prime hanno prevalso nella finale degli 'Assoluti' indoor 2019, ma le seconde si sono vendicate nella finale di Rio. Molto equilibrio, insomma, con un'altra decina di coppie pronte a vestire il ruolo di outsider di lusso.
Decisamente azzurro anche l'albo d'oro mondiale, dove le coppie italiane hanno monopolizzato il gradino più alto del podio. L'unico titolo non italiano è stato quello di doppio femminile (pro), vinto nel 2016 dalle brasiliane Cortez/Miller. I campioni in carica sono Mikael Alessi con lo spagnolo Antomi Ramos Viera e Federica Bacchetta con Giulia Gasparri. Mentre Bacchetta e Viera non sono presenti a Terracina, Alessi è in gara con Luca Carli e formano la quarta coppia favorita dal seeding.

La magia di Terracina: la sede

Dopo le prime tre edizioni al Foro Italico, la parentesi bulgara del 2012 e le sei annate di Cervia, i Campionati mondiali di beach tennis ritornano così nel Lazio. Tutto il torneo, aperto gratuitamente al pubblico, si svolge lungo i dieci chilometri di spiaggia del litorale di Terracina, che da un decennio è una delle sedi Top 5 in Italia della specialità ed è un preciso punto di riferimento per la FIT. Centro turistico-balneare del Tirreno laziale in provincia di Latina, Terracina è un posto un po' magico dove la storia e l'arte si fondono con la natura e lo sport.

27 titoli in palio e 5 sistemi di punteggio

I Mondiali hanno un montepremi di 25.000 dollari, così suddiviso: 22.000 dollari per il doppio maschile più il doppio femminile (categoria pro) e 3.000 dollari per il doppio misto (categoria pro). 27 i titoli complessivi in palio - il triplo rispetto a quelli del 2018 - suddivisi in 4 macro-categorie: pro, juniors, seniors e non classificati ITF.

  • I 5 titoli pro: maschile (singolare e doppio), femminile (singolare e doppio) e doppio misto.
  • I 17 titoli juniors: under 18, under 16 e under 14 (singolare e doppio maschile, singolare e doppio femminile, doppio misto) e under 12 (doppio maschile e doppio femminile).
  • I 3 titoli seniors: doppio femminile over 35, doppio maschile over 40 e doppio maschile over 50.
  • I 2 titoli non classificati ITF: doppio maschile e doppio femminile.