-
Archivio News

GHEDIN, PER LO SCUDETTO È BUONA LA… SECONDA

Ci era già andato vicino da Under 16 ma il primo tricolore in carriera per il trevigiano arriva a 29 anni sui campi di Casale Monferrato (Piemonte)

di Enzo Anderloni | 28 settembre 2017

Ci era già andato vicino da Under 16 ma il primo tricolore in carriera per il trevigiano arriva a 29 anni sui campi di Casale Monferrato (Piemonte). In doppio tricolore per i lombardi Alberto Brizzi e Marco Crugnola

di Roberto Bertellino

Casale Monferrato si è rivelata all’altezza della situazione e ha ospitato un’edizione da ricordare dei Campionati Italiani di 2a categoria maschili, denominati “Zerbinati Cup - Memorial Giuseppe Manfredi”. Sette giorni di grandi sfide (in più circoli dell’area con Canottieri Casale e Nuova Casale a farla da protagonisti) e due belle finali per l’assegnazione dei titoli. Grandi i numeri, anche al di là delle attese, come dimostrano i 286 iscritti nel tabellone di singolare partito con i match per i 2.8, 2.7 e 2.6. Sedici i qualificati nella sezione principale e due gli eletti a disputarsi il titolo.
Da una parte il 29enne veneto Nicola Ghedin, dall’altra il 24enne palermitano Antonio Campo, uscito vittorioso da una semifinale fiume contro uno dei favoriti della vigilia, il bresciano Alberto Brizzi (4-6 7-6 6-4). In finale è stato Ghedin a tenere il servizio dopo un avvio costellato di break e a volare verso la chiusura della prima frazione sul 6-3. Poi all’inizio del secondo set il trevigiano ha annullato a Campo diverse occasioni per portarsi in vantaggio e ha allungato prima sul 3-0 e poi sul 6-2 finale. “È una grande soddisfazione - ha detto il vincitore a caldo - perché da ragazzino avevo solo sfiorato un tricolore (under 16, ndr) ma non ero mai riuscito ad agguantarne uno in carriera. Farlo a 29 anni e davanti a un pubblico così numeroso come quello di Casale - ha aggiunto - è stato un valore aggiunto. Sono stato bravo a tenere il ritmo all’inizio del secondo set e continuare a credere nella vittoria quando ho visto che il mio avversario è un po’ calato”.

Brizzi e Crugnola vincono in doppio
Presenti alla cerimonia di premiazione le massime autorità cittadine, il consigliere nazionale Fit Pierangelo Frigerio, che ha sottolineato la bontà dell’edizione casalese dei Campionati e l’innalzamento del livello della manifestazione, i presidenti dei due circoli portanti l’iniziativa, Lorenzo Tiengo (Sport Club Nuova Casale) e Giuliano Cecchini (Canottieri Casale). Proprio alla Canottieri, in mattinata, era andata in scena la finale per l’assegnazione del titolo di doppio, con sul terreno di gioco i tandem Brizzi/Crugnola e Della Tommasina/Campo. Sono stati i primi ad avere la meglio, con lo score di 6-3 6-4, dimostrando maggior affiatamento e capacità di giocare bene i punti importanti: “Grazie al mio compagno - ha detto al termine Crugnola - che mi ha sopportato e supportato. Non posso certo dire che questo sia un momento agonisticamente intenso per il sottoscritto ma è sempre bello tornare ad assaporare il gusto del punto e della vittoria”.
“Peccato per la sconfitta nella semifinale di singolare - ha aggiunto Brizzi - ma grande gioia per questo successo davanti a un pubblico che per diverse stagioni mi ha visto in campo nella Serie A1 a squadre”. Un grande sforzo organizzativo è stato profuso nella settimana casalese e l’asticella è stata decisamente alzata con lo scopo di qualificare un appuntamento che assolutamente lo meritava.