-
Archivio News

I TORNEI DEL CIRCUITO ORA ANCHE ALL'ITALIANA

Il secondo Master 750 del calendario unico dei tornei week-end è stato un successo

di Enzo Anderloni | 28 febbraio 2017

Il secondo Master 750 del calendario unico dei tornei week-end è stato un successo. E ha pure lanciato un'altra novità: vale a dire i tornei a giorni, in cui anche chi perde gioca più partite… al prezzo di un'iscrizione

di Claudia Pagani

Buone notizie da Marsiglia, o meglio, dalle varie parti d'Italia. Dove si è giocato il secondo Master 750 della stagione che ha coinvolto 27 province per un totale di 86 tornei svolti in contemporanea nazionale con oltre 660 amatori iscritti. Ed è stata proprio questa anche l’occasione di introdurre la nuova tipologia dei “tornei a gironi”. Diversi circoli hanno accettato la sfida. Tra questi fari puntati sul Tc Franciacorta di Cellatica (Brescia),sede del primo test nazionale di questa formula. Una formula che può essere applicata a tutti i Master 750 (singolo e doppio con tabelloni al massimo da 16 iscritti), ai tornei classici con massimo 12 iscritti e ai tornei sociali che si svolgono in più mesi, senza limiti di iscritti.

Come funziona
Scaduto il termine delle iscrizioni anziché generare un tabellone in linea si generano i gironi. Le partite del girone si giocano con un set a 6. Inserendo i risultati delle sfide il sistema crea la classifica. Il circolo decide se portare alla fase eliminatoria solo il primo o anche il secondo dei fighters per ogni girone. In base a questa scelta si genera un tabellone finale a eliminazione diretta dove si giocano eventuali quarti, semifinali e finali. Per decretare il vincitore della classifica a girone si considera prima il numero di vittorie poi i game persi, chi ne perde meno è considerato più forte, se la situazione presenta ancora situazioni di parità allora vale il ranking Tornei Tpra.

Il primo test a Cellatica
“Promossa la formula nei tornei Master 750, anche se sarà in primavera il periodo in cui si potranno trarre i maggiori benefici, quando il sole prenderà il posto dei fari a led e sarà un piacere attendere il proprio turno di gioco in compagnia degli amici-avversari”, dichiara Max Fogazzi, ideatore del circuito e pure lui schierato tra i giocatori a Cellatica. “Sono arrivati commenti molto positivi per la nuova formula perché esalta l’aspetto social e tiene tutti i fighters uniti fino alla fine dei match, ma soprattutto permette a chi è un po’ meno forte di giocare più di una partita e confrontarsi con avversari sempre diversi, evitando i soliti incroci pericolosi con le teste di serie”. Si gioca di più quindi, mantenendo la stessa quota d’iscrizione.
Il tabellone finale, a Cellatica, ha visto in semifinale Giorgio Manica e Luca Casagrande oltre a Massimo Comisso e Antonio Antonini. Alla fine è stato proprio il bresciano Comisso a portare a casa il titolo, in finale su Manica. Per lui è il quinto titolo consecutivo al Tc Franciacorta.

Combined: ti iscrivi al singolare e giochi (gratis) anche il doppio
Il 2017 ha portato un altro beneficio per gli appassionati di tennis del circuito amatoriale targato Fit-Tpra. La Federazione infatti ha stabilito le quote d’iscrizione: la tassa di iscrizione ai tornei di singolare è di 7 euro, quella ai tornei di doppio è di 5 euro, ma nel caso dei tornei combined, cioè quelle manifestazioni che prevedono sia la gara di singolare che la gara di doppio nello stesso circolo, si applica una tassa unica di 7 euro, annullando di fatto la tassa relativa al torneo di doppio. Un incentivo in più per i fighters che decidono di partecipare ad entrambe i tabelloni.