-
Archivio News

ANGELIQUE KERBER: 5 COSE CHE DOVETE SAPERE DI LEI

Non vi aspettavate che Angelique Kerber battesse Serena Williams in finale a Melbourne

di Enzo Anderloni | 30 gennaio 2016

Non vi aspettavate che Angelique Kerber battesse Serena Williams in finale a Melbourne? Se non la conoscete bene, ecco alcuni aspetti del suo essere campionessa che potrebbe essere interessante conoscere

di Enzo Anderloni – Foto Getty Images

Non è mancina - Può sembra incredibile ma giocare a tennis è l’unica cosa che Angelique Kerber fa con la mano sinistra. Infatti per dipingere, lanciare un oggetto o tenere una posata, usa la destra. È una propensione particolare che i suoi genitori notarono sin dalla prima volta che si trovò su un campo da tennis, a tre anni. E la lasciarono fare. Bella intuizione, no? Non è però la sola destrorsa che gioca con la sinistra tra i grandi del tennis: anche Rafael Nadal è tennista mancino per scelta.

Usa la destra in tutte le faccende della vita e da piccolo giocava entrambi i colpi bimani. Dovendo staccare una mano, consigliato dallo zio allenatore Toni, scelse di staccare la destra. Altri casi analoghi famosi sono quello del suo connazionale Carlos Moya, della francese Bartoli e della giapponese Kimiko Date-Krumm.

E’ tedesca ma vive in Polonia - Angelique Kerber è nata a Brema il 18 gennaio 1988 ma vive in Polonia , a Puszczykowo, dove i nonni materni hanno un circolo di tennis che hanno ribattezzato in suo nome Centrum Tenisowe Angie

Lo scorso anno giocò da schifo tutti gli Slam – Nel 2015 Angelique Kerber non ha mai raggiunto la seconda settimana nei tornei del Grande Slam. Ha però passato un periodo di allenamento negli Usa, a Las Vegas, con la sua connazionale Steffi Graf, l’ultima tedesca ad aver vinto un titolo del Grande Slam ( Roland Garros 1999) e capace nel 1988 di realizzare il Golden Slam, cioè conquistare tutti e quattro i titoli major (Australia, Roland Garros , Wimbledon e Us Open) più la medaglia d’oro alle olimpiadi di Seul. Steffi la incoraggiò e le diede le giuste motivazioni per cotinuare a lavorare sodo con il suo coach Torben Beltz.

Non è affatto un talento precoce – Angelique Kerber non è stata una bambina prodigio, come tante stelle del tennis. Si mise in mostra nel 2011, a 23 anni, quando raggiunse le semifinali agli Us Open senza essere testa di serie. L’anno successivo avrebbe chiuso n.5 del mondo raggiungendo le semifinali a Wimbledon, i quarti al Roland Garros , vincendo i tornei di Parigi Indoor e Copenhagen. Proprio nel 2012, a Cincinnati riuscì a battere una prima volta Serena Williams. Avrebbe perso tutti i successivi 5 faccia a faccia. Fino a quello di oggi.

Ha salvato un match point al primo turno - Quest’anno a Melbourne stava per uscire al primo turno. Ha dovuto infatti salvare un match-point contro la semisconosciuta giapponese Misaki Doi, n. 64 del mondo. Poi però si è guadagnata la chance di giocarsi il titolo degli Australian Open con una splendida performance nei quarti contro Vika Azarenka (battuta 6-3 7-5 rimontando nel secondo set da 2-5), grande favorita per un posto in finale contro serena Williams.