-
Archivio News

NEI TORNEI WEEK-END CI SONO PUNTI PER TUTTI

Si è appena concluso il Master1300 di Rotterdam ed è già l'ora del “750” di Marsiglia

di Enzo Anderloni | 21 febbraio 2017

Si è appena concluso il Master1300 di Rotterdam ed è già l'ora del “750” di Marsiglia. Grande successo per il nuovo circuito week-end. Con una novità regolamentare: per il ranking conta il miglior punteggio. Ecco i dettagli

di Claudia Pagani

Il calendario tornei weekend con punteggi maggiorati, che ricalca le stesse tappe del circuito dei professionisti, ha come obiettivo quello di permettere a tutte le province e a tutte le regioni di organizzare lo stesso evento in contemporanea distribuendo così gli stessi punti, per una classifica sempre più aperta. I tornei sono i Master 750, i Master 1300, i Grand Prix e naturalmente i SuperSlam.

Il via da Rotterdam
Nel weekend appena trascorso si è svolto il primo master da 1.300 punti della stagione: dal trafficato porto di Rotterdam sono salpati ben 79 tornei che hanno interessato 677 giocatori in 22 province. Neanche il tempo di visitare i Paesi Bassi che i fighters sono già in viaggio, sempre metaforicamente s'intende, verso Dubai per sfidarsi a fine mese e contendersi i 1.300 punti a disposizione, per poi proseguire con Acapulco a marzo. Di questi tornei ne può essere attivato uno solo a livello provinciale per ogni categoria (maschile, femminile, doppio, ecc.). Quindi solo un circolo o un gruppo di due/tre circoli limitrofi, nel caso ci sia necessità di avere più campi a disposizione, può ottenere la tappa e decidere di inserire la categoria di torneo prescelta.

Le altre tipologie
Come detto oltre ai Master1300, ci sono i Master 750: questi possono essere inseriti e giocati in contemporanea in tutti i circoli Fit d'Italia e ogni circolo può ospitare al massimo 2 categorie nello stesso weekend, per esempio l'open maschile e femminile, oppure Limit65 e 45, ecc… scegliendo la formula One Day o sviluppandoli su 2/3 giorni da venerdì a domenica. Per il prossimo fine settima si torna, virtualmente, sul vecchio continente per il Master di Marsiglia, che vede già 26 province coinvolte per un totale parziale di 87 tornei. Salendo troviamo i Grand Prix, cui possono partecipare fino a 64 giocatori, con bottino in premio da ben 2.000 punti. Non possono ovviamente mancare i SuperSlam, sulla scia dei quattro major, che come abbiamo visto per i recenti Australian Open mettono in palio 3.000 punti. Tornei aperti a tutte le categorie di singolo e doppio e a valenza regionale.

Novità regolamentare
I fighters in questi eventi possono partecipare a più tabelloni della stessa manifestazione. E così il regolamento è stato aggiornato consentendo a ogni giocatore di vedere conteggiato per il ranking solo il punteggio migliore. “Certo, i giocatori con più possibilità di tempo – spiega Max Fogazzi - avranno qualche freccia in più al loro arco per tentare di acquisire il miglior risultato, ma il saldo punti non troverà nessuno in situazioni di vantaggio”. Se dunque un fighter partecipa al tabellone Open e al Limit45, e nell'open arriva in semifinale (700 punti) mentre vince il Limit45 (584 punti), ai fini della classifica verrà considerato solo il miglior punteggio e riceverà quindi 700 punti in totale.