-
Archivio News

PRO STAFF CLASSIC 6.1, UN TUFFO NEL PASSATO

Gli americani di Wilson re-immettono sul mercato un telaio storico, quello usato da Stefan Edberg, per celebrare i “suoi” 25 anni

di Enzo Anderloni | 15 gennaio 2016

Gli americani di Wilson re-immettono sul mercato un telaio storico, quello usato da Stefan Edberg, per celebrare i “suoi” 25 anni. Una racchetta agonistica selettiva, pesante e di controllo, che riporta a senzazioni antiche. L’abbiamo ri-provata per voi

di Mauro Simoncini - Foto Getty Images

E’ stato un regalo “vintage” di Wilson agli appassionati tennisti di vecchia data: celebrare il venticinquesimo compleanno di una racchetta storica come Wilson Pro Staff Classic 6.1, con la riproposizione della stessa in copia conforme all’originale. Parliamo di uno degli attrezzi che più ha segnato la storia delle prima metà degli anni Novanta. Per un periodo in mano anche a Stefan Edberg (anche se in realtà lo svedese usava un ovale da 85 pollici quadrati), ma anche a una miriade di altri professionisti del circuito che difficilmente poi sono riusciti a cambiare attrezzo dopo essersi innamorati di questa giallorossonera. Costruita all’80% in graphite e per il restante 20% in Kevlar, la Pro Staff Classic si presenta esattamente ora come allora, a parte un logo celebrativo tra cuore emanico. La carta d’identità da laboratorio è quella di una tipica agonistica di quegli anni: ovale da 95”, profilo sottile da 21 millimetri, peso (non incordata) poco più di 340 grammi. Ma le asperità nelle specifiche non sono finite: bilanciamento “indietro” a 30,5 centimetri e schema corde fitto da 18 verticali e 20 orizzontali. Insomma un attrezzo non per tutti, complicato, selettivo, ma davvero performante se messo nelle mani giuste. A qualcuno viene da dire anche: come non se ne vedono più tanti.

Prova sul campo

Scendere sul terreno di gioco con questa racchetta è come fare davvero un tuffo nel passato (anche chi vi scrive per anni l’aveva scelta come compagna per allenamenti e gare). È proprio lei in tutto e per tutto. Solida, piena, compatta. Certo a confronto con anche le più difficili di oggi, appare addirittura proibitiva. La palla però si sente benissimo, i colpi piatti escono che è un piacere. Certo ci vuole tecnica più che discreta e anche una buona condizione e struttura fisica per sfruttare la notevole inerzia di cui si può disporre. È difficile far girare la palla con il top, ma il controllo a tratti è assoluto. Benissimo ci si trova anche arete dove la maneggevolezza e il bilanciamento “nascondono” il peso, rendendo molto solida la volée.

Le colleghe di “oggi”

Con questa Wilson Pro Staff Classic 6.1, che anche nell’aspetto appare antica, siamo davvero abbastanza lontani dalle agonistiche di oggi, con ovali da 100 pollici quadrati, profili marcati da quasi 25 millimetri e soprattutto pesi che si aggirano intorno ai 3 etti. Però esistono comunque telai che per alcune specifiche o caratteristiche potrebbero avvicinarsi alle sue sensazioni di gioco. Prima tra tutte ovviamente la Pro Staff attualmente utilizzata da Roger Federer, Pro Staff Rf97 Autograph, che pesa senzacorde 340 grammi e ha un ovale da 97.

Così come la Yonex VCore Tour G di Wawrinka, pure lei dal peso consistente, 330 grammi. Pure nella famiglia Babolat c’è un attrezzo pesante (320 grammi) dal profilo sottile (19 mm) e l’ovale addirittura identico alla Pro Staff Classic 6.1 quindi da 95”: è Pure Control 95. Infine Head, che nella sua famiglia annovera un altrettanto storico nome come Prestige, ne propone anche un modello moderno, dal peso accessibile (300 grammi) ma dal profilo classico (e sottile da 20 mm) e dal l’ovale addirittura più ristretto, da soli 93 pollici: la Prestige Rev Pro.

Zus, grafite su misura

L’altra più moderna alternativa per avvicinarsi alle “vecchie” sensazioni della Wilson Pro Staff Classic è Zus Custom, che offre telai totalmente personalizzati in base alle proprie esigenze. Uniche fisse costanti: grafite di alta qualità e profilo sottile, proprio come Pro Staff Classic e le sue colleghe di allora. In più la scelta sull’ampiezza degli ovali disponibili da 95 o 100 pollici quadrati.