-
Archivio News

CI SONO GLI AUSTRALIAN OPEN… ANCHE PER GLI AMATORI

Al debutto la nuova formula del calendario dei tornei week-end

di Enzo Anderloni | 17 gennaio 2017

Al debutto la nuova formula del calendario dei tornei week-end. Dopo il primo Master 750 è già l'ora degli Australian Open, da quest'anno su scala nazionale: un torneo per ogni regione, per un ranking più equilibrato

Il primo Master dell'anno, quello che apre il nuovo calendario dei tornei week-end su scala nazionale e sullo stampo dell'agenda Atp, si è giocato dal 13 al 15 gennaio. Era il Master 750 Sydney, che fin da subito ha soddisfatto la voglia di tennis di oltre 450 amatori. Tutti alla ricerca dei primi punti utili da mettere in cascina per il ranking, così da cominciare con il piede giusto - nonostante qualche panettone ancora da smaltire del tutto - la rincorsa alle AWT Finals di fine stagione (dal 24 al 26 novembre, nella fetta di stagione del Masters di Londra dei campioni Atp).

Australian Open: si parte col botto
L’inizio di stagione è decisamente incoraggiante, perché il SuperSlam è subito dietro l'angolo (dal 27 al 29 gennaio). Quest'anno, tra le tante novità del circuito Fit-Tpra, va ricordato che le tappe dei SuperSlam, grazie al nuovo calendario, saranno distribuite su scala nazionale (un torneo per ogni regione). Grazie anche a questa nuova formula, l'evento ha già superato i numeri dell'edizione 2016 e punta a raddoppiare il numero dei partecipanti non appena si saranno risolte le pratiche di rinnovo della tessera FIT. Sì, perché l'inizio dell'anno ha costretto diversi protagonisti del ranking ad accelerare le pratiche burocratiche, visto che i conteggi per il ranking dell'attività non-agonistica partono subito.

Parlare la stessa lingua
Tornando al campo e ai meccanismi del nuovo ranking, lo scopo dichiarato del calendario tornei week-end è quello di portare tutte le città ad avere le stesse tipologie di gara, e dunque di punti a disposizione per i giocatori. Questo, come ovvia conseguenza, consente a tutti i giocatori di avere le stesse possibilità di ottenere punti in vista dell'Awt Finals, che in questa stagione diventerà ancor più basato sulla pura meritocrazia della stagione. Bello, anzi, bellissimo vivere negli stessi attimi le emozioni dei Pro e parlare la loro stessa lingua. Tra Master cui partecipare, punti da acquisire e Slam da conquistare.