-
Archivio News

E IL PADRE DI FEDERER SBOTTÒ: “E TIRA ‘STO ROVESCIO!”.

Dalle cronache di Indian Wells un gustosissimo retroscena, con il signor Robert che a bordo campo seguiva il figlio nel match contro Nadal

di Enzo Anderloni | 22 marzo 2017

Dalle cronache di Indian Wells un gustosissimo retroscena, con il signor Robert che a bordo campo seguiva il figlio nel match contro Nadal. E lui ammette:”Mio papà e tutti i mestri mi hanno sempre detto che dovevo spingere di più questo colpo. Ma finchè non ho cambiato racchetta…”

di Enzo Anderloni – Foto Getty Images

“E tira ‘sto rovescio, dannazione!”, sbotta il padre a bordocampo. Sì, perché lui, il figlio, si è allenato da dio per giocare aggressivo anche da quella parte, cercando di anticipare i colpi, rubando tempo e campo all’avversario. Però le vecchie abitudini, gli automatismi di sicurezza sono difficili da abbandonare e dunque qualche volta, ‘sto benedetto figlio ritorna a quel rovescio in back che non sbaglia, è fastidioso ma troppo spesso lascia lo scambio in mano all’avversario.

E lui, il baffuto padre, non si trattiene: insomma adesso che finalmente l’ha capito che deve tirare, che lo tiri ‘sto rovescio, no? Lui alla fine vince, tirando ‘sto rovescio, e ammette: “Mio padre e i maestri me lo dicevano sempre di essere più aggressivo col rovescio, ma a me non veniva. Non credevo di poterlo fare nei momenti importanti. Ora le cose sono cambiate”.

Il motivo? “Penso che aver preso una racchetta con il piatto più grande mi abbia facilitato le cose, specie quando voglio rispondere forte e rimanere aggressivo durante lo scambio. Certo, devo stare attento perché rispetto alla racchetta di prima questa è più potente e la palla esce più velocemente dalle corde”. Storia di vita tennistica quotidiana: quante volte li abbiamo sentiti questi padri sbottare a bordocampo. Dopo aver speso anche i soldi delle nuove racchette, tanto spesso consigliate, che quegli zucconi dei figli non volevano, fissati com’erano con quella con cui avevano cominciato. Vita tennistica quotidiana da favola nel caso dei due protagonisti reali di questa scenetta, Robert e Roger Federer. Il campo del quale il papà era al “bordo” è il centrale di Indian Wells. L’avversario del figlio oltre la rete si chiamava Rafael Nadal. E le parole, a fine partita, sono quelle di Roger, vincitore. Il tennis appare spesso complicato ma forse è tanto semplice che Robert può dire a Roger, 35 anni e 18 Slam: “E tira ‘sto rovescio!”.

E Roger ha davvero trovato adesso, lavorando autunno e inverno con l’amico allenatore Ivan Ljubicic (uno che giocava con lo schema servizio-rovescio…) la convinzione di entrare con decisione su quella palla, subito, mentre sale dopo il rimbalzo, quasi di piatto, con quel minimo di copertura che serve a tenerla in campo ma senza troppo top perché perderebbe velocità. Trovando a 35 anni un nuovo colpo vincente anche contro fenomeni come Nadal o l’amico muscoloso Stan Wawrinka (lui sì che ci mette anche tanto top nel rovescione, con quel fisico…).

Così la favola sta nella semplicità di crederci e lavorare, lavorare tanto, anche se sei Federer. Così si avverano anche i sogni o gli auspici più rosei. Come quello di Riccardo Piatti che il giorno della finale aveva twittato un buon compleanno a Ljubo (38 anni) augurandogli di provare con Roger le emozioni fortissime che aveva vissuto lui nel 2010 proprio a Indian Wells, da allenatore di un Ivan vincente. Come è andata a finire lo sappiamo tutti. Una bella favola da raccontare.

Articolo tratto da SuperTennis Magazine n. 11 - 2017

Per scaricare il numero completo della nuova rivista settimanale potete CLICCARE QUI Registrandovi al servizio My Fit Score potrete riceverla automaticamente ogni mercoledì via newsletter. La rivista è scaricabile (e stampabile) in formato pdf.

SuperTennis Magazine – Anno XIII – n.11– 22 marzo 2017

In questo numero

Prima pagina –E tira ‘sto rovescio… Pag.3

Circuito mondiale: Federer Supergiovane verso nuovi orizzonti Pag.4

Focus Next Gen: Canadesi d’assalto: Denis e Felix, che coppia Pag.8

Terza pagina – Roma 2008: la prima volta di Nole Pag.10

I numeri della settimana: Roger contro Top 10? 6-0 Pag.12

Il tennis in tv – 7 giorni (live) a Miami Pag.14

Pre-qualificazioni IBI17 – Da Bolzano a Cagliari, Roma sempre più vicina Pag.16

Notizie dalle regioni – Veneto, Liguria, Lazio, Calabria Pag.18

Circuito Fit-Tpra – Non solo Atp e Wta, amatori a… Indian Wells Pag.22

Personal coach – Il gioco al volo va sempre di moda Pag.24

Racchette e dintorni – Nei panni di Roger? Ti costa 45 mila dollari Pag.26

L’esperto risponde – Se in giocatore tocca involontariamente due volte la palla con la racchetta che cosa succede ? Pag.28