-
Archivio News

RIVOLUZIONE 2017: TUTTE LE NUOVE REGOLE

Calendario unico più omogeneo su scala nazionale per dare a tutti le stesse possibilità di primeggiare, abbassamento del limite di classifica a 4

di Enzo Anderloni | 20 dicembre 2016

Calendario unico più omogeneo su scala nazionale per dare a tutti le stesse possibilità di primeggiare, abbassamento del limite di classifica a 4.4 per accedere al ranking-tornei, nuove AWT Finals, Social Championship e non solo…

di Max Fogazzi e Marcello Sportelli - foto A. Costantini

Due focus principali. Sono questi che hanno spinto verso le riforme, i nuovi regolamenti e i calendari 2017. Vediamo quali sono questi due focus. In prima istanza, il divertimento puro al di sopra della vittoria e della sconfitta. Già, perché come direbbe un goliardico frequentatore del circuito di origini romagnole, Davide Farina, “Che vinca o che perda lunedì devo andare a lavorare comunque…”. In secondo luogo, si vuole permettere a tutti i giocatori d'Italia di essere “in gara”, con uguali possibilità per migliorare il proprio ranking, della serie: “…anche se non vivo in Lombardia o nel Lazio, posso ambire anch’io alla Top Ten”.

Un calendario unico
Questo lo spirito con il quale la squadra Fit-Tpra ha progettato la nuova stagione tennistica ormai alle porte. Ognuno potrà sempre più vivere il ranking Fit-Tpra come vuole, con la tessera FIT (agonistica o non agonistica), si potranno giocare le sfide con gli iscritti, scegliere a quale torneo partecipare sporadicamente oppure cercare di scalare la vetta del Ranking Ufficiale “simulando” una vera carriera stile ATP. L'obiettivo dunque è quello di distribuire gli stessi punti in ogni provincia grazie allo sviluppo del Calendario Unico di Base, la vera grande rivoluzione dell'anno.
Ecco le varie tipologie di tornei che lo andranno a comporre.

Come il circuito Atp
Si parte con i Master 750, che distribuiranno 750 punti come replica degli Atp 250 del calendario pro (potranno essere organizzati liberamente da ogni circolo).
Poi ci saranno i Master 1.300 che distribuiranno 1.300 punti come replica degli Atp 500 e ne sarà organizzato uno per provincia.
Come gradino subito superiore, ecco i Master Grand Prix, che distribuiranno 2.000 punti come replica dei Master 1000 del circuito Atp, e anche in questo caso ne sarà organizzato uno soltanto per ogni provincia.
E poi, come per il calendario maggiore, ci saranno i 4 SuperSlam che equivalgono ai 4 slam, che distribuiscono fino a 3.000 punti e si giocheranno uno per ogni regione italiana. A fine anno, poi, il classico master di fine stagione, le AWT Finals tra i migliori giocatori ufficiali in classifica.
Inoltre, dopo tutte queste novità, non poteva mancare un'ennesima ciliegina sulla torta, un nuovo circuito chiamato Social Championship, ovvero il campionato italiano “Sociale” Fit-Tpra. Che si può riassumere così, giocare il torneo sociale del proprio circolo (anche di periferia, magari con un solo campo solo estivo…) e giocare sui campi del Foro Italico, durante gli Internazionali BNL d’Italia, a pochi metri da Djokovic e Murray. Un passo più breve di quanto possa sembrare.

Più possibilità per tutti
Fino ad oggi, nonostante la grande crescita del circuito, i grandi eventi con punti maggiorati sono sempre stati centrali nell'anno tennistico del circuito ma anche troppo dispendiosi per chi voleva arrivare in alto, inoltre una differenza di “Montepremi punti” tra le zone più attive e quelle meno attive creavano un divario potenziale troppo importante per i giocatori, in alcuni casi incolmabile. E così il nuovo Calendario Unico di Base si pone degli obiettivi importanti. È nato dunque per portare tutti i giocatori d'Italia ad avere le stesse condizioni di punteggio e di gioco. Eventi giocati contemporaneamente in tutt'Italia caratterizzeranno l'anno sportivo rendendolo incredibilmente accattivante, entusiasmante e virtuoso. Ovviamente, insieme al calendario unico, continueranno a crescere anche i tornei tradizionali e i circuiti locali che fino a oggi tanto hanno catturato l’entusiasmo di circoli e giocatori.

Le nuove Finals
Abbiamo detto che cambierà, nella formula, anche il Master finale. Alle Awt Finals 2017 potranno così partecipare, per la categoria Open, i migliori 8 del ranking maschile all'1 ottobre (ore 7.00). Questi giocheranno inizialmente con due gironi all'italiana proprio come succede a Londra per i “Maestri” del circuito Atp. A qualificarsi saranno anche le migliori 4 della classifica femminile, i migliori 4 del ranking Limit65 e del ranking Limit45, oltre alle due migliori coppie di doppio maschile e doppio misto. Ad aggiungersi al gruppo saranno invitati anche i 4 “new best fighters” dell'anno, cioè i migliori 4 giocatori in classifica che si siano registrato al ranking Fit-Tpra nel corso del 2017.

Campionato… sociale
Vediamo anche come funzionerà il nuovissimo Social Championship. I circoli e i propri soci hanno di fronte la grande possibilità di dare seguito al proprio torneo sociale portandolo alla ribalta. Come? È presto detto: tutti i circoli che tra l'1 gennaio e il 31 dicembre 2017 organizzeranno (gratuitamente, vale a dire senza alcuna tassa Fit) la propria tappa sociale (maschile, femminile, doppio e doppio misto) attraverso il sistema Fit/Tpra potranno mandare i propri vincitori e finalisti a una fase provinciale e a una regionale per cercare di conquistare la fase nazionale. La quale, altra sorpresa, sarà disputata al Foro Italico di Roma durante gli Internazionali BNL d'Italia.

Gli amanti del doppio
Infine è giusto sottolineare come tante altre novità e vantaggi sono stati previsti anche per gli amanti del doppio. La quota Fit per ogni iscritto verrà diminuita da 6 a 5 euro e diventerà gratuita per le iscrizioni “combined”, ovvero per tutti coloro che si iscriveranno a singolo e doppio contemporaneamente.

La classifica, l'età, le sfide e il power: le regole 2017 per essere… un fighter
A partire dalla stagione 2017 al circuito Fit-Tpra potranno partecipare i classificati con classifica limite 4.4. Coloro i quali in passato avessero avuto una classifica superiore potranno rientrare secondo lo schema seguente:

- i giocatori e le giocatrici che hanno compiuto il sessantasettesimo anno di età potranno accedere al circuito Fit-Tpra senza limiti di classifica avendo attualmente una classifica di 4.4 o minore;
- i giocatori e le giocatrici che hanno raggiunto in carriera la classifica 4.2, ma attualmente hanno classifica inferiore o uguale a 4.4 potranno accedere ai tornei al compimento dei 54 anni;
- I giocatori e le giocatrici che hanno raggiunto in carriera la classifica C4, ma attualmente hanno classifica inferiore o uguale a 4.4 potranno accedere ai tornei al compimento dei 58 anni;
- I giocatori e le giocatrici che hanno raggiunto in carriera la classifica C3, ma attualmente hanno classifica inferiore o uguale a 4.4 potranno accedere ai tornei al compimento dei 62 anni.