-
Archivio News

FORZA AZZURRI DI DAVIS, TUTTA GENOVA È PER NOI

La città attende a braccia aperte Fognini, Seppi & co sognando l’impresa contro la Francia, detentrice della Coppa

di Enzo Anderloni | 04 aprile 2018

La città attende a braccia aperte Fognini, Seppi & co sognando l’impresa contro la Francia, detentrice della Coppa. Un’atmosfera da match calcistico casalingo che sarà impossibile rivivere dall’anno prossimo se l’ITF deciderà di cambiare la formula del torneo

di Enzo Anderloni

Scendere in campo con uno stadio da 5.000 spettatori tutti per te. In palio un posto in semifinale di una delle competizioni che hanno fatto la storia del tuo sport. Un’emozione così è di quelle che ti spingono a sognare di diventare un grande tennista. Se ti dedichi anima e corpo alla racchetta da quando sei poco più di un bambino, è per momenti come quelli che gli Azzurri, Fabio Fognini in testa, si apprestano a vivere a Genova per i quarti di finale della Coppa Davis 2018. La sfida è contro una rivale di grande spessore e tradizione: la Francia, detentrice del trofeo. Eppure questa potrebbe essere l’ultima edizione della Davis così.

Se nella grande assemblea agostana dell’ITF sarà approvata la proposta di modifica del regolamento, addio ai match casalinghi: l’insalatiera fatta realizzare e messa in palio da Dwight Davis nel 1900 verrà assegnata al termine di un torneo a squadre giocato a fine stagione in sede unica. Pare sia più comodo per tutti, specie per i big, sempre più inclini a concentrarsi sui grandi tornei individuali dove ballano un sacco di dollari e un sacco di punti.

Infatti finanziatori e sponsor della nuova formula ci sono già. Come dichiarazioni di giocatori favorevoli. Salvo poi sentire un vuoto nel palmarès, come è successo a Federer nel 2014. E ridefinire la programmazione per provare a vincere con l’amico/rivale Wawrinka quel “bowl” d’argento che mancava in bacheca (sua e dell’intera Svizzera). E rinunciare in quel 2014 a giocare la finalissima delle Atp Finals di Londra (contro Djokovic) per salvaguardare la possibilità di scendere in campo una settimana dopo sulla terra battuta di Lille, proprio contro la Francia.

Certo, la Coppa Davis è “scomoda”: ti obbliga a giocare, spesso a combattere, in condizioni climatiche e/o ambientali particolari. Hai tutti i riflettori addosso. E può trasformare una partita che in un torneo Atp si poteva affrontare senza patemi in una corrida, dove anche il n.150 del mondo, quel giorno, con il boato del sostegno popolare a dargli morale, può diventare un n.1.

La Davis però ha anche la forza di prendersi il cuore di una città come è successo a Genova, che ha montato persino un campo sotto il portico di Palazzo Ducale, e trascinarlo sugli spalti a fare un tifo “da stadio”. Quel genere di emozione che un tennista non può che invidiare ai calciatori. Ci sarà un motivo se anche Nadal, pensando a un modo di rientrare in gioco, si è messo a disposizione del capitano Bruguera per la sfida che oppone la Spagna alla Germania.

Se lo godano, un ligure vero come Fabio Fognini e un ligure per tessera Fit (Tc Santa Margherita Ligure) come Andreas Seppi, quell’abbraccio del popolo tennistico genovese. Se lo goda tutta la squadra di Capitan Barazzutti mentre prova a cucinare i galletti di Capitan Noah. Nella vita di un tennista è un patrimonio di emozioni che non ha prezzo. E dal 2019 potrebbe rimanere il romantico ricordo di un’epoca (d’oro) che fu.

Articolo tratto da SuperTennis Magazine n. 13 - 2018

Per scaricare il numero completo della nuova rivista settimanale potete CLICCARE QUI Registrandovi al servizio My Fit Score potrete riceverla automaticamente ogni mercoledì via newsletter. La rivista è scaricabile (e stampabile) in formato pdf.

SuperTennis Magazine – Anno XIV – n.13– 4 aprile 2018

In questo numero

Prima pagina –Genova per noi Pag.3

Coppa Davis –Francia a cresta alta Pag.4

Coppa Davis –Intervista a Matteo berrettini, l’esordiente Pag.6

Terza pagina – La grande sfida ai Moschettieri Pag.8

Circuito mondiale –Ora Isner spacca tutto Pag.10

Circuito mondiale –Sloane Stephens adesso è Miss Finale Pag.13

I numeri della settimana –53 turni, zero break Pag.14

Il tennis in tv – Da Genova a Marrakech Pag.16

Pre-qualificazioni IBI 18 – Roma ultima chiamata Pag.17

Giovani– Musetti a 16 anni fa il pienone a Firenze Pag. 20

Circuito Fit-Tpra – Amatori d’Italia… il Foro vi aspetta Pag.21

Personal coach – Insegnati e dirigenti: già 2.569 aggiornati Pag.23

Racchette & dintorni: Bleus e Azzurri, le racchette della sfida Pag.24

L’esperto risponde – Erinnofili con la racchetta: ma che cosa sono? Pag.26