-
Archivio News

APPASSIONATO DI TENNIS? OK, SONO UN FEDERASTA…

La vittoria di Dimitrov su Nadal a Pechino alimenta l’illusione che ci possa essere un’altro Federer dopo Federer

di Enzo Anderloni | 12 ottobre 2016

La vittoria di Dimitrov su Nadal a Pechino alimenta l’illusione che ci possa essere un’altro Federer dopo Federer. E’ la passione per la bellezza del nostro sport che spinge a seguirlo quasi morbosamente. Un sentimento che unisce e alimenta iniziative straordinarie come Tennis & Friends o spinge un grande dirigente come Sergio Palmieri a impegnarsi anche a livello regionale

di Enzo Anderloni – Foto Getty Images

Nel raccontare la progressiva presa di palcoscenico del più prossimo emulo di Roger Federer, cioè il bulgaro Grigor Dimitrov, la penna di Piero Valesio (vedi pag. 5) impiega un termine che nel dizionario non si trova: federasta. Persino Google, che ormai ha surclassato la Treccani nelle ricerche di chiunque, vacilla e cade. “Esta palabra non existe”, rispondono in un forum spagnolo che compare al secondo posto nella classica delle risposte più accreditate. Ebbene da oggi esiste. E non solo: mischiando passione e ironia dice bene in un colpo solo cosa lega tanta gente (compreso il sottoscritto) a quel fuoriclasse simbolo del tennis.

C’è la radice (Feder) che rimanda al soggetto in questione; c’è l’aspetto religioso (rasta) che mette insieme la pace, lo sballo, l’amore e la musica; infine c’è quell’assonanza equivoca con un termine che evoca amore fisico di maschi per altri giovani maschi che nel caso di Roger Federer potrebbe suonare un po’ come il verso della più famosa canzone di Elio e le Storie Tese, “Supergiovane”, dedicata a un immaginifico supereroe per il quale la passione è tale da poter far cambiare perfino certi gusti.

Scherzi a parte e andando oltre il neologismo (che grazie alle sue firme Supertennis Magazine è ancor oggi in grado di produrre) questo spunto tira in ballo ancora una volta le passioni che il nostro sport genera. Che sono fortissime e trascinanti.

Due esempi nello scorso weekend. A Roma il grande successo di Tennis & Friends, la manifestazione che propone al Foro Italico il tennis giocato da tante facce note, malate di tennis (da Fiorello a Bonolis, da Dolcenera a Neri Marcorè ecc. ecc.), per fare da traino all’evento vero che sono 43 postazioni mediche, con 23 ecografi e la possibilità di fare esami preventivi per moltissime patologie della quale hanno approfittato nel week-end più di 5.000 persone. Esattamente là dove in maggio si sfidano i migliori giocatori del mondo, il prof. Giorgio Meneschincheri ha pensato di sfidare la malattia e prevenirla. La passione per il tennis ha fatto il resto.

La stessa passione che permeava dalle poche e semplici parole con cui Sergio Palmieri, direttore degli Internazionali BNL d’Italia, ex prima categoria di tennis, storico manager di John McEnroe, si è presentato a Milano come candidato alla presidenza del Comitato regionale della Fit. Un ruolo che per uno come lui, vuol dire avere ancora voglia di mettersi al servizio di un mondo che sente proprio fino al midollo. Il fatto che sia stato eletto praticamente all’unanimità è di sicuro frutto della sua statura nel mondo del tennis ma ciò che si è respirato nella sala congressi dello Star Hotel di Rogoredo era l’immediata adesione, comunanza con chi ama il tennis e lo vive intensamente tutti i giorni. In quell’atmosfera è stato ancor più bello veder nominare presidente onorario, per acclamazione, un grande dirigente appassionato come Antonio Mariani. E non deve stupire più di tanto che questa nomination sia stata sostenuta con un pubblico intervento anche dal suo storico oppositore Stefano Ottolini. La passione per il tennis unisce. E permette di fare grandi cose.

Articolo tratto da SuperTennis Magazine n. 37 - 2016

Per scaricare il numero completo della nuova rivista settimanale potete CLICCARE QUI Registrandovi al servizio My Fit Score potrete riceverla automaticamente ogni mercoledì via newsletter. La rivista è scaricabile (e stampabile) in formato pdf.

SuperTennis Magazine – Anno XII – n.37– 12 ottobre 2016

In questo numero

Prima pagina –Ok, sono un federasta Pag.3

Circuito mondiale – Kyrgios, cosa vuoi fare da grande? Pag.4

New balls, please: Dimitrov torna a splendere: è l’illusione di tutti i… “federasti” Pag.5

Focus – Kamil Majchrzak, il polacco che segue Nole Pag.7

Terza pagina – Forget, l’angelo timido di Lione Pag.8

I numeri della settimana: La Gran Bretagna… Konta Pag.9

Il tennis in tv –Mosca è tutta diretta Pag.11

In Italia – Serie A1: parte l’attacco la Forte: caccia agli scudetti di A Pag.13

Giovani, mondo junior: Musetti è velocissimo Pag.18

Giovani, master Eta: meravigliosa Federica Pag.19

Circuito Fit-Babolat – 196 ragazzi, che master! Pag.20

Circuito Fit-Tpra: come si va al Master? Pag.22

Personal coach – I big points giocali così Pag.23

Racchette e dintorni: Wilson Pro Staff 97S: la “Roger” di Grigor Pag.24

La regola del gioco: quei match da giocare in chiaroscuro… Pag.26