-
Archivio News

RINGRAZIAMO I FOGNETTA: CI PORTANO AI MASTERS. E A CASA LORO

Fabio Fognini e Flavia Pennetta, in doppio e in singolare, hanno portato l’Italia a vivere da protagonista gli eventi clou della stagione

di Enzo Anderloni | 28 ottobre 2015

Fabio Fognini e Flavia Pennetta, in doppio e in singolare, hanno portato l’Italia a vivere da protagonista gli eventi clou della stagione. E seguendoli su Twitter a condividere anche momenti semplici della loro vita quotidiana

di Enzo Anderloni

Fa un certo effetto poter entrare in casa di Fabio e Flavia, i “Fognetta” come si sono definiti in un tweet di saluti dal Masters 1000 di Cincinnati, quest’estate. Il tavolo della colazione con il piatto di uova strapazzate di Flavia, il barattolo della Nutella e quello della marmellata, il pane e i succhi di frutta.

Eppure è proprio Fabio con il suo account Twitter a invitarci, a permetterci di seguire frammenti della loro vita, anche molto teneri. Come quando gioca a far volare Flavia in alto sul letto della loro camera, una camera semplice, da coppia giovane come tante altre che si sta costruendo un futuro assieme.

E fa un certo effetto pensare dove questi due “ragazzi” (in Italia in effetti a 30 anni e dintorni vieni ancora spesso definito un “ragazzo”) ci hanno portato. I “Fognetta” ci hanno portato ai Masters, lei è a Singapore tra le prime otto giocatrici del mondo, lui insieme all’amico Bole (al secolo Simone Bolelli) andrà a Londra tra le prime otto coppie di doppio. Risultati storici per il nostro tennis che prima di questo decennio aureo, aperto dalla conquista della prima Fed Cup nel 2006, era stato a digiuno di grandi titoli e grandi soddisfazioni per quasi 30 anni.

Per questo è bello e confortante scoprire che dietro a queste eccezionalità, raggiunte attraverso un percorso lunghissimo di lavoro, di soddisfazioni e delusioni, di infortuni anche seri che ti mettono il dubbio di riuscire a ripartire davvero (e continuare a inseguire sogni grandi), ci sono quotidianità come le nostre ed emozioni semplici come le nostre. Ci sono baci Perugina a Pasqua e baci colorati su twitter. E teneri abbracci dopo una vittoria.

C’è da esser grati ai “Fognetta”, non solo per averci regalato grandi emozioni e cose di cui andare orgogliosi ma anche, nella loro spontaneità (che ogni tanto, specie nel caso di Fabio, è anche scomoda) per farci partecipare così da vicino alle loro vicende private. Come quando Fabio fa gli auguri ai suoi genitori per il 31° anniversario di matrimonio. O Flavia ci porta addirittura nella sala dei massaggi con Max Tosello.

Ci danno anche la possibilità di capire che, una volta spente le luci della ribalta, si torna tutti alla normalità, che per loro è intensità di allenamenti quotidiani, continui spostamenti da un Paese all’altro, o da un continente all’altro. Sfide, giornate sì e giornate no (queste le conosciamo anche noi).

Tra i retweet di Fabio c’è una formula scritta a mano su un pezzo di carta che recita così: Quello che la gente pensa: Successo = Fortuna. La realtà invece è: Successo = (Attitudine positiva + lavoro)³ fratto molto tempo. Quel tempo pieno che Flavia ha dedicato anima e corpo al tennis e che Fabio non ha ancora finito di spendere. A casa “Fognetta”, il bello deve ancora venire.

Articolo tratto da SuperTennis Magazine n. 37 - 2015

Per scaricare il numero completo della nuova rivista settimanale potete

CLICCARE QUI

Registrandovi al servizio My Fit Score potrete riceverla automaticamente ogni mercoledì via newsletter. La rivista è scaricabile (e stampabile) in formato pdf

SuperTennis Magazine – Anno XI – n.37 – 28 ottobre 2015

In questo numero

Masters a casa Fognetta Pag.3
10 momenti (+1) di una vita da star Pag.4

Batch Point: ci sono curve e curve Pag.7

Terza pagina: Billie Jean King, la madre del Masters Pag.8

Focus: Steve Johnson Pag.10

I numeri della settimana Pag.12
Tennis in tv: la programmazione di SuperTennis Pag.14

Serie A1: la terza giornata Pag.16
Giovani: Master Eta e Circuito FIT-Babolat Pag.16

Circuito Fit-Tpra: griglia completata Pag.18

Personal coach: Attaccante da fondo? Due schemi per te Pag.19

8 signore racchette: gli attrezzi delle protagoniste al Masters Pag.22
La regola del gioco: l’invasione del gommino Pag.24