-
Archivio News

ELENA RAMOGNINO: IL VOLTO NUOVO DEL TENNIS IN TV

Ha debuttato sugli schermi di SuperTennis durante Melbourne Today

di Enzo Anderloni | 31 gennaio 2017

Ha debuttato sugli schermi di SuperTennis durante Melbourne Today. Ora studia da padrona di casa del salotto d’informazione del canale Fit: “Federer mi ha stregato. E quest’anno dovevo giocare gli Australian Open Tpra…”

di Gabriele Riva - foto Costantini

Elena Ramognino ha già preso le misure. Del campo da tennis, nonostante giochi soltanto da un anno, e del salotto di SuperTennis. È il volto nuovo del canale della Fit, a partire dagli Australian Open e da Melbourne Today.

Fiction, teatro, tv, cinema… nel tennis direbbero che sei una giocatrice a tutto campo.
“Sì, ma tutto nasce dalla mia enorme passione per il teatro. Ho passato un’adolescenza a pane, scuola e teatro. Ho studiato grafica ma ho capito subito che non era la strada giusta per me. Allora ho lasciato Torino, la mia città, e ho cominciato questa avventura. Mi sono trasferita a Roma, dove ho preso una casa in affitto con un’amica e dove tutto è iniziato. Solo dopo è cominciato il mio percorso da presentatrice”.

Percorso che ora ti ha portato a SuperTennis.
“Sì, ed è stato rapidissimo il passaggio. Ho fatto il provino, è andato bene, sono stata ricontattata e abbiamo cominciato ad andare in onda, a vivere lo studio e a registrare”.

E come ti sei trovata?
“Molto bene, anche perché ovviamente io sono una grande appassionata di tennis. Certo, ho lavorato e sto lavorando tanto in questi giorni per essere pronta, non ho mai fatto questo tipo di lavoro nel mondo del tennis”.

Beh, Melbourne Today è stato un gran bel battesimo.
“Sì, mi sono immersa negli Australian Open, ho guardato le partite, mi sono tenuta aggiornata al massimo, non mi sono limitata a seguire la rassegna stampa. E poi c’era tutto un lavoro di redazione da fare, di scrittura. Lavoro che nelle esperienze precedenti non facevo, e questa cosa mi ha fatto molto felice perché ho sentito che posso metterci del mio. Così ho cercato di ‘rubare’ il più possibile dal team della redazione, gente espertissima e molto preparata”.

Dopo Melbourne Today che cosa dobbiamo aspettarci?
“Non posso anticipare molto, quasi nulla in realtà. Da un punto di vista personale anche dopo queste due settimane il mio obiettivo e lavorare per crescere e migliorare molto, con molta umiltà ed entusiasmo”.

E il tempo per scendere in campo?
“In questo momento sono infortunata quindi non posso giocare molto. Ma di solito lo faccio un paio di volte a settimana, anche tre. Gioco da un anno, prima mi limitavo a fare la spettatrice ma poi mi sono innamorata. Prendo lezioni al Circolo del Gianicolo, con il mitico maestro Luigi Santori. Purtroppo quest’infortunio mi ha fermato e mi ha anche fatto arrabbiare molto. Io volevo giocare gli Australian Open…”.

Gli Australian Open?
“Certo, gli Australian Open Fit-Tpra: sono mesi che rompo le scatole a tutti i miei amici con questa storia. Poi è successo di tutto: l’infortunio muscolare e la rabbia per non poter giocare, meno male che ho ricevuto la chiamata di SuperTennis, almeno gli Australian Open li ho fatti lo stesso, in un altro modo ma li ho fatti”.

Chi sono i tuoi preferiti?
“Sono rimasta, come molti, folgorata da Roger Federer la prima volta che l’ho visto dal vivo, agli Internazionali BNL d’Italia quattro o cinque anni fa. Però non ho veri e propri preferiti, in realtà ho qualche ‘non-preferito’ che mi sta antipatico, ma i nomi preferisco tenermeli per me (ride, ndr)”.

Come stile di gioco a chi ti ispiri?
“Mi dicono che ricordo la Sharapova, colpa di mio marito Marco che mi ha regalato uno dei suoi completini. Scherzi a parte, in campo mi piace essere aggressiva, perfino andare a rete. Il diritto credo sia il mio colpo migliore al momento, così come volée e smash”.

E il rovescio?
“Dovrei mettere su un po’ di muscoli, anche perché lo gioco rigorosamente a una mano”.