-
Archivio News

SE IL CAMPO È UN BILIARDO… PALLA COLPITA, PUNTO FINITO?

Non è detto

di Enzo Anderloni | 27 giugno 2015

Non è detto. Perché se una pallina colpisce un'altra pallina rimasta sul campo di uno dei due giocatori durante lo scambio, questo potrebbe proseguire. Ma di sicuro non si rigioca

Foto Getty Images

La situazione

Giancarlo sta giocando il terzo set di un match di singolare contro Alfredo.

Che cosa succede?

Durante uno scambio, la pallina colpita da Giancarlo rimbalza su una pallina che giace in mezzo al campo dalla parte di Alfredo. A questo punto come ci si comporta?

Rischio accettato

La maggior parte delle partite che siamo abituati a guardare in Tv prevedono la presenza dei raccattapalle, i quali consentono di poter giocare una partita senza che nessuna pallina possa arrecare disturbo visivo o fisico ai giocatori. Al contrario, però, tutte le partite che siamo abituati a giocare, non prevedono questa possibilità, costringendoci a raccogliere le palline da soli tra un punto e l'altro. E così spesso può capitare che una pallina possa trovarsi in mezzo al campo all'inizio di un punto senza che nessuno dei giocatori la rimuova.

A livello di regolamento, in effetti, non è fatto obbligo a nessuno di rimuovere forzatamente una pallina che possa trovarsi in mezzo al campo. È molto importante ricordare però che, nel momento in cui entrambi i giocatori iniziano il punto con quella condizione, implicitamente stanno accettando il rischio che quella pallina possa interferire nel gioco.

Come si procede?

La conseguenza diretta di ciò è che - in un caso come il nostro - se una palla dovesse colpire durante il gioco una palla giacente in mezzo al campo, il gioco continua regolarmente. Tornando al nostro esempio: se Alfredo dovesse essere in grado di colpire la pallina nonostante l'interferenza della palla, allora lo scambio continuerà. In caso contrario perderà il punto.

L'eccezione: si rigioca il punto se…

In un caso di palla contro palla non è mai possibile rigiocare il punto nell'eventualità in cui una finisca contro l'altra. Questo perché, all'inizio del punto, non essendoci l'obbligo regolamentare di levare le palline dal terreno di gioco, i due giocatori implicitamente accettano il rischio che quella in gioco e quella in campo si colpiscano. C'è un però: la classica eccezione. Ebbene, l'unico caso in cui bisognerà rigiocare il punto si verifica quando non è possibile, data la dinamica, stabilire quale tra le due è la pallina in gioco e quale invece è quella giacente.