-
Archivio News

MARCO CECCHINATO VOLA SEMPRE PIU’ ALTO

Nel 2015 23enne il palermitano è entrato nei top 100 e questa settimana ha fatto salire il best ranking al n

di Enzo Anderloni | 09 ottobre 2015

Nel 2015 23enne il palermitano è entrato nei top 100 e questa settimana ha fatto salire il best ranking al n.82 Atp. Non ha ancora vinto un match del circuito maggiore ma ha già battuto 8 Top 100. Ecco la sua storia

di Alessandro Nizegorodcew - foto Getty Images

“Cosa mi ha colpito in Marco Cecchinato? La sua capacità di vincere”. Parole di Massimo Sartori, tra gli artefici della crescita esponenziale del tennista siciliano. Palermitano, classe 1992, “Cech” è salito lunedì scorso al n.82 della classifica Atp raggiungendo il proprio best ranking. Il lavoro di coach Cristian Brandi è stato certosino e le migliorie, tecnico-tattiche e fisiche, paiono evidenti anche ai meno esperti: rovescio a una mano molto più solido, servizio potente e vario, diritto con cui sa muovere la palla in maniera egregia, sensibilità nella smorzata e, soprattutto, maestria nel vincere i punti importanti (Sartori dixit). A colpire in positivo, in questo 2015 che lo ha visto affrontare il gradino più ostico (da 150 a 80 del mondo), è stata la disarmante continuità nei tantissimi tornei disputati. Ben 79 match di singolare giocati sino a oggi (bilancio di 53 vittorie e 26 sconfitte) più 17 di doppio, per un totale di 96 incontri. “È stata un’annata molto positiva - ha raccontato Cecchinato - durante la quale sono cresciuto non soltanto tecnicamente ma anche caratterialmente. Mi alleno molto meglio rispetto a 3 o 4 anni fa e continuo a migliorare”.

La Storia - Marco Cecchinato nasce a Palermo il 30 settembre 1992. Inizia a giocare a tennis con suo zio, Gabriele Palpacelli, che gli mette in mano la prima racchetta. A 11-12 anni arriva il primo cambio di guida tecnica, ma la crescita del piccolo “Cech” rimane in famiglia, perché viene affidato a Francesco Palpacelli, figlio di Gabriele (e cugino di Marco) oltre che ex coach di Roberta Vinci. Ma un nuovo cambiamento radicale lo attende. A livello giovanile non vince molto, tanto che gli vengono spesso preferiti i coetanei Federico Gaio e Alessandro Colella. “A 16 anni mi sono trasferito a Caldaro, letteralmente dall’altra parte dell’Italia - spiega Cecchinato - imparando a gestire la mia vita da solo, senza particolari aiuti esterni”. Da allora è sotto la supervisione di Riccardo Piatti e Massimo Sartori. Dopo alcuni intensi mesi di lavoro con il corregionale Francesco Aldi, Marco decide di affidarsi a Cristian Brandi, ex davisman e attuale coach del talento siciliano.

Top 100 - Il primo exploit di Marco Cecchinato arriva agli Internazionali BNL d’Italia 2012, quando infiamma il pubblico della SuperTennis Arena superando Go Soeda nel 1° turno delle qualificazioni. Il giorno dopo lotta strenuamente contro Blaz Kavcic, cedendo 6-2 al terzo set. Gli appassionati romani lo adorano e durante i suoi match il tifo è alle stelle. Il primo successo challenger giunge nel 2013 a San Marino, dove il palermitano in finale si toglie il lusso di battere Filippo Volandri. La classifica risente in positivo dei tanti piazzamenti e quell’anno passa da n.400 a 160. Nel 2015, grazie a un record challenger di 43 vittorie e 13 sconfitte, approda nei Top-100.

Obiettivo Atp - Marco Cecchinato non ha ancora vinto un match di un torneo Atp. È questo, probabilmente, l’unico neo del suo positivo 2015. “Sono riuscito a qualificarmi tante volte in eventi del circuito maggiore - chiosa il palermitano - ma in effetti è mancato il successo. Ci sono andato vicino a Rio de Janeiro contro Nieminen, ma ho sprecato due match point”. La verità è che, seppur senza conquistare un incontro Atp, il palermitano ha già battuto in carriera 8 tennisti compresi nella Top 100. Cecchinato non ha fretta, è sempre salito gradino dopo gradino, senza cercare di strafare, giungendo oggi in quel gotha del tennis che, solamente 2 anni fa, sembrava quasi irraggiungibile. Per inseguire un sogno non basta sperare di arrivare, bisogna sudare, lottare, correre e soffrire. E, ovviamente, vincere le partite. Ma questo Cech lo ha sempre saputo fare.

Quest'anno ha vinto il Challenger di Torino

Nome: Marco

Cognome: Cecchinato

Nato a: Palermo

Il: 30 settembre 1992

Altezza: 185 Cm

Peso: 78 Kg

Allenatore: Cristian Brandi

Ranking Atp: 82 (best ranking)

Titoli Challenger: 2

(San Marino 2013, Torino 2015)

Titoli Futures: 5

Prize Money in carriera: 341.000$

$341.000