-
Archivio News

NEL NOME DI DJOKOVIC UN TELAIO CON DUE PIATTI

Nella nuova gamma Head Speed che fa riferimento a Novak Djokovic, non c’è solo la sua Speed Pro, top di gamma

di Enzo Anderloni | 01 giugno 2015

Nella nuova gamma Head Speed che fa riferimento a Novak Djokovic, non c’è solo la sua Speed Pro, top di gamma. Quest’anno è stata lanciata la Speed MP A, che può essere incordata con il classico 16x19 o con il più rado schema 16x16, nuova tendenza

di Mauro Simoncini e Enzo Anderloni - Foto Getty Images

Il testimonial di riferimento è un tipo discretamente bravo e discretamente conosciuto: Nole Djokovic, n.1 al mondo e grande protagonista al Roland Garros con una Head Speed Pro tra le mani. A qusto proposito può esser einteressante sapere che il serbo incorda con ibri

La linea Speed è stata rivisitata per la nuova stagione 2015 dall’austriaca Head con l’introduzione di innovative tecnologie e materiali ancora più avanzati. Nello specifico il Graphene Xt, una nuova generazione di quello già utilizzato dall’azienda austriaca nelle passate edizioni, è stato integrato in modo ancora più strategico. Si tratta del materiale più forte e più leggero al mondo che ha permesso di distribuire la massa nei telai in modo da colpire con più velocità e potenza la pallina senza dover necessariamente aumentare il peso delle racchette.

Più precisamente gli ingegneri di Head hanno diminuito di circa il 20% la massa nel cuore dei telai lasciandone invariata la stabilità; la stessa è stata strategicamente spostata visto che la maggior parte dei giocatori colpisce la pallina nella metà superiore del piatto, verso la punta, senza modificare gli equilibri. Con i nuovi settaggi è stato calcolato un incremento del 10% dell’energia trasmessa sulla pallina.

La più tosta è quella di Nole- Con queste premesse la nuova Head Speed Pro si presente come un’arma davvero letale per chi sa manovrarla ed esaltarne i pregi. 315 grammi di peso, 100 pollici quadrati di ovale e profilo sottile da 22 millimetri per una racchetta agonistica dal controllo assoluto, ideale per giocatori di livello, dai Terza Categoria in su. Anche perché le maglie fitte del pattern (schema corde) con 18 corde verticali e 20 orizzontali obbligano a spingere sempre quasi al massimo, specialmente se si vuole imprimere anche una certa rotazione ai colpi da fondo. Più o meno come fa Djokovic che, giusto a titolo di curiosità, fa incordare il suo attrezzo con ibrido (corde verticali in budello Babolat VS, corde orizzontali Luxilon Alu Power alla tensione, rispettivamente di 27,5 e 26,5 kg).

L’innovazione – Consolidata la versione più leggera, Speed Mp (MidPlus, 300 grammi di peso e 100 pollici quadrati di ovale) che ha già avuto un successone nelle passate edizioni, Head ha lanciato una grande novità: Speed Mp A. Caratteristiche strutturali identiche alla MP, ma con l’aggiunta di ASP (Adaptive String Pattern). In pratica la possibilità di avere a disposizione un set di grommets (passacorde) intercambiabili; nello specifico quelli laterali (a ore 3 e ore 9 per intenderci) delle corde orizzontali. Chi compra la racchetta può così scegliere così tra il il moderno “classico” 16x19 (quello della Speed Mp normale) per maggior controllo oppure passare a un pattern 16x16, con maglie dunque decisamente più larghe, per ottenere un piatto dove aumenta la spinta e si ha maggior resa degli spin.