-
Archivio News

CHE COSA SUCCEDE SE LA PALLA È PRESA NELLA RETE?

Che succede se la palla prima tocca il nastro e poi nel ricadere non impatta sul campo ma resta impigliata o nella cinghia o nella parte ricurva della rete

di Enzo Anderloni | 27 dicembre 2015

Che succede se la palla prima tocca il nastro e poi nel ricadere non impatta sul campo ma resta impigliata o nella cinghia o nella parte ricurva della rete? Nel 2015 è successo un paio di volte, basta un soffio di vento di troppo…

La situazione

Fabio e Paolo stanno giocando una partita di doppio contro Alessandro e Marino.

Che cosa succede?

Durante uno scambio una palla colpita di diritto da Fabio colpisce il nastro della rete (che nel caso specifico è un po' lenta). Proprio per questo motivo, la palla dopo aver impattato sul nastro, rotola per qualche centimetro sopra di esso e ricade lentamente verso il campo avversario. Nella sua discesa a fil di rete però, la palla si incastra tra la cinghia centrale che tiene legata la rete al suolo e la rete stessa. E si ferma lì.

Mica tanto strano…

Molti di voi, a questo punto, si staranno chiedendo che razza di caso possa essere mai questo. Ebbene, nel corso del 2015 è un caso accaduto ben due volte. Una volta la palla si è incastrata proprio nella cinghia (come nel nostro esempio), un'altra volta invece, anche a causa del vento, è rimasta incastrata nella parte bassa della rete (la cui parte finale era ricurva verso l'alto, può avvenire quando la rete è un po' vecchiotta).

Il dibattito

Si è dibattuto lungamente su questa situazione, anche perché si era divisi tra le opzioni di concedere la vittoria del punto a chi aveva colpito la palla in quanto aveva comunque compiuto un buon rimando e l'avversario non sarebbe stato in grado di giocare quella palla e coloro che propendevano per rigiocare il punto, in quanto la palla non ha mai rimbalzato effettivamente per terra.

Come si procede?

Alla fine del dibattito ha prevalso la soluzione più salomonica, e in effetti probabilmente anche quella più corretta. Che cosa si fa? Si rigioca il punto! In effetti quando la pallina non tocca mai terra o non tocca nemmeno un arredo permanente, quel colpo non potrà mai essere definito né un buon rimando né un colpo terminato fuori. In più non possiamo essere comunque in grado di dire se l'avversario avrebbe mai potuto colpire quella palla. Va considerato anche che, teoricamente, la palla deve essere considerata in gioco fino a che non rimbalzi fuori, oppure non effettui il secondo rimbalzo dopo esser rimbalzata nel campo “buono”.