-
Archivio News

GLI OSCAR DELLE CORDE… SECONDO INTERNET

Il sito tedesco Stringforum, iper tecnico e popolato da appassionati tester di tutto il mondo, propone annualmente le sue classifiche delle corde, in base ai voti dei suoi iscritti

di Enzo Anderloni | 17 giugno 2016

Il sito tedesco Stringforum, iper tecnico e popolato da appassionati tester di tutto il mondo, propone annualmente le sue classifiche delle corde, in base ai voti dei suoi iscritti. Nelle categorie più utilizzate, sintetici monofilamento e multifilamento, hanno vinto Solinco Tour Bite e Tecnifibre X-One Biphase. E tra le novità, primo posto per le corde di Robin Soderling

di Mauro Simoncini

Boris Becker, ex.n1 ora coach del numero 1 al mondo, disse un giorno: "la racchetta è lì solo per sostenere le corde". Un’affermazione un po’ estrema ma che ha un fondo di verità. Ma che soprattutto aiuta a capire l’importanza della scelta della corda, troppo spesso in secondo piano rispetto a quella della racchetta.
Negli ultimi tempi però il pubblico degli appassionati, grazie anche a riviste specializzate come la nostra e ai vari forum su internet, sta aumentando la propria consapevolezza e anche la competenza sull'argomento incordatura. A confermarlo sono anche i negozianti specializzati che sempre più spesso ci dicono di clienti che avanzano richieste molto specifiche in quanto a tipo, tensione o calibro delle corde. Richieste non sempre corrette, perché qualcuno pensa subito, dopo aver consultato solo qualche discussione o qualche Forum sul web, di essere molto competente in materia. Ma si sa, questo è un problema più generico dell'accessibilità di Internet.

Votano gli utenti
Uno dei colossi in materia tennistica di materiali e nello specifico di corde è il sito tedesco StringForum.net. È una sorta di enciclopedia virtuale delle corde, con un incredibile database di 3116 tipi diversi di corde! Ci sono anche guide per incordare, definizioni, spiegazioni, contatti e recapiti delle diverse aziende.
Ma il vero pezzo forte di questa immensa "Tennis String Community" è la classifica annuale a mo' di Corda dell'anno, divisa per specifiche voci, mirata o generalista. Innanzitutto i votanti, gli utenti (232) che hanno scelto la loro preferita; non necessariamente dopo un test in campo, si tratta semplicemente di un'opinione. Per i giudizi più oggettivi basati su un test pratico occorre consultare il Ratings Database, in cui ogni corda può essere votata per: durata, potenza, controllo, sensibilità, comfort, spin o qualità/prezzo.
Al di là dell'utilissima raccolta di dati e valutazioni su tutti i tipi di corde, le tre classifiche dell'anno 2015 fanno emergere curiosità, sorprese e certezze.

Le tre classifiche
Nella prima classifica (corde in poliestere) vince abbastanza nettamente Solinco Tour Bite: una corda in co-poliestere con aggiunta di additivi e con l'utilizzo di processi di riscaldamento e raffreddamento per stabilizzarne le caratteristiche. Ne è stata probabilmente apprezzata la morbidezza e la tenuta di tensione rispetto alle colleghe. Secondo posto per Yonex Poly Tour Pro, un altro confortevole e controlloso monofilo. Sul gradino più basso del podio Tier One T1 FireWire, poco conosciuta in Italia: sezione triangolare per un'eccellente resa degli spin.

Nella classifica delle corde "non poliestere" vince davvero senza storia (oltre 300 voti contro i 117 del secondo posto) Tecnifibre X-One Biphase, probabilmente il multifilo con prestazioni e sensazioni di gioco più vicine al budello. Al secondo posto Wilson Sensation, che forse vincerebbe su tutti per il rapporto qualità/prezzo. Infine medaglia di bronzo per Head Rip Control, un'altra corda sintetica con feeling che richiama il budello e che premia anzitutto il controllo (con un effetto rugoso asimmetrico) per gli spin.

Interessanti risultati nella classifica "Newcomer of the Year" (le novità 2015) in cui si issa al primo posto il monofilamento RS di Robin Soderling, ex giocatore svedese che ha lanciato recentemente un marchio tutto suo di corde, palline e anche overgrip. Secondo posto per la nuova versione 4S del Black Code di Tecnifibre (sezione quadrata); più staccata dietro la Revolve Wilson, inizialmente lanciata in arancione con le racchette Burn. Tre monofilamenti in ogni caso, a testimonianza dell'orientamento oramai abbastanza preciso del mercato che vede una richiesta molto forte di questo tipo di corde. Raccomandazione: se le usate anhe voi, scegliete calibri sottili, non esagerate la tensione e dopo 8/10 ore di gioco, se non le rompete, sostituitele ugualmente.