-
Archivio News

SOSPENSIONE PER OSCURITÀ: È ORA DI FARE LUCE…

Se una partita viene interrotta perché non sussistono le adeguate condizioni di visibilità

di Enzo Anderloni | 06 marzo 2016

Se una partita viene interrotta perché non sussistono le adeguate condizioni di visibilità? Beh, è allora che entrano in gioco il numero dei giochi effettuati al momento dello stop e il famigerato luxometro

La situazione

Francesco e Giovanni stanno giocando una partita di singolare su un campo in terra battuta senza la possibilità di illuminazione artificiale e senza la presenza dell'arbitro.

Che cosa succede?

L'incontro, iniziato alle ore 17, é già in campo da due ore, e il sole ormai sta tramontando. Il punteggio è di 3-2 nel terzo set in favore di Francesco. Sul 15-0, Giovanni chiama il giudice arbitro perché vuole sospendere la partita perché asserisce di non vedere più bene la palla.

Soggettività e… lux

Riuscire a stabilire con certezza e oggettivamente fino a quando sia possibile continuare a giocare una partita con l'oscurità incombente e senza l'ausilio di luci artificiali non è mai agevole. Questo perché anche la visione di ognuno di noi può essere differente, e chi più chi meno può essere in grado di giocare anche con meno luce del normale. Sia a livello professionistico sia a livello di tornei nazionali, qualora si preveda di disputare alcune partite con luce artificiale, sono imposti dei limiti minimi di "lux" che devono essere presenti nel campo onde consentire una visuale minima che permetta la regolare disputa di una partita di tennis.

Come si procede?

Nel nostro caso, come premesso, non sono presenti le luci artificiali, quindi nel momento in cui il sole dovesse tramontare e non fosse più possibile garantire una efficace e sufficiente visuale ai due giocatori, sarà necessario sospendere l'incontro. Ma a differenza degli eventi atmosferici e climatici come pioggia, nebbia o neve, nel caso di sospensione per oscurità sarà necessario sospendere la partita o alla fine del set, oppure nel caso in cui si sia raggiunto un numero pari di giochi disputati in quel set. Quindi, per esempio, che si sia sul punteggio di 2-2, di 3-3 o di 4-2. Questo accade perché si pensa già al momento in cui il gioco riprenderà. Allora sarà importante ricominciare nella stessa condizione e con i giocatori nella medesima posizione. Eventualità che non potrà avvenire su un eventuale punteggio di 3-2, perché i giocatori sono obbligati a cambiare campo ai giochi dispari.