-
Archivio News

VCORE DUEL G 97, LA NUOVA YONEX DI WAWRINKA

L'ultima versione dell'attrezzo di Stan Wawrinka, uno dei telai più pesanti sul mercato (330 g)

di Enzo Anderloni | 22 aprile 2016

L'ultima versione dell'attrezzo di Stan Wawrinka, uno dei telai più pesanti sul mercato (330 g). Bisogna saperci fare e spingere a tutto braccio da dietro, senza esagerare con le rotazioni. Prezzo di listino: 259,95 euro

di Mauro Simoncini

La qualità dei prodotti finiti Made in Japan, non solo tennistici, è unanimemente riconosciuta. Il mercato del tennis la esprime con gli attrezzi Yonex (più recentemente protagonista anche con le calzature e altri accessori).

Se poi si azzecca la scelta di un testimonial, peraltro "total look", cioè anche calzato e vestito Yonex, il successo ai botteghini è una naturale conseguenza. È così sin dagli Australian Open gli occhi di molti appassionati erano puntati su Stan Wawrinka e sulle sue bordate di rovescio con la sua nuova arma, la Yonex VCore Duel G 97.

LE TECNOLOGIE

Il nuovo modello ha perso un bel po' di arancione a favore di nero canna di fucile e grigio/verde; ma ha acquisito Tough G Fiber (una combinazione di fibra di vetro - Glass Fiber - e di carbonio) che risulta tre volte più flessibile del Carbon Nanotube. Reattività ed elasticità si traducono sul campo in pesantezza e resa più immediata degli spin.

Gli studi dei giapponesi riguardano un momento fondamentale, quello successivo al rimbalzo della palla: 14% di altezza in più dopo il rimbalzo della pallina e l'8% di spin in più (sempre dopo il rimbalzo), tutto rispetto alla precedente versione VCore Tour G. C'è poi anche un innovativo sistema di grommet (Lock Booster System) per distribuire al meglio la pressione della corda, che si blocca maggiormente e fa disperdere così meno potenza.

INCAMPO

Sicuramente si intuisce dal primo contatto che di racchetta molto seria, agonistica e selettiva si tratta. Ma senza conoscere il dato del peso della bilancia, tenendola in mano pochi penserebbero di manovrare quasi tre etti e mezzo (telaio con incordatura). Merito del bilanciamento, che è stato sapientemente collocato tra manico e cuore della nuova Yonex VCore Duel G 97. I primi colpi, specialmente quelli piatti, "appoggiandosi" sul ritmo e sulla palla dell'avversario, hanno ottimo controllo e tanta potenza, forse più di quella che ci si aspetterebbe. La sensazione è quella di pastosità, solidità. Sembra di riuscire a trasferire il peso importante dell'attrezzo sulla palla, che diventa, appunto, davvero pesante. Certo ci vuole un livello tecnico medio-alto per poter sfruttare le qualità di un'arma che può diventare letale. Certosino il backspin, davvero incisivo oltre che preciso; il top non è così "generoso" se ad eseguirlo non sono mani e braccia educate oltre che strutturate fisicamente. Insomma, precisa sì, ma soprattutto potente. Sempre proporzionalmente al livello tecnico di gioco, si riesce anche quasi sempre a difendersi bene: il merito è il piatto corde di forma isometrica (Isometric), marchio di fabbrica Yonex, per ampliare lo sweetspot, caratteristica che in un telaio con queste asperità si fa sentire.

A rete è comoda, anche qui forse oltre alle aspettative; si serve bene in tutte le varianti anche se per ottenere pesantezza e incisività, magari da una seconda in kick, occorre spingere a dovere con le gambe.

Una racchetta per chi vuole - e sa - spingere a tutto braccio, senza troppi fronzoli e non esasperando le rotazioni. Non per tutti, ma per agonisti di seconda e terza categoria (almeno). Per tutti gli altri ci sono le "sorelline" meno pesanti.

IL PAGELLONE 81/100

Potenza 7,5 | Controllo 8 | Maneggevolezza 8 | Fondo 8 | Rete 8 | Servizio 8 | Top 7,5 | Back 8 | Estetica 9 | Comfort 9

Il LAB

Marca: Yonex Modello: VCore Duel 97 Ovale 97 Profilo20 mm Lunghezza 68,6 cm Peso 345 g Bilanciamento 32,8 cm Rigidità 66 Inerzia 346 potenza 61/100 controllo 35/100 maneggevolezza 56/100

(Racchetta incordata corde Poly Tour Fire calibro 1,25 - tensione 22-21 kg)