-
Archivio News

ITALIA GRANDE POTENZA MONDIALE CON LE ATP FINALS

L’assegnazione a Torino del grande evento per il quinquennio 2021-2025 lancia il nostro paese al livello di Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna e Australia, le nazioni degli Slam

di Enzo Anderloni | 24 aprile 2019

L’assegnazione a Torino del grande evento per il quinquennio 2021-2025 lancia il nostro paese al livello di Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna e Australia, le nazioni degli Slam. Forse anche un po’ più su: con Internazionali BNL d’Italia e Next Gen Atp Finals un’offerta di sport e spettacolo unica al mondo

di Enzo Anderloni

Fino a ieri le Grandi Potenze del tennis erano 4: Australia, Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti. Erano i loro Slam a fare la differenza. Con la designazione di Torino come sede delle Atp Finals dal 2021 al 2025, l’Italia entra di prepotenza nel gruppo, un’elite ristrettisisma.

Internazionali BNL d’Italia a Roma, Next Gen Atp Finals a Milano e ora Atp Finals a Torino: qualità tennistica in grande quantità, un palcoscenico straordinario sul quale proiettare la crescita dei nostri giocatori e del movimento in generale.

Proprio mentre dal Quartier Generale dell’Atp arriva la notizia della scalata del PalAlpitour come teatro dello spettacolo tennisticamente più raffinato dell’anno (i migliori otto che si sfidano tra di loro) si registrano cifre record alla base. I 78 milioni di euro che dal Governo Italiano fino alla Fit, passando per Comune di Torino e Regione Piemonte, sono stati investiti per portare a casa nostra quello che sarà l’evento sportivo di maggiore risonanza in assoluto sul nostro territorio per cinque anni, poggiano su numeri in continua crescita.

Non è solo il best ranking (n.12 del mondo) di Fabio Fognini, matador di Nadal e storico vincitore a Monte-Carlo, a brillare. Le Pre-qualificazioni IBI19hanno già battuto il record totale di partecipazioni (erano state 15.865 nel 2018) e sono proiettate a sfondare quota addirittura 20.000 inscritti. Il Gazzetta Tpra Challenge, dedicato agli amatori, alla sua prima edizione ha superato quota 16.000.

E le classifiche mondiali due settimane fa hanno registrato per la prima volta nella storia 20 giocatori italiani tra i primi 200 del mondo. Un ragazzo classe 2001, Jannik Sinner, ha vinto tre tornei professionistici di fila ed è già arrivato al n. 311 Atp. Lorenzo Musetti, classe 2002, ha vinto le sue prime partite a livello Atp Challenger ed è il primo al mondo nella sua classe d’età.

Torino aspetta tutti i migliori: che grande occasione! Un capolavoro assoluto di chi ha saputo costruire e gestire la candidatura. Un grande regalo per tutti gli appassionati. Una prospettiva di futuro senza precedenti.