-
Archivio News

LO STILE ITALIANO A ROMA, CON LA MAGLIA DI LANA

Australian celebra il suo 60° anniversario a Roma vestendo come sempre giudici di linea e raccattapalle

di Enzo Anderloni | 06 maggio 2016

Australian celebra il suo 60° anniversario a Roma vestendo come sempre giudici di linea e raccattapalle. Lorenzo Maioli ci racconta i capi d'abbigliamento ufficiali degli IBI 16 che vedono protagonista il materiale pregiato e naturale che in questo caso tiene… freschi

di Mauro Simoncini

La classe non è acqua. E’ lana Merino. Quella del team arbitrale degli Internazionali BNL d’Italia che quest’anno Australian ha vestito di capi esclusivi realizzati con il materiale pregiato e naturale, in un tessuto fresco, perfetto per affrontare il sole caldo della primavera romana. Non è solo la qualità, l’eleganza dei prodotti: c’è il made in Italy a contraddistinguere da sempre l’azienda che quest’anno compie 60 anni. Leardo Gabrielli ha fondato e lanciato un marchio - L’Alpina Maglierie Sportive - ispirato ai grandi successi dei campioni australiani di tennis degli anni Cinquanta e Sessanta. Giordano Maioli, campione italiano di tennis, giocatore e capitano della Coppa Davis è poi diventato Direttore Generale dell’azienda (di cui prese in mano il marchio nel 1976) in cui hanno adesso ruoli cruciali i figli Lorenzo (amministratore delegato) e Andrea (project manager).

Il “canguro” si è sempre fatto riconoscere per la qualità dei materiali dei tessuti, il comfort, la longevità. In più negli ultimi anni lo stile si è ammodernato e stagione dopo stagione i completini Australian si stanno facendo riconoscere anche per fantasia, originalità e cura dei dettagli, al passo coi i tempi e le mode del Terzo Millennio. Ne abbiamo parlato con Lorenzo Maioli, alle prese con l’allestimento e l’organizzazione di un curato stand in occasione degli Internazionali d’Italia BNL 2016.

Australian infatti oltre a essere partner della Federazione Italiana Tennis (per cui il canguro veste nazionali, staff, maestri, istruttori etc.etc.), ha un accordo di sponsorizzazione anche con gli Internazionali d’Italia BNL di Roma, evento cruciale del tennis in Italia in cui Australian veste tutto lo staff impegnato nella grande macchina del Foro, dai giudici di linea ai raccattapalle che sfrecciano in lungo e in largo da un campo all’altro.

GIUDICI –“Per quanto concerne l’abbigliamento dei giudici - spiega Maioli- Australian con il supporto di The Woolmark Company (l’autorità globale della lana Merino) ha sviluppato una linea dedicata a loro. Una polo azzurra zaffiro in tessuto Jersey in lana Merino 140 di Reda e un elegantissimo maglioncino in lana Merino extrafine con canguro verde e linee azzurre e verdi utilizzando i filati di Zegna Baruffa.

Con Zegna Baruffa invece si è concepito un elegantissimo maglioncino in lana Merino extrafine con canguro verde e linee azzurre e verdi a richiamare i colori anche delle polo”. “Per festeggiare il 60° anniversario Australian ha scelto la lana rendendo omaggio alla tradizione storica del tennis, eredità in fatto di materiali propri dell’abbigliamento tennistico sin dai primi Novecento. Ma non è solo una scelta “vintage”, perché con la lana si punta anche sulla performance tecnica, rispetto ai materiali sintetici che vanno per la maggiore (poliestere). E senza contare l’importanza di proporre capi realizzati senza trattamenti e con altre specifiche a basso impatto ambientale. Un abbigliamento bello, elegante e anche più “ecologico”. Lo stesso materiale è poi direttamente protagonista sul campo da gioco, indosso al testimonial storico Paolo Lorenzi, che avrà una grande novità, una t-shirt in lana, proprio a testimonianza del fatto che la scelta del materiale non è solo segno di classicità ma anche di tecnicità”.

BALL BOYS –“A proposito di ecologico e verde- continua Maioli - oltre al blu classico e un inserto bianco la polo dei raccattapalle è carica di verde, acido, ben visibile e riconoscibile. E’ realizzata con l'inconfondibile cotone piquet elasticizzato di Australian, scelto per garantire massimo comfort e libertà di movimento. Anche in questo caso la scelta del materiale e del prodotto (polo piquet) è un riferimento storico da un lato e un premio alle performance dall’altro, visto che ragazzini e ragazzine dovranno faticare (e non poco) per correre dietro alle palline. Nelle giornate meno calde gli “ormai” mitici raccattapalle avranno a disposizione anche la felpa in cotone leggero, in blu (per bimbo) con richiamo bianco e verde acido sulla spalla e un cangurone verde sul petto. Nella linea Ball Boys esiste anche ovviamente abbinato un cappellino verde e blu

Novità Cloche con visiera - Una novità particolare tra gli accessori di quest’anno – conclude Maioli - sarà un cappello anche per le signorine e signore giudici, dopo il successo del “panama” maschile dello scorso anno. Il cappello Cloche con visiera è ideato per chi predilige l'eleganza fuori e dentro il campo. Un capo di classe, che sarà di sicuro molto utile nelle giornate più calde del torneo”.