-
Archivio News

L'INVASIONE DEL GOMMINO: VI È MAI CAPITATO?

Se il cosiddetto “vibration damping device”, applicato alle corde e utilizzato per ridurre le vibrazioni all'impatto con la pallina, si stacca dalla racchetta

di Enzo Anderloni | 01 novembre 2015

Se il cosiddetto “vibration damping device”, applicato alle corde e utilizzato per ridurre le vibrazioni all'impatto con la pallina, si stacca dalla racchetta? Dipende da quale parte della rete cadrà, ma rischiate di perdere il punto

La situazione

Alberto sta giocando una partita di singolare contro Gabriele.

Che cosa succede?

Durante uno scambio, il gommino anti vibrazioni (formalmente detto vibration damping device) presente sulla racchetta di Alberto, si stacca dal piatto corde e va a cadere nel lato del campo di Gabriele.

Anche più di uno

La stragrande maggioranza dei giocatori e delle giocatrici di tennis utilizza apporre sul piatto corde della propria racchetta il gommino anti vibrazioni: esso può essere apposto sulla racchetta nella parte esterna del piatto corde rispetto all'area dove le corde si incrociano. In effetti in genere alcuni lo posizionano nella parte bassa dove le corde non si incrociano. Da regolamento è possibile anche apporne più di uno, purché sempre nella zona suindicata. Va detto che, una volta apposto sulla racchetta, deve essere considerato parte della racchetta.

Invasione

Di conseguenza se durante il gioco il “gommino” dovesse colpire la rete, o finire nel campo avversario, verrà considerato alla stregua della racchetta e quindi come una classica invasione compiuta dal giocatore: l'effetto quindi sarà la perdita del punto. Stessa conseguenza se questo dovesse colpire direttamente il giocatore avversario, essendo considerato come un disturbo volontario.

Nel proprio campo

Nel caso in cui il gommino, invece, dovesse cadere nel campo del giocatore cui si è staccato, potrebbe configurarsi il caso di un disturbo involontario (come per una pallina che cada dalla tasca). La difficoltà, però, sta appunto nel vedere che queste azioni si compiano e distintamente accorgersi del gommino che salta via e capire dove va a cadere: per un arbitro è difficilissimo rendersene conto, essendo questo troppo piccolo e di scarsa visibilità.

Ma in pratica…

Ecco perché nei fatti, a meno che appunto l'arbitro non veda chiaramente volare questo gommino, non sarà possibile applicare la regola dell'invasione. Se al termine del punto si dovesse vedere il gommino giacente sul campo, non potendo essere in grado di stabilire con certezza quando questo sia saltato dalla racchetta e atterrato sul campo di gioco o sulla rete, sarà ormai troppo tardi per chiamare una invasione.

Le vostre domande- Doppio: si può servire dal corridoio?

Domanda - Nel doppio, il battitore può posizionarsi nella zona compresa tra il prolungamento della linea laterale del singolo e quella del doppio? Grazie. S. Di Benedetto

Risposta - Assolutamente sì. Il limite è definito dalla linea laterale che delimita in campo (nel doppio sarà la riga esterna del corridoio, nel singolo la linea laterale prima del corridoio).

Scriveteci all'indirizzo supertennismagazine@federtennis.it e diteci i vostri dubbi regolamentari. Li sottoporremo ai nostri esperti.