-
Archivio News

SAM QUERREY, IL GIGANTE ANTI-SLAM

In carriera Querrey ha battuto 13 Top 10, ha vinto 8 titoli Atp e ha guadagnato oltre 7 milioni di dollari in montepremi

di Enzo Anderloni | 14 luglio 2016

In carriera Querrey ha battuto 13 Top 10, ha vinto 8 titoli Atp e ha guadagnato oltre 7 milioni di dollari in montepremi. Eppure è l'anti-eore americano che verrà ricordato per aver impedito a Djokovic di fare il Grande Slam

di Alessandro Nizegorodcew - foto Getty Images

Sam Querrey come Roberta Vinci. Due imprese che hanno scosso il mondo del tennis, spegnendo il sogno del Grand Slam a Novak Djokovic e Serena Williams. A Wimbledon Querrey ha disputato un match perfetto, sorprendendo il numero uno del mondo in quattro set. “Zio Sam” è un tennista troppo spesso sottovalutato, il classico anti-eroe, che in carriera vanta però ben 8 titoli Atp e 13 vittorie contro Top 10.

Samurai Sam - Sam Querrey nasce a San Francisco, California, il 7 ottobre del 1987. Inizia a giocare a tennis all’età di 4 anni e i primi successi giungono al liceo, quando per gli amici della Thousand Oaks High School diventa “Samurai Sam”. La University of South California gli offre una borsa di studio, ma Querrey rifiuta e, su consiglio di papà Mike, si lancia nella carriera da professionista. “Credo che mio padre mi abbia spinto verso il circuito Atp per non farmi commettere il suo stesso errore”, ha ripetuto più volte lo statunitense. Papà Mike nel 1979 fu scelto al quinti giro del draft MLB dai Detroit Tigers, ma preferì rinunciare alla carriera professionistica nel baseball accettando l’offerta della University of Arizona. Sam vince il suo primo titolo Atp a 20 anni a Las Vegas e, immediatamente, i media statunitensi lo definiscono “il nuovo Roddick”. Un epiteto che pesa, un paragone che manda in crisi Querrey. Nonostante ciò, il lungagnone californiano conquista ben 8 titoli Atp, l’ultimo dei quali a Delray Beach nel 2016, raggiunge nel 2011 il best ranking di n.17 al mondo e vanta un prize money da 7 milioni di dollari.

Anti-eroe - Eppure, forse per il suo essere anti-eroe e così poco personaggio, Querrey è sempre stato snobbato dagli addetti ai lavori. Servizio devastante, diritto pesante e potente, rovescio bimane a corrente alternata, Zio Sam è un tennista molto complicato da affrontare, in particolar modo su superfici rapide. A Londra, grazie al successo su Novak Djokovic, il californiano ha realizzato la tredicesima vittoria in carriera contro un Top-10, dimostrando, soprattutto sul veloce, di essere un giocatore di grande affidamento, che a fine anno chiuderà per la decima stagione di fila tra i Top 100 Atp. Nonostante i risultati e le vittorie di prestigio, Sam Querrey avrebbe corso il rischio di finire, una volta terminata la carriera, nel dimenticatoio tennistico. La vittoria sul numero 1 del mondo gli permetterà invece di essere ricordato, per sempre, come colui che ha negato il Grande Slam a Novak Djokovic.

Curiosità: Querrey al reality show
Sam Querrey è balzato agli onori della cronaca anche per motivi extra-tennistici. Lo statunitense, in un periodo di crisi sentimentale dopo la fine di una lunga storia d'amore, ha partecipato nel 2015 al reality show americano 'The Millionaire Matchmaker', in cui di fronte alle telecamere i single cercano l'anima gemella. “Ho pensato che sarebbe stato divertente - dichiarò Querrey al sito Atp -, ne ho parlato con alcune persone fidate e poi ho deciso di buttarmi”. A Wimbledon Querrey si è presentato con tutta la famiglia, fidanzata (non conosciuta in un reality show) compresa.

La scheda di Sam Querrey
Nato a San Francisco, il 7 ottobre 1987
Altezza: 198 cm, peso: 95 kg.
Coach: Craig Boynton
Ranking: 29, best 17 (31 gennaio 2011)
Titoli Atp: 8. Top 10 battuti: 13