-
Archivio News

SE LO ZAINO SI ALLUNGA, LA RACCHETTA NON SPUNTA

Non più zainetti come alternativa al borsone: adesso c’è un nuovo formato più lungo e capiente, in grado di contenere tre telai per intero

di Enzo Anderloni | 22 marzo 2019

Non più zainetti come alternativa al borsone: adesso c’è un nuovo formato più lungo e capiente, in grado di contenere tre telai per intero. Dunlop lo lancia in versione… total black

di Mauro Simoncini

Le esigenze degli appassionati tennisti sono sempre più diverse. Non solo racchette o incordature. A proposito di portaracchette, qualche anno fa le bag si sono decisamente ingrandite; da un lato perché oramai anche i Quarta categoria e i tennisti di livello intermedio devono avere sempre con sè nell’ordine: due racchette, asciugamano, asciugamanino, ricambi, occorrente per doccia, scarpe di riserva e molto altro ancora. Dall’altro perché, come sempre, sull’onda dell’imitazione dei top player dei circuiti Atp e Wta, avere una bag da 9 o 12 telai, come dire, fa una certa scena…
È successo poi che, a fianco della soluzione extralarge, capiente ma in qualche modo scomoda se non strettamente necessaria, è comparsa una miriade di zaini e zainetti, di tutte le forme e colori. Quelli rosa e disegnati per le bimbe, quelli in pelle più eleganti per essere sfruttati anche nel tempo libero, quelli aerodinamici concepiti anche per il trasporto su due ruote e tanti altri ancora…

Tutti con qualche comune denominatore: molte tasche, interne e esterne, lo spazio con zip per gli indumenti sporchi o le scarpe di ricambio, ma con ingombro ottimizzato, ridotto al minimo. Quindi una o al massimo due racchette, e sempre con manico all’esterno, dotato, negli zaini più accessoriati, di coprimanico con zip.
Già la stagione scorsa poi qualcosa era cambiato. Babolat aveva proposto il suo zaino Team Line Maxi: capiente e funzionale con uno scomparto principale con chiusura zip per conservare fino a due racchette, uno secondario sempre con zip e ampia apertura per porvi ricambi, qualche altro indumento e tutto il necessario. Per capirsi, è uno zaino alto mezzo metro e largo 40 centimetri, dal quale comunque si vedeva sporgere l’involucro dei manici delle racchette.

La racchetta è tutta… dentro
Adesso è il turno di Dunlop che le racchette le fa entrare per intero nello zaino. Con i nuovi investimenti giapponesi, ha proposto la nuova linea Cx di racchette sviluppate grazie alla ricerca Srixon ma anche Dunlop CX Performance Long, uno zaino con cui trasportare addirittura tre racchette, un cambio e altri accessori. C’è uno scomparto posteriore imbottito per portare fino a tre telai (interamente coperti) senza fodero e con ferma manico in velcro; c’è poi uno scomparto centrale per i vestiti con tasche in rete per gli accessori, una piccola tasca superiore con zip per gli oggetti di valore e tasche laterali in mesh e elasticizzato per un tubo di palline o bevande varie. Ci sono cinghie laterali regolabili e anche in questo caso spallacci imbottiti e regolabili. Disponibile tutto in nero, in nero e grigio, o con inserti rossi (come la racchetta Cx 200); poco profondo ma arriva a quasi 75 centimetri di altezza, insomma copre tutta la schiena.
L’alternativa, simile anche nelle dimensioni, potrebbe essere lo zaino Active di Yonex (in blu o in rosso): può contenere due-tre racchette e l’occorrente per una partita; pratica e funzionale, se lo collochi su una panchina, “sdraiato”, ha tutto l’aspetto di una… borsa da palestra.
Tornando alle dimensioni più classiche e contenute c’è invece da segnalare la nuova linea femminile di zainetti Wilson Fold Over, dal design elegante ed essenziale. Può trasportare fino a due racchette oltre che il computer portatile. Ha il solito spazio per gli indumenti sporchi e una sacca rimovibile per le scarpe. In similpelle (PU) e poliestere al 50%, è disponibile in nero ma anche in due varianti cromatiche molto originali: bordeaux e verde pino. Un accessorio non solo… da tennis.