-
Archivio News

VOLERE È VINCERE: PENSA VOLITIVO IN 3 MOSSE

Fondamentale in uno sport come il tennis, la volitività - così come la volontà - può essere allenata e rinforzata sul campo giorno dopo giorno

di Enzo Anderloni | 08 settembre 2015

Fondamentale in uno sport come il tennis, la volitività - così come la volontà - può essere allenata e rinforzata sul campo giorno dopo giorno. Ecco come, con l’ausilio di tre esercizi di base, possiamo riuscirci più in fretta

di Antonio Daino I.S.F. R. Lombardi - foto Getty Images

La volitività è la capacità di una persona di mantenere l’attenzione, la determinazione e l’impegno con una elevata intensità su un certo compito protratto nel tempo. La volitività si esercita attraverso la volontà, l’essenza dell’uomo perché lo rende libero, responsabile e consapevole delle sue azioni. Naturalmente la volontà, come ogni altra funzione della personalità, può essere sistematicamente sviluppata e rafforzata, e se è debole, può essere allenata attraverso l’esercizio fisico proprio come si fa in palestra per incrementare la forza dei muscoli.

Prova e riprova

Nel contesto tennistico la volitività è una caratteristica che parte da lontano perché è strettamente condizionata allo stile educativo della famiglia dalla quale si proviene. Se il bambino è cresciuto in una famiglia che lo ha abituato gradatamente allo sviluppo della sua autonomia e del suo impegno nella gestione delle sue “cose” (giocattoli, abiti, attrezzi) sarà più facile dimostrare questa qualità sul campo da tennis per raggiungere i suoi obiettivi di gioco. Per esempio nell’apprendimento del servizio, compito notoriamente piuttosto complesso, sono necessari molti tentativi, prove, errori, insuccessi per potere raggiungere l’obiettivo che “visivamente” appariva di semplice realizzazione. È in questa situazione che si manifesta la volitività del soggetto nel rimanere concentrato sul compito fino alla sua soluzione. L’elemento più critico è rappresentato dalla grande quantità di ripetizioni necessarie per coordinare il lancio della palla con il “mulinello” della racchetta dietro la schiena prima dell’impatto.

Parlare aiuta

Ovviamente l’insegnante può supportare l’allievo, aiutandolo e incoraggiandolo ad accettare la sfida, a vivere l’errore come una esperienza formativa indispensabile. È molto utile far prendere coscienza agli allievi delle potenzialità e del ruolo che la determinazione, lo sforzo e l’impegno giocano nell’apprendimento del tennis, insegnando a verbalizzare convinzioni positive del tipo: “Sto imparando ad eseguire il servizio. L’espressione della volontà è un atto che presenta un forte valore simbolico perché comporta la manifestazione di un comportamento fisico, la considerazione di una motivazione, l’utilizzo dell’intelligenza che determina una scelta a favore di un obiettivo e potenzia lo sviluppo di una personalità forte e determinata verso la realizzazione dei propri traguardi.

Pensa positivo

La filosofia dell’apprendimento efficace deve essere improntata ad una visione ottimistica perché prevede una serie di azioni in progressione, una condotta perseverante, una motivazione che si rinnova di gioco in gioco e di esercizio in esercizio per il piacere che l’allievo prova nello svolgimento dall’attività. È l’abitudine a pensare in positivo, nella direzione delle cose da fare e non delle cose da non fare, che rende l’apprendimento efficace e produttivo e non improduttivo e demotivante.

Aumenta la volitività in 3 mosse

Ecco tre suggerimenti utili per migliorare la volitività in campo:

1) Bisogna scendere in campo specificando l’obiettivo mentale, fisico, tecnico o tattico su cui concentrarsi in quell’allenamento.

2) Provare a immaginare, quando si è al servizio, l’esecuzione dei 3 colpi con i quali si giocherà il punto: servizio alla T, diritto inside-out, volée di diritto. È necessario ripeterlo fino a quando si riesca a effettuare con successo la sequenza prevista.

3) Giocare un game di allenamento rinviando la palla nella stessa direzione dalla quale è arrivata (diagonale su diagonale oppure lungolinea su lungolinea). È opportuno provare fino alla conquista del punto con questa modalità.