-
Archivio News

CHI È JIRI VESELY, IL KILLER DI DJOKOVIC

Non ci era riuscito nessuno prima di lui in questo 2016: a Monte-Carlo il boemo, n

di Enzo Anderloni | 21 aprile 2016

Non ci era riuscito nessuno prima di lui in questo 2016: a Monte-Carlo il boemo, n.53 Atp, sorprende l'imbattibile Nole. È un gigante di un metro e 98, dal gioco moderno, che fu n.1 del mondo Under 18. Conosciamolo meglio

di Alessandro Nizegorodcew - foto Getty Images

Giugno 2010, Queen’s Club di Londra. Novak Djokovic affronta Xavier Malisse, numero 74 del ranking Atp. Il belga, già semifinalista a Wimbledon in gioventù e tennista di grande talento, è tra gli avversari più ostici da affrontare durante le stagione erbivora. Il match è equilibrato ma Djokovic, n.3 del mondo, viene sconfitto con il punteggio di 6-3 4-6 6-2. Aprile 2016, Monte-Carlo. Novak Djokovic fa il suo esordio nel Masters 1000 monegasco contro il ceco Jiri Vesely, numero 55 Atp. Il gigante boemo gioca il match della vita e, aiutato dalla prova incolore del serbo, si impone per 6-4 2-6 6-4. Sono passati cinque anni e dieci mesi dalla sconfitta contro Malisse a Londra, quasi sei anni dall’ultima sconfitta di “Nole” contro un tennista non compreso tra i primi 50 del ranking Atp. Nel lasso di tempo compreso tra Malisse e Vesely, Djokovic ha conquistato 106 vittorie su 106 contro tennisti di tale classifica mondiale. Ma chi è Jiri Vesely?

La storia - Jiri Vesely nasce a Pribran, nella Boemia centrale, il 10 luglio del 1993. A 4 anni prende in mano la prima racchetta e comincia a giocare contro il muro ogni giorno, per ore, grazie all’omonimo papà Jiri, maestro di tennis. “I miei primi ricordi legati a questo sport? Una racchetta, una pallina gialla e un muro - racconta Vesely -. A 10 anni, per la prima volta, ho incontrato un giocatore professionista. Era Ivan Lendl, fu un’emozione incredibile”. La famiglia Vesely si trasferisce in Germania, prima a Wolfsburg e quindi a Gottingen, città nelle quali Jiri Sr fa il coach e dove Jiri Jr cresce tennisticamente. La carriera junior è folgorante: Vesely è vice-campione europeo under 14 nel 2007 e a 15 anni conquista il primo titolo Itf under 18. L’inevitabile approdo al n.1 di categoria del mondo arriva nell’anno di grazia 2011, che vede il giovane ceco conquistare l’Australian Open, raggiungere la finale a New York e vincere il primo torneo da professionista a Teplice, nella sua Repubblica Ceca. Il salto nel professionismo è stato per molti talenti particolarmente traumatico, ma non per Vesely, che nel 2013, a 20 anni, viene insignito della “Atp Star of Tomorrow” come più giovane tennista a chiudere la stagione tra i Top 100.

La svolta - Mancino, potente, altissimo ma dalla buona mobilità, Vesely conta su un servizio devastante, un diritto carico e molto incisivo, oltre a un rovescio bimane dall’ottimo timing. Il classico giocatore moderno che sa essere propositivo e, quando necessario, difendere per poi contrattaccare. Il 2015 sembra essere l’anno della svolta, grazie al primo titolo Atp conquistato ad Auckland partendo dalle qualificazioni e al best ranking di numero 35. Ma Jiri non è ancora pronto per il salto di qualità e nei grandi tornei (e contro grandi avversari) fa molta fatica, nonostante una bella finale raggiunta sulla terra di Bucarest. A Montecarlo, all’improvviso, la partita della vita contro Novak Djokovic: una miriade di servizi vincenti, diritti potenti, rovesci precisi e puntuali e palle corte millimetriche. “Ho voglia di piangere e ridere nello stesso momento - racconterà Vesely dopo il suo primo successo in carriera contro un Top 10 - sono emozioni indescrivibili”. E poco importa se al turno successivo il ceco abbia racimolato tre game contro un indemoniato Gael Monfils, splendido finalista nel principato, perché Vesely vuole continuare a stupire, a confrontarsi con i Top 10 e, perché no, provare a raggiungerli.

La scheda: nel 2015 vinse l'Atp di Auckland
Jiri Vesely nato a Pribran (Rep. Ceca)
il 10 luglio 1993
Altezza: 198 cm, peso: 92 kg
Ranking: 53
Best ranking: 35 (27 2015)
Titoli Atp: 1 (Auckland 2015)
Titoli Challenger: 5; titoli Futures: 9