-
Archivio News

LA NUOVA HEAD INSTINCT HA QUATTRO FACCE

Tra le mani di Berdych e Sharapova la nuova versione della Head Instinct, con la tecnologia Graphene 360

di Enzo Anderloni | 16 gennaio 2019

Tra le mani di Berdych e Sharapova la nuova versione della Head Instinct, con la tecnologia Graphene 360. Promette ancora più potenza, con minor dispendio di energia, grazie a stabilità e maneggevolezza. Da oggi in vendita in 4 versioni. Eccole

di Mauro Simoncini

Oggi è il giorno dell’istinto, almeno per quelli di Head. La data ufficiale dell’uscita nei punti vendita della nuova edizione della Head Instinct, arricchita del Graphene di ultimissima generazione a 360 gradi. Materiale forte e leggero ma soprattutto distribuito con generositá in tutte le zone strategiche dell’attrezzo. Il tutto per conferire sicurezza e produrre potenza senza sforzo, assecondando appunto… l’istinto.

Come successo alla linea Speed (quella delle racchette di Djokovic e Sascha Zverev) e più recentemente alla Extreme (l’attrezzo di Matteo Berrettini), dal punto di vista estetico, le racchette della Casa Austriaca, anche in questa famiglia Instinct si sono “ripulite” perdendo ogni sfumatura e giocando sul netto contrasto tra il nero del cuore (e del manico) e l’azzurro/blu del telaio con solo le scritte in nero. Pochi fronzoli e immediata riconoscibilità in pugno a top player come Tomas Berdych e Maria Sharapova.

In ottica tecnologica oltre alle qualità della formula Graphene 360 la gamma Instinct si giova di un profilo innovativo nella sua sezione trasversale che dovrebbe garantire ulteriore stabilità e sweetspot più ampio.

La versione MP è quella dei top player

La famiglia di Instinct resterà invariata con la Mp a fare da “leader” con i suoi 300 grammi di peso, l’ovale da 100 pollici quadrati, schema corde 16x19 e bilanciamento (senza incordatura) a 32 centimetri, in linea esattamente con i canoni della moderna racchetta, una tipica tuttofare (prezzo di listino 220 euro). Più leggera e maneggevole c’è, con i suoi 285 grammi (e il bilanciamento “fermo” a 32 centimetri) la Instinct S (200 euro).

La Instinct Mp Lite, concepita specialmente per i giovani agonisti pesa invece 265 grammi ma sposta il punto di equilibrio decisamente più in avanti a 34 centimetri. Con la Lite cambia anche il piatto corde che diventa decisamente più grande e la rende attrezzo “facile”: 107 pollici quadrati con 270 grammi di peso bilanciati a 34 centimetri. Il prezzo sale a 210 euro.

PWR, iperleggera per vincere facile

Per chiudere il cerchio c’é la soluzione per il tennista Over o il doppista del Club: Head Instinct PWR è più lunga (27,7 pollici, oltre 70 centimetri) e ha un ovale oversize da 115 pollici quadrati, oltre che un peso (230 grammi) ai minimi storici. Tanta tecnologia ha peró il suo prezzo che è il piú alto della serie: 230 euro (sempre secondo il listino).

L’intento è appunto quello di assecondare un po’ tutti i potenziali fruitori, dal giocatore doppista del Club appunto sino al top player, puntando con decisione sulla potenza si ma soprattutto sul comfort e sul trasferimento di peso ed energia sulla pallina senza sforzi eccessivi, proprio come insegna la teoria dei manuali della tecnica del tennis.

Non resta che provarla la nuova Head Instinct, e da oggi, si può. Ufficialmente.