-
Archivio News

WILSON PRO STAFF 97 LS, LA FEDERER PER TUTTI

È il modello facile e leggero nella famiglia che fa capo alla RF Autograph di Roger Federer, un attrezzo iper-agonistico e iper-selettivo

di Enzo Anderloni | 18 dicembre 2015

È il modello facile e leggero nella famiglia che fa capo alla RF Autograph di Roger Federer, un attrezzo iper-agonistico e iper-selettivo. Ideale per giocatori dallo stile classico, che prediligono gioco piatto, aperturecontenute e tagli in back. Prezzo di listino 220 euro

di Mauro Simoncini

Il riferimento è un attrezzo di successo e il nome è storico, Pro Staff. Gli americani di Wilson hanno rivisitato nell'ultima stagione tutta la famiglia, "dedicandole" i testimonial più talentuosi e tecnicamente più evoluti: Dimitrov, Dolgopolov ma soprattutto Roger Federer. Come per tutti i telai che fanno capo ai top player, anche la Wilson Pro Staff 97 RF Autograph da 340 grammi di peso di Federer ha una versione più umana, terrena e accessibile quasi a tutti, dai Quarta fino ai giocatori di Club. Si chiama Pro Staff 97 LS. L sta per lite e S per Spin: racchetta più leggera e con pattern di incordatura ribaltato (18x16 invece che 16x19), di controllo ma abbordabile anche per chi non è agonista e non può supportare più di tre etti di peso.

LA TECNOLOGIA

Telaio in carbon grafite, esteticamente identico alla sorella maggiore, è dotato del sistema Spin Effect, in pratica lo schema corde con più verticali (18) e meno orizzontali (16) e a maglia più larga. Peso inferiore ai tre etti (290 grammi senza contare l'incordatura), ha un bilanciamento non eccessivamente spostato in avanti (32,5 cm) e un profilo non troppo accentuato (23 mm). Asperità più o meno smussate per concedere soddisfazione a una platea più ampia.

IN CAMPO

In mano - da lontano ma pure da vicino - sembra davvero di avere in mano la "Federer". Particolare non di poco conto visto che una corposa percentuale degli utilizzatori della Pro Staff RF 97 Autograph lo fa proprio per spirito di emulazione. Ma oltre a sua maestà Roger in realtà sono davvero pochi i giocatori che possono far rendere al meglio un telaio da 340 grammi di peso (senza incordatura). Andare “sul leggero” è un'ammissione di inferiorità, ma un'intelligente e realistica scelta. La Pro Staff 97 LS è azzeccatissima per giocatori di stampo classico, con gesti e preparazioni contenute; benissimo infatti si comporta sugli impatti piatti o con coperture in top appena accennate. Buon controllo anche dei tagli sotto, in backspin. Il peso specifico dei colpi da fondo è discreto. Tutte queste soluzioni sono "possibili" anche per livelli di gioco intermedi, grazie alla manovrabilità della racchetta, potente sì ma non troppo sbilanciata in avanti. Stabile e sicura quando ci si avvicina alla rete. Le volée sono secche, immediate, non serve ricamare. Al servizio, anche senza doti tecniche eccezionali, si fanno preferire comunque semplici prime palle piatte o delle varianti con taglio laterale slice, ficcanti e incisive. In sintesi una racchetta dalle sembianze agonistiche ma non troppo selettiva e performante anche per i Quarta Categoria o addirittura per qualche abile doppista di Club, nostalgico dei telai old style.

PAGELLONE 79/100

Potenza 8

Controllo 8

Maneggevolezza 8

Fondocampo 8

A rete 8

Servizio 8

Top 7

Back 7,5

Estetica 8,5

Comfort 8

LAB

Peso: 292 g

Ovale: 97 sq. In.

Profilo: mm 23

Bilanciamento: cm 33,1

Rigidità: 65

Inerzia: 310

Potenza: 42 su 100

Controllo: 59 su 100

Maneggevolezza: 80 su 100

LE ALTRE LEGGERE

Babolat Pure Aero Team pesa 280 g e ha lo stesso ovale da 100 della Pure Aero di Rafa Nadal. Invece Head Radical S oltre a pesare meno (280 g) della nuova Graphene XT Radical Pro ( Andy Murray) ha anche un ovale parzialmente maggiorato (102"). Head Speed S ha lo stesso ovale da 100 ma peso inferiore (285 grammi) rispetto all'attrezzo di cui Djokovic è testimonial.